Il Forum dedicato al modellismo dinamico
 
IndiceIndice  PortalePortale  CalendarioCalendario  GalleriaGalleria  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Condividi | 
 

 Pneumatici: interpretazione e riflessioni.

Andare in basso 
Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3  Seguente
AutoreMessaggio
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5548
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Pneumatici: interpretazione e riflessioni.   Mer 24 Gen 2018 - 13:20

Ranger Lungan ha scritto:
Qui posso spendere "my 2 cents" avendo anni fa pasticciato con stampo e Syntagom per clonare i cingoli di un robot giocattolo...

Come sempre il nostro amico romano procede con una cura esemplare.

L'unica cosa da tenere in considerazione quando si realizzano questi "cloni" e' che questo sistema riproduce ogni piu' piccolo particolare del pezzo di partenza, arrivando praticamente ai granelli di polvere... Quindi il mio consiglio e' quello di lavorare il pezzo di partenza per renderlo il piu' perfetto e pulito possibile... Smussare gli spigoli, stuccare la giunzione, lisciare le rugosita', pulirlo da residui di lavorazione.

Se sul pezzo di partenza fai un graffio con una limetta, stai sicuro che lo hai anche nel pezzo riprodotto...


Cool

... verità sacrosanta vissuta durante gli anni settanta dove mi cimentavo con le realizzazioni in scala minore (1.35) usando quello che il convento dell'epoca metteva a disposizione. In verità ben poco, però, parecchio creativo come esperienze modellistiche realizzando parti replicate per necessità soggettive ...

lol!

.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5548
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Pneumatici: interpretazione e riflessioni.   Mer 24 Gen 2018 - 13:30

.

... la prima fila "quella incontentabile" chiederebbe, se possibile, le misure dettagliate del campione in resina prima della realizzazione in gomma ...

ps. datasi la presenza di pensionati nullafacenti perditempo e logorroici incontentabili, lo spettacolo offerto li vivacizza sull'orlo della dipartita infondendo la persa giovinezza minata dalla continua rinuncia del piacere ... ovviando la felice attesa tritando i coglioni alla vittima di turno.

Grazie a nome di tutti.

bounce Laughing

.

Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
met5

avatar

Messaggi : 1241
Data d'iscrizione : 22.12.15
Età : 48
Località (indirizzo completo) : Roma

MessaggioTitolo: Re: Pneumatici: interpretazione e riflessioni.   Mer 24 Gen 2018 - 17:52

Le misure sono al momento Top Secret, verrà eseguito report tra pneumatico in resina e suo corrispettivo in gomma.

La resina soddisfa i requisiti richiesti al disegnatore, il cerchio pure, fino a qui tutto bene.

Al momento sono stato distratto sul carrellaggio dove sto smadonnando per quadrare il cerchio.

Approfitto per prendere dei feltrini lucidanti per portare la superficie ai massimi livelli.

Domani in giornata è prevista la colata del primo semiguscio..... Stay tuned lol!
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5548
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Pneumatici: interpretazione e riflessioni.   Mer 24 Gen 2018 - 18:32

.

................. intanto

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

.......... giustamente la prima fila applaude il tuo sforzo riflettendo

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

... sull'eterno mistero dell'attrazione femminile

L'attesa va spesa consona per una certa cultura godereccia.

lol!

.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
met5

avatar

Messaggi : 1241
Data d'iscrizione : 22.12.15
Età : 48
Località (indirizzo completo) : Roma

MessaggioTitolo: Re: Pneumatici: interpretazione e riflessioni.   Gio 25 Gen 2018 - 22:27

Le bimbe del Moulin Rouge hanno sempre il loro effetto energizzante:

Dopo aver lucidato con il polish per auto il pneumatico, lo abbiamo posizionato nella sua personalissima "Iron Maiden":

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

Il GLS-50 è stato preparato miscelandolo al 5% in peso del suo catalizzatore. Con una bilancia elettronica è un gioco da ragazzi:

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

dopo 2 minuti di mescolatura la resina è stata colata nello stampo:

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

Le istruzioni riportano 18 ore, io lascerò passare qualche ora in più. Lunedì si prosegue.........
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
Ranger Lungan



Messaggi : 142
Data d'iscrizione : 20.05.16
Età : 48
Località (indirizzo completo) : Via Cassoli, 21

MessaggioTitolo: Re: Pneumatici: interpretazione e riflessioni.   Ven 26 Gen 2018 - 8:20

Come puoi gia' vedere, l'incubo per chi fa queste cose sono le bolle d'aria...

Camere a vuoto non ne hai?

Cool
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
met5

avatar

Messaggi : 1241
Data d'iscrizione : 22.12.15
Età : 48
Località (indirizzo completo) : Roma

MessaggioTitolo: Re: Pneumatici: interpretazione e riflessioni.   Ven 26 Gen 2018 - 8:42

Camere a vuoto da noi non si usano. Dovrei chiedere.

Lunedì vediamo quello che è successo sotto il pneumatico. L'avevo lisciata col polish e non penso che le bolle d'aria si siano attaccate magari sul pelo libero la tensione superficiale le imprigiona.... magari
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
Ranger Lungan



Messaggi : 142
Data d'iscrizione : 20.05.16
Età : 48
Località (indirizzo completo) : Via Cassoli, 21

MessaggioTitolo: Re: Pneumatici: interpretazione e riflessioni.   Ven 26 Gen 2018 - 8:57

La bolla nello stampo e' poca cosa... Si rimedia facile. Al limite limite, se hai la piccola protuberanza nel pezzo finito la elimini senza grossi problemi... come i "peletti" che hanno le gomme reali nuove.

Molto piu' fastidiose sono le bolle che ci possono essere quando coli il Syntagom per castare il pneumatico... Qui per forza di cose gli sfiati sono molto piu' piccoli della cassa a cielo aperto con la quale fai lo stampo... Queste possono proprio comportare parti mancanti nel copertone.

Il cingolo che dovevo riprodurre io era molto sottile, circa 1,5 mm di spessore... Ma quando usciva senza bolle, festeggiavo!

Wink
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
met5

avatar

Messaggi : 1241
Data d'iscrizione : 22.12.15
Età : 48
Località (indirizzo completo) : Roma

MessaggioTitolo: Re: Pneumatici: interpretazione e riflessioni.   Lun 29 Gen 2018 - 10:52

Stamattina apertura dell'uovo di Pasqua:

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

Devo dire che è andata molto bene, si sono fatti i cunei di accoppiamento

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

Tolte le viti di fissaggio, spennellata abbondantemente c'era distaccante si colata la restante parte di resina

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

Per info: la confezione che ho acquistato io è da 500 grammi, costa sui 25 € ed è servita tutta quanta per la realizzazione di questo lavoro. Esiste anche la confezione da 1 kg, per info.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5548
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Pneumatici: interpretazione e riflessioni.   Lun 29 Gen 2018 - 11:54

.

... la prima fila applaude l'ovvio risultato ottenuto dal romano volenteroso dove in quanto a "fare" non si deve ricordare, intanto la prima fila facendo i conti della serva (utili per CAPIRE) dove il fai da te raggiunge sempre cifre almeno superiori di tre volte il costo commerciale standard ammortizzabile sui numeri prodotti ...

Il riferimento si unisce ai soggetti prototipati dove chiedendo il prezzo per l'acquisto il pretendente impallidisce.

... signori modellisti e no, non pasticciate un articolo da scatola, non vale niente se non lo stravolgete completamente ...

Evvvaaaiiiiii romanoooooo cheers cheers cheers cheers cheers cheers

.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5548
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Pneumatici: interpretazione e riflessioni.   Lun 29 Gen 2018 - 12:29

.

Sven prendilea come vuoli ma tu mi fai incazzare ogni volta che leggo il forum e non solo la parte dei modelli , dove pontifichi sulla autocostruzione offendendo chi compano un modello per divertimento. Non tutti spendono e sanno costruire modelli precisi e raffinati come i tuoi e basta la provocazione continua contro i soliti detrettori ignoranti che guardano dal buco della serratura masticando amerezze . Met5 è bravo, anzi di più, e di bravi se ne contano sulla sola mano , gli altri pero dove li metti, non ci sono? Ciao e se mi posti non m’interessa , conto come anonimo .
…………….

Quando scrivi da incazzato lo capisco dalla scrittura scomposta, che non è da te “calmo e rilassato”. Hai letto e subito svuotato lo stomaco in subbuglio, sai che mi fa piacere ricevere le critiche esterne, inoltre hai dato un cospicuo contenuto in passato proprio sul thread degli Anonimi, quindi passa anche questa. Su chi “spendono” rispondo che si può fare nel modo migliore ascoltando sempre chi ne sanno più di altri, i forum servono non per metterci patacche ma per l’informazione reciproca per non cadere in equivoche trappole insoddisfacenti. I miei soggetti non possono essere definiti né precisi e tanto meno raffinati, al massimo del merito originali e stop. La provocazione caro vecchio amico è servita a demolire alcune mele marce indirizzandole sui blog coatti dove, come ratti, se le scrivono e suonano fra loro senza diffondere la disinformazione sul modellismo, che non gli appartiene. I mercanti di caos si polverizzano da soli. Se per “altri” intendi chi hanno scelto la pratica del gioco, sono sicuro che nonostante i numeri ridottissimi disponibili, dove possono, ne traggono piacere senza nessuna altra ambizione, il gioco IR non ha niente in comune con il VERO modellismo e non ci vuole un mostro d’intelligenza per averlo compreso.

Ps. Non ho corretto gli errori, ciapàla come l’hai scritta.

.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
sharky63

avatar

Messaggi : 261
Data d'iscrizione : 16.12.13
Età : 55
Località (indirizzo completo) : Via Gandhi 1

MessaggioTitolo: Re: Pneumatici: interpretazione e riflessioni.   Lun 29 Gen 2018 - 15:08

Sven Hassel ha scritto:
.

Sven prendilea come vuoli ma tu mi fai incazzare ogni volta che leggo il forum e non solo la parte dei modelli , dove pontifichi sulla autocostruzione offendendo chi compano un modello per divertimento. Non tutti spendono e sanno costruire modelli precisi e raffinati come i tuoi e basta la provocazione continua contro i soliti detrettori ignoranti che guardano dal buco della serratura masticando amerezze . Met5 è bravo, anzi di più, e di bravi se ne contano sulla sola mano , gli altri pero dove li metti, non ci sono? Ciao e se mi posti non m’interessa , conto come anonimo .
…………….

Quando scrivi da incazzato lo capisco dalla scrittura scomposta, che non è da te “calmo e rilassato”. Hai letto e subito svuotato lo stomaco in subbuglio, sai che mi fa piacere ricevere le critiche esterne, inoltre hai dato un cospicuo contenuto in passato proprio sul thread degli Anonimi, quindi passa anche questa. Su chi “spendono” rispondo che si può fare nel modo migliore ascoltando sempre chi ne sanno più di altri, i forum servono non per metterci patacche ma per l’informazione reciproca per non cadere in equivoche trappole insoddisfacenti. I miei soggetti non possono essere definiti né precisi e tanto meno raffinati, al massimo del merito originali e stop. La provocazione caro vecchio amico è servita a demolire alcune mele marce indirizzandole sui blog coatti dove, come ratti, se le scrivono e suonano fra loro senza diffondere la disinformazione sul modellismo, che non gli appartiene. I mercanti di caos si polverizzano da soli. Se per “altri” intendi chi hanno scelto la pratica del gioco, sono sicuro che nonostante i numeri ridottissimi disponibili, dove possono, ne traggono piacere senza nessuna altra ambizione, il gioco IR non ha niente in comune con il VERO modellismo e non ci vuole un mostro d’intelligenza per averlo compreso.

Ps. Non ho corretto gli errori, ciapàla come l’hai scritta.

.

Mi accodo alla risposta non come riverente lecchino, che non sarò mai, ma per portare la mia personale esperienza. Io sono un maniscalco del mondo degli automodelli RC, dove ho ottenuto successi in gara ed in lettori, ma solo confrontandomi con Sven (e discutendo animatamente come fanno gli uomini) ho capito la SUA definizione di modellismo (che non è detto sia una bibbia, ne ha la pretesa di esserlo) ma ha le sue basi filosofiche e soprattutto la coerenza che è propria di una reale disciplina. Mostrare le eccellenze è uno sprone per tutti, ovvio che non tutti abbiamo il DNA di Totti (onore al romano sperando non sia Laziale), quello di Rommel o la testa di Eulero. Però a me ha questo vedere lavori ben eseguiti ha fatto bene, e con quel c..zo di anfibio sto provando a fare qualcosa in più, probabilmente della m..da, ma, come dice la settimana enigmistica, questa l'ho fatta io!
Sto guardandomi in questi giorni i video realizzati e postati su Youtube da un negoziante americano (ANDY Modellers), nulla di straordinario avendo visto dal vivo campioni del mondo di modellismo statico (lascio perdere il dinamico, ma vedere Collari "il secco" correre era come vedere Schumacher pennellare le curve, capivi perchè erano invincibili) ma mi ha quasi fatto tornare voglia di cimentarmi coi modelli statici, o quantomeno attingere a piene mani per il mio dinamico. Non esistono modellisti mediocri, esistono modellisti che si mettono dei paletti in testa e non vogliono provare, e ripeto lo dico io che al massimo il maniscalco (arte comunque assai più dignitosa del leccaculismo) potevo fare. Certo gli errori marchiani vanno ripresi, non per scherno (salvo quelli dove l'asino raglia e pretende di essere nel giusto) ma per allenarci a guardare, osservare anzichè solo vedere. Lo stesso Sven è ferocemente autocritico, basta ben leggerlo, e come tutti noi sa dove ha lasciato i suoi scheletri, ma ha spesso il coraggio di andarli a scavare e dargli sepoltura invece che portarli appresso come un peso. Comprare un modello per DIVERTIRSI è FONDAMENTALE! Sia una macchinina, un camion, un drone, un aereo o quel che si voglia, semplicemente FAR MODELLISMO per lo SVEN è altro, nemmeno dice che è meglio, è solo ALTRO. Una questione di filosofoia e di termini, difficile da accettare per chi, anche come me, si è sempre ritenuto un GRANDE modellista RC arrivando a progettare modelli e lavorare con ditte del settore e riviste. Se SVEN mi dicesse che montare far correre, assistere, modificare un automodello è una stronzata allora ne discuterei pesantemente, e con ragion veduta, ma se mi dice che nelle sue definizioni NON è modellismo, bhè una volta sintonizzatomi sulle sue frequenze capisco cosa vuol dire e lo accetto (ancora faccio fatica a dire condivido, notatelo...). Ma la cosa fondamentale è DIVERTIRSI e nel divertimento CRESCERE umanamente, intellettualmente, spiritualmente. La polemica non contribuisce a questo, non serve a nulla, disperde solo energia creando entropia, se non si è d'accordo si discute e soprattutto si cerca di capire l'altro o per trovare un accordo o per portarlo dalla propriia parte.
Scusate l'intervento prolisso caro anonimo e caro Sven, ma avete toccato una corda scoperta e ho provato a mettere in comune l'esperienza.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5548
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Pneumatici: interpretazione e riflessioni.   Lun 29 Gen 2018 - 17:17

.

Arrivata il tempo per la risposta.

Ciao non sono un cervellone come te e met5 non ho capito due cose, la prima se vale la pena di lavorare a sproposito per rimediare un paio di millimetri sulle ruote e la seconda dopo aver visto le foto pubblicate mi è difficile capire il processo. Non puoi essere più chiaro e spiegare i passaggi per costruire le ruote e i cerchi, grazie?


… ho ritagliato sulla email l’ultima parte, il resto non interessa il forum ma noi due. La risposta vale per altri visitatori che per vizio superficiale leggono l’ultima postata, signori frettolosi, pretendere di capire al volo quanto non si conosce non conduce da nessuna parte. Inutile dare spiegazioni se arriva neppure lo sforzo di capire o devo ricordare che leggere è di tutti, capire che cosa c’è scritto di pochi e comprendere il testo interamente è per pochissimi. L’abilità di osservare un oggetto per poterlo riprodurre consiste nella valutazione sulle proporzioni dove (il millimetro) conta e come non solo come soddisfazione personale che spiego a modo mio: fare qualunque cosa, azione o altro tanto per occupare una perdita di tempo, preferisco farla del migliore dei modi. Un esempio dopo avere letto con attenzione la postata di Sharky sai qual è? Si chiama comunicare! Molti non lo fanno per paura, già impediti nel dire apertamente quello che intendono e se lo rimangiano seppelliti nel pensare, ed è proprio l’esercizio di pensare che blocca l’azione …

.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5548
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Pneumatici: interpretazione e riflessioni.   Lun 29 Gen 2018 - 17:58

.

... mi trovo nell'interrogazione scespiriana nel domandarmi in quanti mi hanno capito in tutti questi anni in cui ho cercato di "diffondere" l'arte modellistica attraverso il linguaggio scritto e la risposta sembra propendere che l'abbia scritta in una lingua in assoluto non alla portata di chiunque legga solo perchè la scuola dell'obbligo la inchiodato controvoglia sul banco ...

Caro Paolo, ricordo quando cercando un poco di ordine sul campo (il forum era Truckmodel) selezionai le differenze tra i consumatori di scatolame, separando chi da questi ne ricavano soggetti modificati ad arte, indicando che il VERO modellismo si trovava sul navale estrapolato dai piani di costruzione e in seconda linea di diffusione si trovava il fermodellismo inteso come "diorami" e il resto apparteneva di diritto alle prototipazioni ricavando l'esemplare unico.

... fui attaccato giustamente, con ferocia dalla moltitudine inorridita, che osassi intaccare lo sforzo individuale, il cimento e lo stesso divertimento chiarendo quali differenze separavano il modellismo dal resto intuitivo qualunquista sostenuto da un'ignoranza belluina insensibile e non completamente assente sul praticare qualcosa di pernicioso soprattutto sulla stessa affermazione di presunzione ...

Avvicinato al navale vedevo imbarcazioni da scatola messe in acqua come giocattolo per grandi (che poi un bambino di dieci anni) pilota meglio e decisi per l'auto costruzione scoprendo che l'autentico divertimento si trovava nel trafficare per mesi e mesi, dove poi in acqua dopo meno di una decina di ore finiva la storia.

... tu stai con le mani in pasta con l'anfibio e più insisti e più raggiungi obiettivi inaspettati rispetto all'idea iniziale, e questo prolunga l'abilità tesa come l'elastico della fionda prima di lanciare la biglia sul bersaglio, un centro sicuro e certo che raggiungerà la fine del lavoro tenendo conto di "quei millimetri" che noi sappiamo reputare davvero importanti ...

Ho rifatto tanto di quel tanto sicuro di trovarmi lontanissimo dalla realtà assoluta imparando più dall'errore che dall'impastare alla belle meglio un accrocchio da mostrare come un trofeo inguardabile.

... Paolo sottolinea una parte di me vera! Non ho fatto modellismo di mestiere, a me interessava ben altro nella vita, l'ho fatto passando del buon tempo divertendomi e conoscendo persone a me rimaste care e con le quali tengo rapporti di matura amicizia, compresi anonimi che desiderano conferire in privato (soprattutto delusi da forum usati come arene) da vanagloriosi perditempo ...

Postare per imparare da chi regalano dell'esperienza, si raccoglie il grano seminato nel campicello altrui, senza neppure la fatica di piantare i semi dopo l'aratura. Personalmente, non imparo del mio ma di quello d'altri. E se non l'avete ancora capito avete perso qualche treno di passaggio.

lol!

Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5548
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Pneumatici: interpretazione e riflessioni.   Mar 30 Gen 2018 - 12:03

.

... già è vero, qui ci sono due modellisti all'opera, con uno che la racconta per avere smesso da anni. Sharky e met5 sono seguiti da parecchi appassionati e il Lavellis è l'unica pagina aperta in Italia e sull'estero dove ancora si parla di un hobby in cui le abilità individuali contano facendo la differenza ...

Iscriversi sul forum vuol dire partecipazione, rimanere alla finestra come osservatori si impara non poco. Non ci sono maestri all'infuori di noi stessi, perchè la maestria consiste nel saper apprendere sempre da altri.

... da soli si costruiscono castelli in aria con aspettative deludenti ...

lol!

.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
met5

avatar

Messaggi : 1241
Data d'iscrizione : 22.12.15
Età : 48
Località (indirizzo completo) : Roma

MessaggioTitolo: Re: Pneumatici: interpretazione e riflessioni.   Mer 31 Gen 2018 - 9:08

Letti gli interventi (Sven è essenziale, Paolo un divulgatore) procediamo con un altra pagina di questo diario di bordo.

La specifica della Prochima prevede un tempo di 18 ore,io ne ho attese 31. Per evitare sgradite sorprese. Ma aperte a volte non basta.

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

Innanzitutto è il caso di applicare la cera anche alle pareti interne della cassa in cui si cola la resina, altrimenti dovrete (come ho fatto io) farla a pezzi per riuscire a distaccare il legno con la resina colata

Il semiguscio superiore è molto bello:

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

Il semiguscio inferiore abbiamo qualche problema:

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

A posteriori ho capito perché la prima colata ha bollicinato: non ho agitato il contenitore del catalizzatore prima di versarlo.

La seconda volta invece ho letto l'indicazione e l'ho fatto.

Del resto le cose bisogna farle sempre due volte (minimo) per farle bene.

Altra cosa importante: loro scrivono di mettere la cera distaccante anche sul pezzo da riprodurre quando si cola la seconda parte dello stampo.

È un errore

Parzialmente occlude gli interstizi più piccoli (battistrada).

La cera va solo messa sulla resina colata all'inizio

Questa mattina ho colato il Sintagom, domani apriamo lo stampo:

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

Il liquido è denso ma scola bene, i vasi comunicanti fanno il loro lavoro e la gomma è uscita dal foro dell'aria.

Interessantissime le avvertenze sul catalizzatore del Sintagom: la nitroglicerina ne ha di meno  lol! Quindi occhiali protettivi, guanti, mascherina e locale areato sono d'obbligo.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
sharky63

avatar

Messaggi : 261
Data d'iscrizione : 16.12.13
Età : 55
Località (indirizzo completo) : Via Gandhi 1

MessaggioTitolo: Re: Pneumatici: interpretazione e riflessioni.   Mer 31 Gen 2018 - 12:13

Ahhhh
primissima fila, spritz e fingerfood...
Bello, ognitanto, guardare gli altri che lavorano (come i vecchietti nei cantieri, ehmmm)

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5548
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Pneumatici: interpretazione e riflessioni.   Mer 31 Gen 2018 - 15:58

.

... ogni prototipazione è in se stessa la sfida più ardua e difficile da affrontare specialmente se si ricorre inevitabilmente in aiuti esterni. Se alcuni mi hanno creduto infallibile sul risultato non hanno capito quante parti rifatte e corrette dopo misurazioni dove l'errore non rientrava sul millimetro, facile vedere e non saper osservare dove si trovano gli errori ...

Anni fa, mi è stato ricordato oggi, ne n'ero dimenticato e ho ripescato le foto dall'archivio (tra oltre 6500) ci provai con i bidoni di benzina da 200 litri tedeschi

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

...... operazione costosa "costo commerciale 9.50" spesa personale gel più resina oltre i 50 euro, un niente rispetto altre riproduzioni complesse. In seguito li stampai in gesso con un costo ridicolo rispetto alle resine ...

Credo e lo vorrei sperare, che le foto postate da met5, illuminino e chiariscono la sequenza tra l'altro documentata a posteriori, dove con la buona volontà (non fatemi scrivere alla Sven - anche un orbo assopito mentalmente) arriva a capire i vari passaggi solo in apparenza facilitati, perchè come scrive l'autore per esperienza diretta, il primo tentativo insegna sempre sull'eventuale secondo e quanto prendiamo in mano un prodotto finito dimentichiamo subito quanti sono quelli che l'hanno preceduto.

... in questo caso abbiamo la scala grande, che rispetto alla 1.35 la minima imperfezione si nota subito, e non ultima difficoltà gli pneumatici devono funzionare sul dinamico assicurando aderenza per la sterzata già problematica (astenersi i pavimentari da salotto) da ammettere che gira senza problemi, questo finito avrà il suo collaudo sul percorso da guerra poco ma sicuro. Tornando a bomba, l'autore si trova una patata bollente fra le mani da pelare con calma, assaporare e condire per renderla gustosa in un palato da buongustaio che sa apprezzare la buona tavola ...

Adesso si attende la stampata in Sintagom imminente e già nel conto alla rovescia intanto che la solita prima fila si scola il te con un paio di biscotti, qualcuno lavora, altri oziano, lo Sven ha ripreso a dipingere figurini militari "disegni" con chi si attacca come la piovra sul forum seguendo gli sviluppi del romano pala rotante, dove una volta lanciato chi lo ferma.

lol!

.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
sharky63

avatar

Messaggi : 261
Data d'iscrizione : 16.12.13
Età : 55
Località (indirizzo completo) : Via Gandhi 1

MessaggioTitolo: Re: Pneumatici: interpretazione e riflessioni.   Gio 1 Feb 2018 - 15:51

No news?? bounce
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5548
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Pneumatici: interpretazione e riflessioni.   Gio 1 Feb 2018 - 16:00

sharky63 ha scritto:
No news?? bounce

Niente. Sad

.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
Ranger Lungan



Messaggi : 142
Data d'iscrizione : 20.05.16
Età : 48
Località (indirizzo completo) : Via Cassoli, 21

MessaggioTitolo: Re: Pneumatici: interpretazione e riflessioni.   Gio 1 Feb 2018 - 16:00

Neanche fosse una serie televisiva di grande successo!!! Non viene trasmessa la puntata e ci si agita subito!!! lol! lol! lol!
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5548
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Pneumatici: interpretazione e riflessioni.   Gio 1 Feb 2018 - 16:15

Ranger Lungan ha scritto:
Neanche fosse una serie televisiva di grande successo!!! Non viene trasmessa la puntata e ci si agita subito!!! lol! lol! lol!

.... in televisione non c'è niente di vero ... Suspect

.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
Ranger Lungan



Messaggi : 142
Data d'iscrizione : 20.05.16
Età : 48
Località (indirizzo completo) : Via Cassoli, 21

MessaggioTitolo: Re: Pneumatici: interpretazione e riflessioni.   Gio 1 Feb 2018 - 16:21

Verissimo.

Ma quando da piccolo per punizione i miei genitori mi hanno fatto saltare una puntata di Goldrake, ci ero rimasto male!!!

Sad
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
sharky63

avatar

Messaggi : 261
Data d'iscrizione : 16.12.13
Età : 55
Località (indirizzo completo) : Via Gandhi 1

MessaggioTitolo: Re: Pneumatici: interpretazione e riflessioni.   Gio 1 Feb 2018 - 17:36

Come se al cantiere TAV stanno fermi un giorno...
Sai che noia!
Oh, L A V O R A R E!!!
Mica pettinar bambole e smacchiare giaguari! Evil or Very Mad
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5548
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Pneumatici: interpretazione e riflessioni.   Gio 1 Feb 2018 - 17:46

.

......... ho capito ci vuole l'intermezzo cheers

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

Il bianco preludio e la sanità mentale.

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

Lo stile e il buon gusto, nonchè il credito fin dall'inizio.

lol!

.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Pneumatici: interpretazione e riflessioni.   

Torna in alto Andare in basso
 
Pneumatici: interpretazione e riflessioni.
Torna in alto 
Pagina 2 di 3Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3  Seguente
 Argomenti simili
-
» riflessioni sulla società moderna
» Riflessioni, pensieri, meditazioni
» Riflessioni Storiche sul legame tra Sesso e Potere e sulla Genesi del Senso di colpa come Strumento di Controllo sociale
» Orfeo ed Euridice: riflessioni
» L'uomo e l'ideologia come utopia: riflessioni a partire da Bloch

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
LAVELLI GIOVANNI :: FORUM DISCUSSIONE-
Andare verso: