Il Forum dedicato al modellismo dinamico
 
IndiceIndice  PortalePortale  CalendarioCalendario  GalleriaGalleria  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 Quesito sulle sospensioni

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
met5

avatar

Messaggi : 1033
Data d'iscrizione : 22.12.15
Età : 48
Località (indirizzo completo) : Roma

MessaggioTitolo: Quesito sulle sospensioni   Lun 1 Mag 2017 - 18:08

Salve a tutti,
pongo un quesito su un argomento che non mi è molto chiaro.

Vedo proporre aftermarket al posto delle barre di torsione in metallo (es. tank Tamiya) queste qua:

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

leggo sui forum: "perché sono regolabili"

Che mi serve la regolazione?? Al limite se il carro è troppo sostenuto dalle sospensioni se metto un paio di chili di zavorra dovrebbe abbassarsi..... o sbaglio)

Petra non ha le sospensioni regolabili...... ha le originali Tamiya.... eppure non mi sembra che sia in punta di piedi:

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

Medusa ha oltre un chilo di zavorra, nche lei mi sembra correttamente assettata:

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

Grazie per le repliche!
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5028
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Quesito sulle sospensioni   Mar 2 Mag 2017 - 14:14

.

... l'alternativa è a mio parere una complicazione studiata per offrire delle sospensioni da tarare a piacere secondo l'inclinazione soggettistica decisa dal proprietario ...

Il complesso montato si rivela da subito rigido e difficilmente si accettano zavorre di bilanciatura sul carro a meno che l'esperto intenda portarlo su percorsi impegnati di trial, dove peso, trazione e parecchia esperienza messi insieme amplificano le prestazioni.

... il sistema breve si riduce nel mantenere il primo e ultimo carrello per stabilizzare il carro, lasciando morbide le sospensioni intermedie in compito di copiare il terreno, a questo punto si potrebbe complicare l'azione, visto l'investimento non proprio regalato, di sbizzarrire in continue regolazioni la tensione delle sospensioni giungendo allo stato d'origine offerto dalla sospensioni standard taminkia, quindi nessun valore aggiunto e se non l'illusione di possedere un carro in assetto differente ...

Tra le modifiche assurde girate in rete ed eseguite come utili trovate, cito i tensionatori dotati di molla di recupero, una baggianata sfoggiata come una trovata geniale dove non lo è affatto nè sulla pratica e nemmeno sul realismo, sulla pratica il cingolo teso, se poi è di plastica basta un lieve intasamento forzato e il cingolo cede. Per il realismo il cingolo dev'essere lasco permettendo l'eventuale allungamento dove la necessità impone, la stessa Tamiya da un margine di "ampiezza" sul montaggio corretto dei cingoli.

... le osservazioni sopra non coincidono con l'uso moquette o peggio pavimento, dove la ricercata velocità speed annulla i realismo entrando nel settore giocattolo ...

Personalissima opinione riguardo all'assetto duraturo dei cingoli parte dal corretto assestamento dovuto al rodaggio prolungato dove (i cingoli in metallo( eliminati le scorie di lavorazione NON si allungano mai. Nè hanno alcuna necessità di tensionatori stupidi in assoluto inutili. Altra considerazione personale: prima di scoprire il proprio tollino di Hitler nel suo pieno rendimento contate almeno un minimo di parecchie centinaio di ore complessive in cui non si riconosce più com'era da nuovo.

... chi seguivano i miei test ricordano con orrore i massacranti percorsi a cui sottoponevo modifiche con accorgimenti vari, lo snellimento dei cingoli, batterie in tasca e camminata di sei chilometri su grana asfalto dura, uguale a disintegrazione cingoli Sherman - Persching, idem ma meno provati i cingoli tedeschi, comunque resi impietosi (la raccomandazione taminkia avvisava: pavimento! Non mi sono interessato di giocattoli, ho smesso attorno ai dieci anni.
Ho capito la necessità del cingolo metallico prima che fosse prodotto commercialmente ostentato dai puristi conservatori ciechi come talpe porta bandiera dell'unico marchio a disposizione. Sulla maggior parte delle mie motociclette ho tolto i marchi di fabbrica, le ho pagate e non ho fatto nessuna pubblicità gratuita ...

Chiudo il commento sulla dubbia utilità, nonostante sia ingegnosa, non supera le lamelle originali taminkia dove, se zavorrate ad arte livellano l'altezza del panzer aggiungendo un valore consistente sulla trazione, beninteso se muniti di cingoli metallici. Certo si dovrebbe comprendere che cosa significa la zavorra nel carro, con il vantaggio di novecento cinquanta grammi come masse non sospese che lo stabilizzano. Anche questa non è materia per giocatori.

... questo è un ful metall definito assetto "cammello" per l'eccessiva altezza dovuta alle sospensioni rigide, zavorrato in seguito con due chili di piombo in pallini (peso originale 5.1 chili - zavorrato 7.6 ... risultato non soddisfacente dovuto al metallo rigido usato per le sospensioni originale HL ...

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

... questo monta le identiche sospensioni e ha raggiunto i nove chili e mezzo, si è rivelato il più potente e affidabile carro da trial con cingoli di trazione superiori in assoluto ...

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

....... il KV ha fatto tanti di quei chilometri su asfalto e si vede l'usura sui denti del cingolo per trovare i gear box adatti, l'assetto variegato sulle sospensioni prima d'essere testato e ottimizzato sulle prove trial ...

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

Ognuno si diverte come vuole in barba agli stereotipi standard study bounce cherry

lol!

.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
met5

avatar

Messaggi : 1033
Data d'iscrizione : 22.12.15
Età : 48
Località (indirizzo completo) : Roma

MessaggioTitolo: Re: Quesito sulle sospensioni   Mar 2 Mag 2017 - 16:02

Grazie per la risposta Sven, tratte le mie conclusioni....

Continuiamo così come fatto finora.

Ciao
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
sharky63



Messaggi : 135
Data d'iscrizione : 16.12.13
Età : 54
Località (indirizzo completo) : Via Gandhi 1

MessaggioTitolo: Re: Quesito sulle sospensioni   Mar 2 Mag 2017 - 16:53

Ecal chi, cal spacabal dl'inzgner!
E' un errore comune, anche nel mondo delle macchinette RC, da cui provengo e che ancor oggi ADORO (io sono un figlio degli F1 Tamiya, e se qualcuno ha da dire taccia...), confondere la rigidità (o durezza) di una molla con il suo precarico e di conseguenza l'altezza da terra. Non voglio fare tesi universitarie per cui, facendola breve e grezza come mi si addice, la durezza di una molla a parte il materiale, dipende dallo spessore del filo e dalla lunghezza del filo stesso (che in caso di molle a spirale si traduce in diametro di avvolgimento e passo delle spire). Questi dati forniscono i valori di forza necessaria per far "flettere", o lavorare che dir si voglia, la molla. Nella barra di torsione la cosa è simile, se la faccio più spessa o più corta serve più forza per farla torcere. Diverso è il discorso del precarico, che è quel carico che do staticamente alla molla prima ancora che la sospensione lavori. Questo precarico (ottenuto nelle macchinine abbassando i piatelli posti sopra la molla) ha come effetto quello di caricare appunto la molla stessa che reagendo sulla sospensione porta ad alzare il modello da terra. Se si usano dei finecorsa per cui il modello non si alza più, il secondo effeto è rendere più alto il valore minimo di forza necessario a far lavorare la molla stessa che quindi inizialmente sembra più "dura", ma poi lavora come prima no avendo cambiato i parametri di cui sopra (lunghezza/diametro). in realtà non è proprio così perchè oltre certi limiti la molla "s'impacca" e quindi una pate non lavora più di fatti accorciandosi e diventando più rigida.
Un altro importante fattore di cui tener conto per un movimento realistico delle sospensioni è il rapporto fra masse sospese e non sospese dove le masse sospese sono tutte quelle che appoggiano sulle molle e quelle non sospese sono quelle che poggiano direttamene sul terreno (i.e. la goma ed il cerchio sono masse NON sospese, il corpo veicolo è una massa sospesa). Maggiore è il rapporto ra massa sospesa e non sospesa (quindi maggiore è quello che grava sulle molle) più il movimento diventa "pastoso" mentre se diminuisce avremo il tipco comportamento saltellante dei modellli ad assi rigidi con poco peso gravante sulle sospensioni (tipo scaler mal realizzati). quindi l'appesantire il corpo del tank va nella direzione di aumentare le masse sospese, a favore di un migliore "realismo" (le virgolette indicano semplicemente l'uso di parole impropriament non tecniche) di movimento delle sospensioni. Di più nei carri dove le barre di torsione sono sovradimensionate questo aumento porta le stesse a lavorare nel giusto range di carichi e a precaricarsi abbassando di conseguenza l'assetto. Se però si va oltre si rischia di avere delle sospensioni sempre troppo caricate e che quindi non lavorano a dovere avendo ormai l'elemento elastico dato tutto quanto poteva.
L'SU 152 che stavo facendo, derivato dall'ASIATAM KV2 tutto in metallo è un buon esempio di sospensione ben calibrata che cede sotto le asperità ma non va a fine corsa troppo facilmente.
Ci sarebbe da valutare anche l'aspetto dinamico del cingolo, abbastanza differente da quello delle ruote con pneumatico, ma geek geek
Insomma MET dato che non ti pui mettere ad esaurirti di calcoli (dove per altro mancherebbero anche abbastanza informazioni) la cosa migliore è provare (io per l'LVTP ho spesucchiato parecchio in molle e lavorato sulle inclinazioni e bracci), ma personalmente eviterei d'investire troppi denari in sistemi troppo complicati e di dubbia utilità.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5028
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Quesito sulle sospensioni   Mar 2 Mag 2017 - 17:14

.

... mi sono goduto completamente la forbita disquisizione chiedendomi nel contempo in quanti arrivano a capire quanto il VERO modellismo diventa disciplina creativa e nutrimento mentale tra i più sani ...

lol!

Lo Sven saluta il kameraten Sharcky63 battendo i tacchi.

.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Quesito sulle sospensioni   

Tornare in alto Andare in basso
 
Quesito sulle sospensioni
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Ballando... balla sulle punte!
» quesito "tecnico"
» corso sulle torte
» Sulle nostre paure - riflessioni a partire da Lucrezio
» Country/decorative painting: cerco informazioni sulle tecniche

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
LAVELLI GIOVANNI :: FORUM DISCUSSIONE-
Andare verso: