Il Forum dedicato al modellismo dinamico
 
IndiceIndice  PortalePortale  CalendarioCalendario  GalleriaGalleria  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 Italiani brava gente ...

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6
AutoreMessaggio
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5028
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Italiani brava gente ...   Mar 12 Set 2017 - 20:03

.

Il debito pubblico statunitense per la prima volta nella storia ha superato i 20 trilioni di dollari, riferisce Business Insider.
Da metà marzo la soglia del debito americano era stata congelata a circa 19,84 miliardi di dollari.

La scorsa settimana il presidente Donald Trump ha firmato la legge per l'innalzamento temporaneo del debito fino all'8 dicembre per aiutare le vittime dell'uragano Harvey, che aveva colpito il Texas e la Louisiana a fine estate. Questo documento mette fine alle divisioni tra democratici e repubblicano al Congresso.

Al momento il debito pubblico americano ha raggiunto l'esorbitante cifra di 20,164 trilioni di dollari e continua a crescere secondo dopo secondo.

Durante gli otto anni del mandato del presidente Barack Obama il debito americano è cresciuto di 10,63 trilioni, quasi raddoppiando.

Con una crescita annuale del Pil di circa tre punti percentuali e i tassi d'interesse della Fed eccezionalmente bassi, compresi dallo 0,25 al 0,5%, per le casse di Washington non era un problema sostenere il debito. Ma alla fine dello scorso anno la Fed ha avviato il processo di normalizzazione della politica monetaria, iniziando ad aumentare il costo del denaro.

Dopo il board di luglio, il tasso d'interesse americano si attesta all'1,15%.

Trump ha ripetutamente affermato che il debito americano deve essere ridotto, tuttavia è stato costretto a prender atto dell'aumento del debito alla luce dei crescenti obblighi sociali dell'amministrazione all'interno della spesa pubblica.

.chi la fa l'aspetti. La Brexit? La nave affonda i topi l'abbandonano.

.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5028
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Italiani brava gente ...   Gio 14 Set 2017 - 12:48

.

Equilibrio Universale.

… per una legge fondamentale sugli equilibri che governano il pianeta, assistiamo al costante deterioramento “mondiale” dovuto allo sviluppo umano collassato in questa Era moderna alla quale dobbiamo una tecnologia avanzata, completamente sfuggita dal controllo responsabile di una razza con precedenti storici collassata inevitabilmente non appena raggiunto un livello evolutivo, a quanto pare, insostenibile con responsabilità …

Le multinazionali acquistano enormi estensioni territoriali ricchi di falde acquifere. Il boom cinese, dove l’acqua in Cina manca, fiorisce lo sviluppo commerciale delle acque in bottiglia, un business commerciale che porta un enorme profitto alle industrie con mandati governativi. Che significa questa corsa all’acquisto di falde d’acqua? Acqua più preziosa del petrolio in un futuro prossimo? Il pianeta si avvia velocemente incontro a una nuova glaciazione? La desertificazione ambientale è una spiacevole realtà che si ripete storicamente nient’affatto una novità sulla terra e l’acqua nelle mani di pochi diventerebbe un’arma terrificante adatta per abbattere il surplus demografico che il pianeta Terra non può sopportare oltre una specifica misura. Sette miliardi diventano dieci miliardi di individui nel 2050 e il solo problema di smaltire la spazzatura e l’inquinamento oceanico, senza contare l’alimentazione, dove li mettiamo come difficoltà insormontabili?

… beviamo acque definite potabili adulterate di cloro e disinfettanti chimici, le percentuali sono del 72% dovute all’incuinamento oceanico che evaporando le acque distribuisce la sedimentazione attraverso la pioggia e se aggiungo le carni dei pesci contaminate, ci sarebbe da chiedere che cosa è stato organizzato per debellare demograficamente la razza umana …

Le ONG nel Mediterraneo salvavano migliaia di profughi incassando milioni di euro, capito il dualismo che cosa è? Ora si parla di concedere fondi alla Libia nelle mani di un governo che non c’è, che non rappresenta e non può garantire nessun accordo e si grida il merito di Minniti e Gentiloni. Minniti è il Ministro degli Interni e si dedica alla politica estera, Alfano ministro degli esteri che fa? Gentiloni è un “accondiscendente” a 90 gradi e piace agli italioti assopiti mentalmente.

… Gheddafi se avesse promosso il nucleare sarebbe ancora al comando della Libia. Saddam Hussein starebbe nel suo Iraq. Kim Jong Un non è un coglione e con lo spauracchio missilistico ha dato chiari avvisi: La Corea non è la Libia …

L’Iran continua il programma nucleare per salvaguardare se stesso, senza deterrente sarebbe stato un altro Siria. Israele ha sul territorio, come la Turchia, depositi militari di ordigni nucleari, come ce ne sono nel Giappone, in Corea del Sud, in Italia, in Germania, Olanda, Belgio, Spagna, Portogallo, Islanda, Lettonia, Norvegia, Lussemburgo, Inghilterra, Polonia, Francia, Ungheria, Grecia, Bulgaria, Bosnia, Kossovo, Montenegro, Finlandia, Cipro, Macedonia e se desiderate contare l’occupazione militare in Italia eccovi l’elenco:

Elenco per Regioni
Trentino Alto Adige
1. Cima Gallina [Bz]. Stazione telecomunicazioni e radar dell'Usaf.
2. Monte Paganella [Tn]. Stazione telecomunicazioni Usaf.
Friuli Venezia Giulia
3. Aviano [Pn]. La più grande base avanzata, deposito nucleare e centro di telecomunicazioni dell'Usaf in Italia [almeno tremila militari e civili americani. Nella base sono dislocate le forze operative pronte al combattimento dell'Usaf (un gruppo di caccia bombardieri) utilizzate in passato nei bombardamenti in Bosnia. Inoltre la Sedicesima Forza Aerea ed il Trentunesimo Gruppo da caccia dell'aviazione Usa, nonché uno squadrone di F-18 dei Marines. Si presume che la base ospiti, in bunker sotterranei la cui costruzione è stata autorizzata dal Congresso, bombe nucleari. Nella base aerea di Aviano (Pordenone) sono permanentemente schierate, dal 1994, la 31st Fighter Wing, dotata di due squadriglie di F-16 [nella guerra contro la Jugoslavia nel 1999, effettuò in 78 giorni 9.000 missioni di combattimento: un vero e proprio record] e la 16th Air Force. Quest'ultima è dotata di caccia F-16 e F-15, e ha il compito, sotto lo U. S. European Command, di pianificare e condurre operazioni di combattimento aereo non solo nell'Europa meridionale, ma anche in Medio Oriente e Nordafrica. Essa opera, con un personale di 11.500 militari e civili, da due basi principali: Aviano, dove si trova il suo quartier generale, e la base turca di Incirlik. Sara' appunto quest'ultima la principale base per l'offensiva aerea contro l'Iraq del nord, ma l'impiego degli aerei della 16th Air Force sara' pianificato e diretto dal quartier generale di Aviano.
4. Roveredo [Pn]. Deposito armi Usa.
5. Rivolto [Ud]. Base USAF.
6. Maniago [Ud]. Poligono di tiro dell'Usaf.
7. San Bernardo [Ud]. Deposito munizioni dell'Us Army.
8. Trieste. Base navale Usa.
Veneto
9. Camp Ederle [Vi]. Quartier generale della Nato e comando della Setaf della Us Army, che controlla le forze americane in Italia, Turchia e Grecia. In questa base vi sono le forze da combattimento terrestri normalmente in Italia: un battaglione aviotrasportato, un battaglione di artiglieri con capacità nucleare, tre compagnie del genio. Importante stazione di telecomunicazioni. I militari e i civili americani che operano a Camp Ederle dovrebbero essere circa duemila.
10. Vicenza: Comando Setaf. Quinta Forza aerea tattica [Usaf]. Probabile deposito di testate nucleari.
11. Tormeno [San Giovanni a Monte, Vi]. Depositi di armi e munizioni.
12. Longare [Vi]. Importante deposito d'armamenti.
13. Oderzo [Tv]. Deposito di armi e munizioni
14. Codognè [Tv]. Deposito di armi e munizioni
15. Istrana [Tv]. Base Usaf.
16. Ciano [Tv]. Centro telecomunicazioni e radar Usa.
17. Verona. Air Operations Center [Usaf ]. e base Nato delle Forze di Terra del Sud Europa; Centro di telecomunicazioni [Usaf].
18. Affi [Vr]. Centro telecomunicazioni Usa.
19. Lunghezzano [Vr]. Centro radar Usa.
20. Erbezzo [Vr]. Antenna radar Nsa.
21. Conselve [Pd ]. Base radar Usa.
22. Monte Venda [Pd]. Antenna telecomunicazioni e radar Usa.
23. Venezia. Base navale Usa.
24. Sant'Anna di Alfaedo [Pd]. Base radar Usa.
25. Lame di Concordia [Ve]. Base di telecomunicazioni e radar Usa.
26. San Gottardo, Boscomantivo [Ve]. Centro telecomunicazioni Usa.
27. Ceggia [Ve]. Centro radar Usa.
Lombardia
28. Ghedi [Bs]. Base dell'Usaf, stazione di comunicazione e deposito di bombe nucleari.
29. Montichiari [Bs]. Base aerea [Usaf ].
30. Remondò [Pv]. Base Us Army.
108. Sorico [Co]. Antenna Nsa.
Piemonte
31. Cameri [No]. Base aerea Usa con copertura Nato.
32. Candelo-Masazza [Vc]. Addestramento Usaf e Us Army, copertura Nato.
Liguria
33. La Spezia. Centro antisommergibili di Saclant.
34. Finale Ligure [Sv]. Stazione di telecomunicazioni della Us Army.
35. San Bartolomeo [Sp]: Centro ricerche per la guerra sottomarina. Composta da tre strutture. Innanzitutto il Saclant, una filiale della Nato che non è indicata in nessuna mappa dell'Alleanza atlantica. Il Saclant svolgerebbe non meglio precisate ricerche marine: in un dossier preparato dalla federazione di Rifondazione Comunista si parla di "occupazione di aree dello specchio d'acqua per esigenze militari dello stato italiano e non [ricovero della VI flotta Usa]". Poi c'è Maricocesco, un ente che fornisce pezzi di ricambio alle navi. E infine Mariperman, la Commissione permanente per gli esperimenti sui materiali da guerra, composta da cinquecento persone e undici istituti [dall'artiglieria, munizioni e missili, alle armi subacquee].
Emilia Romagna
36. Monte San Damiano [Pc]. Base dell'Usaf con copertura Nato.
37. Monte Cimone [Mo]. Stazione telecomunicazioni Usa con copertura Nato.
38. Parma. Deposito dell'Usaf con copertura Nato.
39. Bologna. Stazione di telecomunicazioni del Dipartimento di Stato.
40. Rimini. Gruppo logistico Usa per l'attivazione di bombe nucleari.
41. Rimini-Miramare. Centro telecomunicazioni Usa.
Marche
42. Potenza Picena [Mc]. Centro radar Usa con copertura Nato.
Toscana
43. Camp Darby [Pi]. Il Setaf ha il più grande deposito logistico del Mediterraneo [tra Pisa e Livorno] con circa 1.400 uomini, dove si trova il 31st Munitions Squadron. Qui, in 125 bunker sotterranei, e' stoccata una riserva strategica per l'esercito e l'aeronautica statunitensi, stimata in oltre un milione e mezzo di munizioni. Strettamente collegato tramite una rete di canali al vicino porto di Livorno, attraverso il Canale dei Navicelli, è base di rifornimento delle unità navali di stanza nel Mediterraneo. Ottavo Gruppo di supporto Usa e Base dell'US Army per l'appoggio alle forze statunitensi al Sud del Po, nel Mediterraneo, nel Golfo, nell'Africa del Nord e la Turchia.
44. Coltano [Pi]. Importante base Usa-Nsa per le telecomunicazioni: da qui sono gestite tutte le informazioni raccolte dai centri di telecomunicazione siti nel Mediterraneo. Deposito munizioni Us Army; Base Nsa.
45. Pisa [aeroporto militare]. Base saltuaria dell'Usaf.
46. Talamone [Gr]. Base saltuaria dell'Us Navy.
47. Poggio Ballone [Gr]. Tra Follonica, Castiglione della Pescaia e Tirli: Centro radar Usa con copertura Nato.
48. Livorno. Base navale Usa.
49. Monte Giogo [Ms]. Centro di telecomunicazioni Usa con copertura Nato.
Sardegna
50. La Maddalena - Santo Stefano [Ss]. Base atomica Usa, base di sommergibili, squadra navale di supporto alla portaerei americana "Simon Lake".
51. Monte Limbara [tra Oschiri e Tempio, Ss]. Base missilistica Usa.
52. Sinis di Cabras [Or]. Centro elaborazioni dati [Nsa].
53. Isola di Tavolara [Ss]. Stazione radiotelegrafica di supporto ai sommergibili della Us Navy.
54. Torre Grande di Oristano. Base radar Nsa.
55. Monte Arci [Or]. Stazione di telecomunicazioni Usa con copertura Nato.
56. Capo Frasca [Or]. Eliporto ed impianto radar Usa.
57. Santulussurgiu [Or]. Stazione telecomunicazioni Usaf con copertura Nato.
58. Perdasdefogu [Nu]. Base missilistica sperimentale.
59. Capo Teulada [Ca]. Da Capo Teulada a Capo Frasca [Or], all'incirca 100 chilometri di costa, 7.200 ettari di terreno e più di 70 mila ettari di zone "off limits": poligono di tiro per esercitazioni aeree ed aeronavali della Sesta flotta americana e della Nato.
60. Cagliari. Base navale Usa.
61. Decimomannu [Ca]. Aeroporto Usa con copertura Nato.
62. Aeroporto di Elmas [Ca]. Base aerea Usaf.
63. Salto di Quirra [Ca]. Poligoni missilistici.
64. Capo San Lorenzo [Ca]. Zona di addestramento per la Sesta flotta Usa.
65. Monte Urpino [Ca]. Depositi munizioni Usa e Nato.
Lazio
66. Roma. Comando per il Mediterraneo centrale della Nato e il coordinamento logistico interforze Usa. Stazione Nato
67. Roma Ciampino [aeroporto militare]. Base saltuaria Usaf.
68. Rocca di Papa [Rm]. Stazione telecomunicazioni Usa con copertura Nato, in probabile collegamento con le installazioni sotterranee di Monte Cavo
69. Monte Romano [Vt]. Poligono saltuario di tiro dell'Us Army.
70. Gaeta [Lt]. Base permanente della Sesta flotta e della Squadra navale di scorta alla portaerei "La Salle".
71. Casale delle Palme [Lt]. Scuola telecomunicazioni Nato sotto controllo Usa.
Campania
72. Napoli. Comando del Security Force dei Marines. Base di sommergibili Usa. Comando delle Forze Aeree Usa per il Mediterraneo. Porto normalmente impiegato dalle unità civili e militari Usa. Si calcola che da Napoli e Livorno transitino annualmente circa cinquemila contenitori di materiale militare.
73. Aeroporto Napoli Capodichino. Base aerea Usaf.
74. Monte Camaldoli [Na]. Stazione di telecomunicazioni Usa.
75. Ischia [Na]. Antenna di telecomunicazioni Usa con copertura Nato.
76. Nisida [Na]. Base Us Army.
77. Bagnoli [Na]. Sede del più grande centro di coordinamento dell'Us Navy di tutte le attività di telecomunicazioni, comando e controllo del Mediterraneo.
78. Agnano [nelle vicinanze del famoso ippodromo]. Base dell'Us Army.
80. Licola [Na]. Antenna di telecomunicazioni Usa.
81. Lago Patria [Ce]. Stazione telecomunicazioni Usa.
82. Giugliano [vicinanze del lago Patria, Na]. Comando Statcom.
83. Grazzanise [Ce]. Base saltuaria Usaf.
84. Mondragone [Ce]: Centro di Comando Usa e Nato sotterraneo antiatomico, dove verrebbero spostati i comandi Usa e Nato in caso di guerra
85. Montevergine [Av]: Stazione di comunicazioni Usa.
Basilicata
79. Cirigliano [Mt]. Comando delle Forze Navali Usa in Europa.
86. Pietraficcata [Mt]. Centro telecomunicazioni Usa e Nato.
Puglia
87. Gioia del Colle [Ba]. Base aerea Usa di supporto tecnico.
88. Brindisi. Base navale Usa.
89. Punta della Contessa [Br]. Poligono di tiro Usa e Nato.
90. San Vito dei Normanni [Br]. Vi sarebbero di stanza un migliaio di militari americani del 499° Expeditionary Squadron. Base dei Servizi Segreti. Electronics Security Group [Nsa].
91. Monte Iacotenente [Fg]. Base del complesso radar Nadge.
92. Otranto. Stazione radar Usa.
93. Taranto. Base navale Usa. Deposito Usa e Nato.
94. Martinafranca [Ta]. Base radar Usa.
Calabria
95. Crotone. Stazione di telecomunicazioni e radar Usa e Nato.
96. Monte Mancuso [Cz]. Stazione di telecomunicazioni Usa.
97. Sellia Marina [Cz]. Centro telecomunicazioni Usa con copertura Nato.
Sicilia
98. Sigonella [Ct]. Principale base terrestre dell'Us Navy nel Mediterraneo centrale, supporto logistico della Sesta flotta [circa 3.400 tra militari e civili americani]. Oltre ad unità della Us Navy, ospita diversi squadroni tattici dell'Usaf: elicotteri del tipo HC-4, caccia Tomcat F14 e A6 Intruder, gruppi di F-16 e F-111 equipaggiati con bombe nucleari del tipo B-43, da più di 100 kilotoni l'una.
99. Motta S. Anastasia [Ct]. Stazione di telecomunicazioni Usa.
100. Caltagirone [Ct]. Stazione di telecomunicazioni Usa.
101. Vizzini [Ct]. Diversi depositi Usa. Nota: un sottufficiale dell'aereonautica militare ci ha scritto, precisando che non vi sono installazioni USA in questa base militare italiana.
102. Palermo Punta Raisi [aeroporto]. Base saltuaria dell'Usaf.
103. Isola delle Femmine [Pa]. Deposito munizioni Usa e Nato.
104. Comiso [Rg]. La base risulterebbe smantellata.
105. Marina di Marza [Rg]. Stazione di telecomunicazioni Usa.
106. Augusta [Sr]. Base della Sesta flotta e deposito munizioni.
107. Monte Lauro [Sr]. Stazione di telecomunicazioni Usa.
109. Centuripe [En]. Stazione di telecomunicazioni Usa.
110. Niscemi [Cl]. Base del NavComTelSta [comunicazione Us Navy].
111. Trapani. Base Usaf con copertura Nato.
112. Isola di Pantelleria [Tp]: Centro telecomunicazioni Us Navy, base aerea e radar Nato.
113. Isola di Lampedusa [Ag]: Base della Guardia costiera Usa. Centro d'ascolto e di comunicazioni Nsa.
L’Italia è di fatto un deposito di armi straniere, comprese 90 bombe atomiche, un vero laboratorio di guerra NATO & USA.


Sono 113 le basi d’occupazione territoriali e costano ai contribuenti 400 milioni di euro ogni anno per il mantenimento del personale americano, da accordi siglati con i “liberatori” alla fine del conflitto. Siamo come altre nazioni, colonie occupate e soggette alle politiche americane. Hanno inteso occupare l’Europa stanziando migliaia di basi americane per contrastare il pericolo sovietico dei mangia bambini, a spese delle nazioni colonizzate, una mossa abile per impedire che l’Europa potesse darsi al nucleare, vale a dire contrapporsi ai piani d’invasione politica USA …

L’Italia “si desta” pigramente dall’illusione di essere un Nazione Democratica scoprendosi succube di una pianificazione scattata immediatamente con i trattati d’occupazione accettati nel dopo guerra disastrato, cioè prendendo per la gola i governi delle rinascite, obbligando nazioni europee a sottostare allo stanziamento militare in difesa contro la minaccia comunista sovietica (autentico terrore) che scatenò la Guerra Fredda tenendo sotto la minaccia atomica l’Europa.

… il dualismo Signori consente riflessioni sul rovescio della stessa medaglia, i liberatori diventano oppressori, la libertà condizionata dalla tirannia, la democrazia una dittatura, la politica un’associazione criminale, la stessa chiesa territoriale ambigua e corrotta marcisce implodendo, Ustica insegna, il Piano Kalergi ideato nel 1932 è entrato di prepotenza invadendo l’Europa, la conquista del Mediterraneo è fallita, Assad ha evitato d’essere ammazzato come Gheddafi grazie alla Russia, La Primavera Araba ha destabilizzato l’Egitto finito nella mani cinesi e perso come colonia americana, la Turchia di Erdogan una mina vagante, il Nuovo Ordine Mondiale non poteva sicuramente essere accettato dalla Russia, Cina e India, e nemmeno dalle americhe del sud, la contromossa diventata inevitabile ha portato la BRICS, una nuova moneta di scambio e l’Europa se accettasse il treno in corsa per diventare EuroRussia la ex super potenza USA sprofonderebbe nel debito pubblico più alto sulla terra …

Dove si parla di equilibri e squilibri come non notare il papa della chiesa cattolica che si immerge nel bagno di folla in Colombia e uno si chiede con una presenza così importante e coinvolgente, la sua presenza dovrebbe essere in Siria, in Libano, in Corea del Nord. A Bogotà in Colombia, un 1.100.000 persone hanno ascoltato il papa, Kim Jong Un ha giusto un milione di militari che ascolterebbero volentieri il papa? Siamo o non siamo tutti fratelli sotto un unico cielo? Oppure diventa facile suggestionare folle oceaniche per scopi personali? La chiesa rema dalla sua parte e Kim rema dalla sua. La politica italiana da che lato rema lo sappiamo?

… capire o no l’importanza del dualismo che consente il libero arbitrio non credo sia materia comune. Una laureata quindici anni fa mi chiese che cos’era il dualismo, per lei sconosciuto. Ci sentiamo tutti molto intelligenti e preparati superficialmente per sentito dire, in verità seppelliti nel proprio credo, cioè quanto si è ritenuto necessario per non sembrare degli ignoranti (leggi nulla sapienti) conchiusi nell’interno di illusioni professionali etichettate. Ma che cosa sono in realtà le professioni scelte e occupate se non clichè appiccicati come targhe? Se mi sono occupato d’arte e pittura, decorazioni, sono etichettato come artista pittore? Cazzate!! Non appena mi sono accorto che potevo fare, ed essere valido in qualunque cosa desiderassi, ho attraversato numerose attività senza mai “appiccicare” me stesso ad una sola. Un individuo preparato, valido professionalmente, può semplicemente applicarsi in una qualsiasi altra attività ricavandone il successo. Il lato contrario della medaglia frena l’individuo che vive nel passato temendo il presente …

La Cina possiede 700 miliardi di dollari di debito pubblico statunitense. Se gli Stati Uniti non riusciranno a pagare questo debito con la Cina sarà sufficiente distruggerla.Il debitore assassina il creditore e così il debito è estinto. Tutte le manovre militari per accerchiare Russia e Cina hanno questo obbiettivo finale.

Il libero arbitrio non è altro che una medaglia con due possibilità di scelta e non ha nessuna importanza la scelta di una delle due, quel che conta è il coraggio e il senno di NON rimanere da un solo lato.

… quando ascolto durante le commemorazioni che si deve la liberazione nazista alla democrazia americana, mi prude l’orticaria osservando i capi di Stato succubi e fedifraghi mentire alla Nazione venduta alla dittatura anglo-americana, che ci ha colonizzati con trattati a scadenze indefinite scegliendo con cura i politicanti da portare sul palcoscenico tirando i fili …

.informazioni simili si trovano in rete con facilità e dovrebbero fare parte dell'informazione culturale italiana, senza stupire o destare meraviglia verso un presente che non piace.

....... la storia insegna che non sono mai stati i governi a risolvere i conflitti "se mai li provocano" ma il popolo definito sovrano soltanto quando la massa si incazza .........

.


Ultima modifica di Sven Hassel il Gio 14 Set 2017 - 20:40, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5028
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Italiani brava gente ...   Gio 14 Set 2017 - 20:27

.

L'importanza non è leggere o ascoltare, ma credere. L'hanno inciso nei nostri cervelli per renderci docili e impotenti.

Che cosa è l’informazione.

… se si limita informazione come sapere, si allontana superficialmente il suo uso distorto …

Giornalismo, libri, telegiornali, culture storiche, derivano da un solo motivo causato da opinioni personali e l’opinione deriva da quanto si crede individualmente.

… non è difficile da capire, perché noi siamo ciò che pensiamo …

Il pensare è tuttora sconosciuto come influenza individuale e fu affibbiato all’umano come “l’essere pensante” in verità dice molto poco sulla natura del pensiero. L’uomo rimane e resta il più grande mistero sulla faccia delle terra dove la scienza si spinge alla conquista di Marte, sulle origine umane si assiste al trionfo di letterature depistanti con allegorie di fanghi animati o di alchimie extra terrestri dove, tra le prime e le altre, nessuno sano di mente potrebbe minimamente credere.

… il credo! Che cosa è il credere? E’ la considerazione personale su qualcosa che piace. Davvero stupefacente, non trovate, mi sento un modellista e in queste righe uno scrittore, perchè mi piacciono entrambe le attività? Scusate l’accostamento, ma mi sembra totalmente assurdo …

Guida un’auto a 150 allora, perde il controllo e si schianta. La causa è di credere d’essere capace. Il ladro ruba e viene colto in fragranza, credeva di farla imberbe alla legge. L’assassino uccide credendo di non essere scoperto, il credo diventa la causa del misfatto. Credo in dio padre onnipotente e una religione inneggia nella credenza popolare di un potere ultraterreno. Un credo opposto si schiera per il suo dio in una guerra santa dove si sacrificano migliaia di credenti. Se credo ostinatamente che gli asini volano e lo affermo attraverso i canali d’informazione, troverà un numero di seguaci disposti a credere.

… credere fa di noi stessi gli artefici di quel che siamo e se qualcosa non piace significa che abbiamo pensato e dato credito a del sentito dire stonato, peggio, addirittura pericoloso. Sulla confezione di sigarette l’obbligo d’informazione sancisce il fumo come malessere, informare l’utenza mette in sicurezza i produttori. Restare nelle regole disciplinate per il traffico si evitano incidenti, sennonchè ignorarne la segnalazione porta nel credersi estranei. Insomma il credo superficialmente calcolato come causa effettiva delle nostre azioni si rivela al contrario parte fondamentale degli effetti derivati ...

L’indole umana ben conosciuta e sfruttata da secoli e secoli concede alle amministrazioni di intervenire contro la società, qualora si intenda necessario guidare le masse verso obiettivi decisi da pochi individui. I grandi conflitti sono stati “pensati e causati” da individui motivati da scopi personali. Kim Jong Un non desidera fare la fine di Gheddafi e di Saddam Hussein, minacciando lanci di testate nucleari. Napoleone guidò i francesi contro la Russia zarista pensando d’essere forte contro una Nazione dieci volte la Francia e Hitler da ebreo ne seguì l’esempio distruttivo per la Germania. Secondo Hillary Clinton lo statista Putin e la Russia sarebbero da spazzare via dalla faccia della terra e poi? Eliminare la Cina e l’India, parte della Nazioni sud americane, l’Europa è ridotta in colonie anglo-americane, schiacciato l’insetto coreano il dominio dell’oceano Pacifico assicurato, il Canada colonia francese, Australia e Alaska proprietà scontate, il Mediterraneo interamente dominato gli Stati sulle rive sottomessi alla “Democrazia” statunitense la cornice mondiale conchiuderebbe il potere assoluto nelle mani sempre di pochissimi esaltati assetati di potere incondizionato. Trump scalza la Clinton e questa incassa una sconfitta non prevista, qualcuno ha fatto lo sgambetto alle lobby dell’avida economia industriale americana in crisi, soffocata da un debito pubblico insanabile, portando alla presidenza un abile imprenditore ma nulla più. L’Italia vanta la presidenza Berlusconi, anch’esso imprenditore, ma scadente politico di forza. Personaggi labili, quasi prevedibili se pensano e credono ciecamente in loro stessi. Mi spiego.

… trentanni fa divenni il genitore di me stesso. Già, proprio così. Smisi di pensare indagando sull’origine del pensiero e non mi fidai della fonte di provenienza. Credere, poi, mi aveva aperto pericoli in ogni direzione, così iniziai il ruolo di genitore osservandomi sull’azione scoprendo che questa supera il pensare in velocità. Qualcuno ci troverà il contrario e si sbaglia. Se sposti un oggetto con il pensiero e non con la mano, ti darò ragione. La convinzione superficiale che l’individuo ha sul pensare lo illude nel successo per fallire sull’eccesso “pensante” come aiuto esistenziale. L’uomo si pone e fallisce problemi nella misura della sua incapacità. Ogni fallimento invalida le sue capacità esistenziali …

Ascolto persone darsi degli idioti per sciocchezze. Il messaggio lo registra l’individuo nello stesso istante lo formula. Il bugiardo avvezzo a mentire, mente prima a se stesse di fronte ad altri. Crede d’essere molto intelligente l’idiota che dice bugie. Non ce la faccio nell’andare avanti, ho troppi problemi e poi non sto neanche bene di salute. Normale amministrazione individuale da dove aspettarsi svolte benefiche non se ne raccolgono. Da osservatore su me stesso, scoprii da prima che una bugia costava un dispendio di energie, dove applicare la verità moltiplicava l’energia individuale. Studiai il fenomeno della masse trattenute in sospensione, la massa ha un peso, come il pensiero. La corrente elettrica non si vede ma esiste, l’atomo è invisibile e possiede un peso, perché il pensiero non dovrebbe pesare?

… risolto un problema ci si sente sollevati. Attenzione gente, lo dice la parola, sollevato da che cosa, da un peso? Da una massa, proprio così! L’adultera confessa l’infedeltà e si mette la coscienza in pace. Il bugiardo continua imperterrito la sua condotta menzognera finchè non cambia scoprendo di vivere molto meglio ammettendo a se stesso e al prossimo com’è. Che cosa è cambiato se non l’informazione che si e dato contro la stessa informazione che si dava? Soltanto l’indirizzo e l’uso corretto delle sue azioni premiate. Credere nella verità allunga addirittura l’esistenza, dibattersi nel pantano del sentito dire autoritario, che sarebbe ascoltare senza verificare, conduce alla prematura lenta agonia dell’anima …

E qui mi fermo lasciando la riflessione a coloro che ancora sanno agire prima di pensare.

… sapete qual è la sorgente del pensare? Scommetto che solo pochissimi ne sospettano la provenienza …

.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
sharky63



Messaggi : 135
Data d'iscrizione : 16.12.13
Età : 54
Località (indirizzo completo) : Via Gandhi 1

MessaggioTitolo: BRIC   Lun 25 Set 2017 - 17:36

Volete sapere per cosa scoppieà la prossima guerra interplanetaria: in queste quattro lettere c'è la risposta BRIC.
Questa organizzazione sta facendo affari, e che affari, senza usare il dollaro come valuta.
Si tratta della peggior destabilizzazione che gli anglosionisti potessero subire, peggio di un attacco atomico.
Gheddafi per molto meno ha pagato con la vita.
Aprite gli occhi, nessuno da noi ne parla, ma il 70% dell'economia mondiale sta in queste 4 lettere.....
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5028
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Italiani brava gente ...   Lun 25 Set 2017 - 18:00

.

..... in momenti di grandi traffici internazionali perdere i treni in corsa diventa fatale .....

lol!

.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5028
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Italiani brava gente ...   Mar 26 Set 2017 - 13:55

.

......... si parla di BRIC .................

Nessuno presta la dovuta attenzione al fatto che la Cina sta aumentando notevolmente la sua forza militare ed economica nell'Europa orientale, acquisendo quote di società locali e partecipando alla costruzione e gestione di centrali nucleari, afferma Mark Pfeifle, ex consigliere per la sicurezza nazionale del presidente americano George W. Bush.
A suo parere le preoccupazioni della Lituania sulla costruzione di una centrale nucleare in Bielorussia da parte della società russa Rosatom non sono nulla "in confronto al rischio geopolitico di un'ulteriore espansione dell'infrastruttura cinese in Europa".

"Mentre l'America è fissata sui tweet del presidente e sui tacchi della first lady, in Europa si sta verificando un cambiamento geopolitico che dovrebbe far tremare fino all'osso," — dichiara l'ex consigliere per la Sicurezza Nazionale del presidente americano George W. Bush.

La Cina è diventata proprietaria di gran parte delle quote del porto del Pireo e allo stesso tempo Pechino sta concentrando gli sforzi per acquistare asset in Repubblica Ceca, Ungheria e Polonia, entrando anche in contratti per la costruzione di centrali nucleari.

La Casa Bianca dovrebbe invitare urgentemente gli esperti europei e asiatici al Dipartimento di Stato e coinvolgere personale diplomatico di talento piuttosto che farli uscire dal gioco. Questi esperti devono valutare l'influenza crescente della Cina nella regione.

Il gioco di "scacchi geopolitici" richiede che i giocatori pianifichino non solo una mossa, ma anche due o più mosse successive. Occorre tener conto di molti aspetti dell'economia, della geopolitica e della strategia militare. Bisogna rendersi conto che ci possono essere più avversari, è convinto Mark Pfeifle.

.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
borealis

avatar

Messaggi : 420
Data d'iscrizione : 18.03.13
Età : 46
Località (indirizzo completo) : San Paolo Solbrito (AT)

MessaggioTitolo: Re: Italiani brava gente ...   Mar 26 Set 2017 - 14:20

Il Brasile non mi preoccupa, troppo arretrato, troppa corruzione. Idem l'India.
La Russia si muove con un piede nel passato da superpotenza nazionalista, con l'altro malfermo nel capitalismo selvaggio post-URSS.
La Cina, ormai da anni, zitta zitta si sta comprando il Mondo, sfruttando a proprio vantaggio il fatto che qualsiasi cosa ha un prezzo di vendita.
Ha in mano il debito americano sotto forma di obbligazioni, il controllo della produzione mondiale dei beni, delocalizzata dal nostro "amato" sistema capitalista, e con i proventi del proprio lavoro si compra le risorse minerarie dell'Africa, le marche Europee, i negozi...tutto.
Ha quasi smesso del tutto di comprare armi dall'estero, e in tutti i campi ha sviluppato sistemi propri per esser indipendente da chiunque.
Senza sbraitare, senza tweet.

Il successo ultimo sarà del Comunismo, e noi apriremo gli occhi sui cinesi e sulle 'cinesate' troppo tardi.

_________________
Ci sono i Modellisti, e poi ci sono i...


Il Nobel per l'Ignoranza a questo Anonimo:
"...Ho cercato informazioni sui nobel assegnati sul modellismo senza trovare assolutamente niente, e ora come la mettiamo?..."
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5028
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Italiani brava gente ...   Mer 27 Set 2017 - 14:11

.

... direi impossibile contrastare una sola affermazione razionalizzata sinteticamente ...

Putin nel ruolo di statista regge la Russia uscita dilaniata dal crollo sovietico per opera angloamericana affrontando il difficile compito di ristabilire il ruolo di grande potenza uscita alle cronache con la presa di posizione sulla Siria, ci sarebbe altro.

... la Cina rinnegando il comunismo è letteralmente esplosa ridestando le sue gloriose origini antiche emergendo in breve invadendo i mercati con un'economia straripante in grado di capovolgere l'agemonia mondiale sul dollaro. Il ruolo di super potenza bellica non è di meno. I cinesi sono intenzionati sul ripristino della via della seta con l'Occidente e la Russia si apre all'Europa offrendo aspettative commerciali importanti e tali da risvegliare la sopita classe imprenditoriale tradita da politici anglofoni che tengono Nazioni colonizzate da bandiere di liberatori ...

Sottolineo due aspetti in opposizione, l'America continua la sua marcia di destabilizzazione, intrigando per assicurarsi soprattutto risorse energetiche, senza nè rispetto o condivisioni di utili economici, ma soltanto l'inganno e l'uso della forza. Cina e Russia hanno come obiettivo la proposta di mercati commerciali e perchè no, se l'Europa riscattandosi lasciasse i colonialisti a secco, per volgere lo sguardo a Oriente la storia potrebbe scrivere un nuovo capitolo umano.

... credo che più in basso di così l'Italia non potrebbe riconoscersi ...

.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
sharky63



Messaggi : 135
Data d'iscrizione : 16.12.13
Età : 54
Località (indirizzo completo) : Via Gandhi 1

MessaggioTitolo: BRICS   Mer 27 Set 2017 - 17:54

Buona parte dei moderni software viene sviluppata in India, ma nessuno lo dice e chi lo sa tace. L'India ha un solo reale problema: la divisione in caste generata dalla religione induista. Tieni presente che Tata si sta comprando le acciaierie della Thyssen krupp, io non sottovaluterei il paese vivendo di disinformazione.
Il Brasile è il granaio del mondo, anche qui gli anglosionisti fanno i loro sporchi giochi per tenere la testa bassa ad una nazione che potrebbe concentrare su di se la voglia di risscatto degli oppressi dell'america del Sud, altra ottima disinformazione passata e bevuta.
Ci sono poi altre potenze regionali che guardano al BRICS come all'arma finale per demolire l'impero oscuro.
Sven ce lo ha illuminato, tutto svolta e torna, ieri come oggi, oggi come domani. Il mondo cerca sempre una posizione di equilibrio e questa si ha solo quando due forze si equivalgono e agiscono sul medesimo punto. Altrimenti, in caso di sbilanciamenti, avrai un movimento che si occupa di dissipare energia fino al prossimo punto d'equilibrio. Fisica, filosofia, esoterismo, matematica tutti interconnessi e tutti a spiegare in modo diverso le stesse "verità".
Il comunismo è fallito insieme al capitalismo, non esistono più nè comunisti nè capitalisti, gli ebrei ortodossi sono più socialisti dei cinesi.
Le peggiori cantonate vengono quando la gente agisce per schemi mentali, per credi ideologici, pe dottrine e religioni. "Magari" fosse la sola avidità a guidare l'animo umano
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5028
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Italiani brava gente ...   Gio 28 Set 2017 - 10:09

.

... in un futuro non troppo lontano, dove l'umanità dovrebbe dividere le risorse energetiche per sopravvivere (pensate all'acqua) nazioni governate da pagliacci si sfidano per la supremazia mondiale ...

Da decenni continua la frode dell'acqua in bottiglia, quando avremo le falde inquinate l'acqua costerà un botto.

... finirà la benzina e avremo l'elettricità per muoverci poi alleveremo cavalli e buoi tornando alle origini ...

Però il vero problema a breve termine è l'aumento inarrestabile demografico che da 7.570.452.220 porta nel 2030 a 8.600 miliardi, secondo le stime di crescita, a 10 miliardi e passa per il 2050. Ovvia insostenibilità di contenere la crescita, nonchè gestire alimenti, materie prime, spazzatura e disordini sociali, l'alternativa pianificata dalla ricerca scientifica, falliti Ebola, Hiv, pozzi all'arsenico, inquinamento atmosferico, etc. un conflitto mondiale pensato da almeno trent'anni smaltirebbe l'occupazione umana sulla terra riportando la quota accettabile di 3 miliardi, meglio 2.5, praticamente l'uomo nelle caverne.

... dimenticavo, l'arsenale atomico costruito come deterrente bellico (cioè per impedire conflitti) ammonta a 450 volte la totale distruzione del pianeta ...

.lunga vita e benessere diventa la presa per il culo.

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5028
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Italiani brava gente ...   Gio 28 Set 2017 - 16:08

.

... come mai non dici nulla sulla diatriba fra Corea del Nord e USA?

Lo chiedi a me che non capisco un tubo di politica in paese, figuriamoci addirittura internazionale.

... beh, la tua impressione devi pur avercela in merito, una Nazione con 24 milioni di persone si inalbera con gli USA che ne contano 313.870 milioni non ti pare una sceneggiata?

Mica tanto se per tre quarti sono idiotizzati dalla cultura sionista, il resto emarginato e ghettizzato ......... segue

... lo Sven ha i suoi chilometri in bicicletta, bisogna capirlo.

Ero rimasto a ghettizzato dal razzismo, logge massoni, scientolgy, alcolizzati, drogati, sette religiose, indiani incazzati, immigranti scontenti, attori e sportivi prezzolati, men in black, CIA, NASA, DIA, FBI, NSA, DHS, INR, etc. resta ben poco di salubre mentale raschiato il barile. Vedi l'ultimo presidente!

... Quello che litiga con il coreano Kim, quello con soli 24 milioni di concittadini? Quello che si è svegliato all'improvviso annunciando il programma nucleare? Per avere fatto tutto da solo è un piccolo genio ...

Nà minkia! Si trova strategicamente come cuscinetto fra Cina e coreani del SUD colonizzati dai democratici americani, con il Giappone altrettanto messo a 90 gradi democraticamente da basi americane, e meno di sei anni fa almeno tre uccellini stanchi di sentire l'Ordine Mondiale farsi carico di conquistare il mondo, al picolo Kim Jong Un hanno sussurrato che poteva finire come Saddam Hussein e Muammar Gheddafi e che soltanto usando la stessa identica logica del deterrente atomico se la poteva cavare.

... ollallà, chiribbio direbbe il berlusca attempato. E chi sarebbero questi uccellini sussuratori, forse Iran, Cina e Russia? Interessante ...

Bravo, usa il forse e capirai un tubo. Prova a spremere il cervello, noi siamo 60.600 italiani, se soltanto la metà ascoltasse i sussurri provenienti dall'Est asiatico accettando alleanze utili per rinunciare al colonialismo d'oltre oceano, con gli arsenali atomici dislocati sul territorio, un programma nucleare sotto il culo di ogni menefreghista appisolato dalla falsa informazione, sai che salti farebbe il ciuffo biondo in caduta libera sistemato nella Casa Bianca?

... quindi il coreano ha accettato la via della sopravvivenza mettendo in pratica una tattica politica militare basata sul deterrente bellico, tirarselo più lungo aiuta a campare. Interessante Sven, bella mossa sulla scacchiera internazionale ...

Certo, l'orientale lo è per natura scaltro, approfittatore e per nulla stupido. Pensa alla situazione mediterranea, destabilizzata in Grecia, Libano, Siria, Turchia, Egitto, Libia, con lo zampino in Ucraina foraggiata dalla tedesca Merkel e la Crimea un boccone prelibato sul Mar Nero, un giochino sotto gli occhi attenti di Nazioni in continua espansione con l'Iran a ridosso di un calderone ribollente, confinante con la testa di ponte americana di Israele, aspettando l'inchiappettatura senza reazioni non è neppure pensabile.

... in effetti il conto torna, cinesi e russi non fanno chiasso, comprano in sordina invadendo l'Europa e con la Bric pronta nell'ingoiare il dollaro, addio al sogno sul NOM. Ma che dici dell'India con 1.382.323 milioni come seconda Nazione demografica, intendo la parte industriale tecnologica? Stanno dalla parte opposta del globo ma fanno sentire il loro peso ...

L'India non ha aspettato ad armare il nucleare fin dal 1974. Ha seguito la manfrina sionista e la guerra fredda ha insegnato a mezzo mondo che ha ragione il più forte. Ascolta ammia, l'animale più forte nel branco lo sottomette interamente, nessuno lo contrasta.

... bella storia. una Corea interamente colonizzata dai sionisti, confinante con i cinesi e i russi, propensa nell'oceano indiano, controllato dall'America, sai che gioia trovarseli come vicini allupati di conquiste. Ma, però, secondo te, capiscono che sono appena stati sconfitti in Siria, e che un nuovo Vietnam prosciugherebbe le casse svuotate americane trascinando a fondo l'economia compromessa da 20 trilioni di debito pubblico insanabile? Che io sappia non hanno vinto una sola guerra, salvo sterminare i nativi, una guerra di secessione fratricida, salvo la conquista dell'Europa e la distruzione sovietica costata miliardi di dollari per comprare a peso d'oro i governi corrotti, direi sono o pazzi oppure ostinati nel perseverare ...

L'ultima è buona. Rientra nella testardaggine ebrea, tipica della specie prescelta dal loro dio, occupare i territori occupati d'altri è uno scopo perdente tipico di pecorai che bramano l'erba verde del vicino per nutrire le greggi.

... non hai speso una sola parola sugli Inglesi? Come mai ...

Beh, hanno colonizzato gli americani, hanno saputo e previsto e scelto la Brekit togliendo la presenza europea. Sai, lo sapevano quando non hanno confermato l'unione come andava a finire.

... però, ecco perchè scrivevi non solo modellista, per uno che non capisce un tubo di politica ...

Dormo come un angioletto, pedalo, sono in buona salute, mi faccio i fatti miei, mi mantengo sveglio e contemplativo sul

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

fenomeno della riproduzione umana, posso pure ignorare la politica internazionale.

.


Ultima modifica di Sven Hassel il Ven 29 Set 2017 - 18:13, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5028
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Italiani brava gente ...   Ven 29 Set 2017 - 12:13

.

... mirate frate .................

Ci provano veramente in tutti i modi a zittire i cittadini, a censurare coloro che osano esprimersi apertamente contro la classe dirigente.
Se solo potessero, introdurrebbero subito nel codice penale la fattispecie di "psicoreato" (e chi non sa cos'è, vada a leggersi di corsa Orwell): la strada verso di esso è comunque segnata, eccome se è segnata. Da oggi, infatti, per incorrere in pesanti guai giudiziari potrebbe bastare mettere like al post "sbagliato" di un amico su Facebook.

Il fattaccio è accaduto a sette cittadini italiani che hanno avuto un'idea tanto banale quanto malaugurata: concedere il pollice in su a un commento che è stato considerato diffamatorio da un magistrato, e oggi si trovano anch'essi sotto processo per diffamazione, in concorso. La vicenda era iniziata nel 2014, quando il sindaco di San Pietro Vernotico, piccola cittadina in provincia di Brindisi, e alcuni dipendenti della sua amministrazione vennero tacciati su Facebook di essere dei fannulloni e degli assenteisti. Gli epiteti sono stati sufficienti, secondo il procuratore designato, non solo per contestare all'autore del post il reato di diffamazione, ma anche per chiamare a rispondere della medesima accusa aggravata tutti coloro che avevano espresso il proprio apprezzamento al testo incriminato.

E così, non basterebbe più nemmeno dire "Occhio alla penna!". Ora bisogna mettere tutti in guarda dal semplice atto di abbassare il dito indice su un tasto… occhio al click facile, perché da domani potreste essere chiamati a rispondere in tribubale! Si spera che alla fine il giudice desista da una bella pensata che sa tanto di "giustizia creativa". Rimane tuttavia tale episodio come dimostrazione dell'atmosfera di caccia alle streghe che si respira nella nostra povera Penisola, da qualche anno a questa parte. Più aumentano i mezzi di comunicazione, più ci viene imposto di usarli solo per rimbambirci di spettacoli cretini o di credere ciecamente solo alle notizie certificate da un ente superiore, imparziale, democratico, sovranazionale e chi più ne ha più ne metta per descrivere il Ministero euroatlantico della Verità.

Il caso in questione potrebbe pure essere bollato come stranezza italiota, da archiviare o ignorare, e invece ci inquieta in modo molto più profondo, perché tutti possono vedere ciò che sta avvenendo in Italia, dove a livello di presidenza della Camera si fa un gran parlare di fake news e hate speech ma solo se fa comodo a chi siede su quello scranno; in Europa, dove si approvano risoluzioni paranoiche contro i mezzi di informazione non allineati al mainstream, in primis RT e lo stesso Sputnik; negli Stati Uniti, dove al Senato approderanno i rappresentanti di Facebook, Twitter e Google per comprendere se veramente ci sia stata un'influenza estera sull'elezione del presidente americano.


La situazione è divenuta intollerabile, perché è evidente a chiunque che dietro tutto questo agitarsi risiede la volontà di censurare le notizie sgradite. Siamo d'accordo che sia giusto fermare chi incita all'odio, ma altra cosa è cancellare o perseguire le opinioni scomode. Ed è quello che sta avvenendo in Occidente, dove alcuni tipi di notizie non godono più della stessa visibilità che avevano fino a qualche tempo fa, a causa dell'offensiva ideologica intrapresa dall'Unione Europea. Ebbene, sono queste le regole della democrazia? È questa la tutela della libertà di pensiero di cui l'Occidente si è sempre fatto paladino? Non pare proprio, anzi gli ingredienti per l'oppressione ci sono già tutti.

lol!

.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5028
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Italiani brava gente ...   Mer 4 Ott 2017 - 12:08

.

... follia collettiva strumentalizzata

Come sarebbe la penisola italiana se i tanti movimenti autonomisti che pullulano in Italia seguissero le volontà della Catalogna di staccarsi dalla Spagna per dichiarare l’indipendenza? La nuova cartina geografica somiglierebbe molto alle mappe dell’Italia antecedenti al Risorgimento, un puzzle di stati che stravolgerebbe il familiare aspetto geopolitico del Belpaese.

Trentino Alto Adige, Val d’Aosta, Veneto, Sardegna, Friuli Venezia Giulia, ma anche Lombardia, Sicilia e un grande stato meridionale che raccoglierebbe Campania, Calabria, Puglia e Basilicata, l’universo separatista in Italia è ampio e sfaccettato e lo scalpore suscitato dal referendum in Catalogna, così denso di polemiche e scontri, ha aggiunto benzina sul fuoco dell’indipendentismo italiano. L’imminente referendum per l’autonomia di Lombardia e Veneto inoltre, che si terrà il prossimo 22 ottobre, potrebbe aggiungere ulteriore energia ai movimenti di chi reclama maggiore autonomia, o addirittura la piena indipendenza.

In Alto Adige il Süd-Tiroler Freiheit (movimento politico indipendentista della provincia autonoma di Bolzano) e il gruppo degli gli Schützen, il movimento dei “bersaglieri” tirolesi, chiedono da lungo tempo la secessione dell’Alto Adige dall’Italia per farsi annettere all’Austria in nome dell’autodeterminazione di buona parte di un popolo che soprattutto nella provincia di Bolzano si sente lontano dall’Italia.

Anche in Sardegna i movimenti che richiedono l’indipendenza sono tutt’altro che deboli, il Partito sardo d’azione, il Progres – Progetu Repu’blica, forte dell’appoggio della scrittrice Michela Murgia e l’ Indipendèntzia Repùbrica de Sardigna , non hanno mai nascosto la volontà di fare dell’isola sarda uno stato indipendente. Per manifestare la propria solidarietà al popolo catalano diverse delegazioni sono partite per Barcellona proprio nei giorni più caldi.

In Val d’Aosta il Movimento Autonomista Union Valdotaine Progressiste alle passate elezioni regionali ha raggiunto il 20% delle preferenze, l’Union Valdotaine il 33%. Entrambi chiedono maggiore autonomia per la regione posizionata tra la Francia e l’Italia.

I toni si fanno incandescenti in Veneto, “Indipendenza Veneta“, movimento apertamente indipendentista, può contare su circa il 3 % di consensi, una percentuale in costante crescita negli ultimi anni che ha tra le propria fila sostenitori che vedono parallelismi tra la situazione della Catalogna e quella Veneta con qualche supporter che parla apertamente di dittatura centralista.

Spostandoci all’estremo sud, va ricordato che alla fine della seconda guerra mondiale una frangia di separatisti siciliani chiese apertamente agli Stati Uniti di farsi annettere alla grande nazione americana. I più moderati ottennero nel 1947 lo status di Regione autonoma, privilegio che consente alla Sicilia oggi di avere un ordinamento speciale e un’ampia autonomia legislativa. Ma non a tutti basta, la formazione di entità politiche come “Sicilia Nazione” e “Siciliani Liberi” chiedono che la Sicilia diventi quanto prima indipendente, andando così a collegarsi con gli altri movimenti indipendentisti che in Italia, così come in tutta Europa in questo ultimo periodo stanno ottenendo nuovo vigore.

... considerando la globalizzazione come un danno irreparabile e la UE una fandonia inaccettabile, le proteste arrivano con i movimenti separatisti desiderosi d'indipendenza sostenuti però da politichesi spregiudicati intenzionati nel restare sul carro conquistato. Le rivoluzioni insegnano che in prima linea a prendere manganellate, lividi, pestaggi e sangue versato, è il popolo beffato come "populismo" reazionario o fascista finchè dopo lotte fratricide (rivoluzione francese - la distruzione dello zarismo russo - il 68 italiano, tutto torna peggio di prima nelle mani di criminali al potere che altro non sono che repliche precedenti ...

L'uomo invoca la libertà come un diritto dovuto, come l'aria respirata. E questo si nutre di due cose, l'aria e il cibo, non appena si sente minacciato insorge sventolando bandierine colorate.

... peccato non analizzi scientemente di vivere in un periodo storico mai avuto in passato dall'uomo, in cui l'uomo moderno affoga nello stesso progresso raggiunto ...

.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5028
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Italiani brava gente ...   Gio 5 Ott 2017 - 18:31

.

Secondo la stampa inglese il territorio italiano sarebbe a forte rischio di tribalizzazione.

Tradotto in termini semplici significa che le bande di migranti potrebbero appropriarsi di aree più o meno vaste delle nostre città (come in parte hanno già fatto) e difenderle come fossero una loro proprietà, proprio come si usa fare nelle zone africane attraversate da guerre civili e conflitti tribali.

A fare questa rivelazione è un articolo del Times, datato 29 giugno 2017, e un altro del The Guardian dell'agosto scorso. Entrambi i giornali parlano di gang di criminali africani, perlopiù nigeriani e centrafricani, operanti in Italia e già all'attenzione dell'intelligence britannica, che inizialmente collaboravano con le mafie locali per lo sfruttamento della prostituzione e il traffico di droga, ma che ora si stanno organizzando sotto forma di gruppi paramilitari per controllare il territorio italiano.

È tutto da vedere se l’Italia abbia la volontà e la forza politica di operare i rimpatri o i respingimenti accompagnati alla frontiera.

Italia, un migrante può violentare perché non conosce la legge

I membri di queste gang sono solite usare il machete come arma (oltre a coltelli, asce e bastoni) e oggi usano il Sud-Italia, specialmente la Sicilia e la Campania, come punti di reclutamento per centinaia di migliaia di immigrati clandestini. Rodolfo Ruperti, capo della polizia di Palermo, aveva dichiarato proprio al Times che è estremamente complicato sgominare le gang di immigrati (suppongo data la scarsità di mezzi, l'eccessiva presenza di immigrati irregolari, l'inefficienza del sistema giudiziario e l'atteggiamento punitivo della politica e dei magistrati nei confronti delle forze dell'ordine invece che dei delinquenti), e che soprattutto queste stanno conoscendo un rapido radicamento sul territorio. Il rischio paventato dalla stampa inglese è che tali organizzazioni criminali possano armare gli ospiti dei numerosissimi centri d'accoglienza o gli occupanti abusivi degli edifici cittadini, proprio al fine di dare vita a fenomeni di guerriglia urbana.

Sarebbero queste le ragioni che avrebbero spinto il governo britannico ad un ulteriore stretta sui flussi migratori, in special modo quelli provenienti dall'Italia: pare che Scotland Yard abbia consigliato all'esecutivo maggiori controlli sui voli e sui mezzi su gomma e rotaia provenienti dal Bel Paese.


L’INPS pensi alle pensioni, non ai migranti che dovrebbero pagarcele


Tuttavia la politica italiana sembra non essere affatto allarmata da una situazione che va rapidamente degenerando e che rischia di deflagrare da un momento all'altro. Anche se il fenomeno delle bande di criminali che controllano interi pezzi del territorio italiano sarebbe già una realtà e che ora la cosa rischi di aggravarsi ulteriormente visto il flusso incontrollato di migranti africani, le indicazioni, secondo autorevoli fonti della polizia, sarebbe quella di sorvolare sulla questione al fine di non allarmare la popolazione e di non suscitare scompiglio tra gli immigrati. Capite? Lo Stato si è arreso alla delinquenza e ritiene la sensibilità e i diritti degli immigrati più importanti della sicurezza e del mantenimento dell'ordine nelle nostre città.

A quanto pare non bastano gli stupri, le rapine e le violenze diffuse a svegliare i nostri governati: bisogna forse aspettare che i profughi si armino ed inizino a terrorizzare intere comunità, appropriandosi di pezzi interi del nostro Paese, perché i benpensanti della sinistra mondialista che (ancora per poco) ci governano si decidano a fare qualcosa? Ma forse anche allora i compagni di sinistra proporranno come soluzione il dialogo con gli invasori, l'educazione civica nei centri d'accoglienza, i corsi di integrazione e cultura africana nelle scuole, l'elargizione di sussidi e case popolari agli immigrati e l'accoglienza diffusa.

Caos migranti, l’inizio di una guerra sociale

Le notizie che giungono dall'Inghilterra (e che in Italia i media politicizzati si guardano bene dal divulgare) sono drammatiche: ci dicono che sul nostro Paese si addensano minacciose le nubi della guerra civile e che gruppi di criminali armati si preparano a costituire delle enclavi etniche. Questo governo idiota ha avuto un ruolo centrale nel favorire questo rischio. Quello stesso governo che pensa di prevenire episodi di violenza regalando case e sussidi ai profughi prima di sgomberarli dagli edifici occupati abusivamente.

Per quanto riguarda si riterrebbe intelligente correre ai ripari prima che la situazione degeneri ulteriormente, ed è per questo che suggerire di commissionare militarmente le zone rurali e i quartieri delle città ad alta concentrazione di immigrati, naturalmente dando pieni poteri ai militari e ai loro comandanti e sospendendo la giurisdizione ordinaria, al fine di riportare ordine, regole e pulizia nelle zone d'Italia che l'alleanza Pd-Vaticano-Cooperative-Ong ha sostanzialmente regalato a bande di clandestini violenti e pericolosi.

Tempi eccezionali richiedono misure eccezionali: la sicurezza è un bene primario che lo Stato ha il dovere di garantire, a prescindere da considerazioni boldriniane sui presunti diritti degli immigrati. Il primo diritto è quello degli italiani alla sicurezza e alla vita: uno dei tanti di cui questo governo catto-sionista si è dimenticato.

... già già giàaaaa!

Secondo la stampa inglese siamo comunisti. Grazie PD.

.tu bravo italiano io buono negro.


[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5028
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Italiani brava gente ...   Lun 9 Ott 2017 - 15:51

.


"De-Dollarizzazione”: come le sanzioni economiche contro la Russia stanno promuovendo il commercio e la finanza bilaterali, al di fuori del regno del dollaro statunitense.
Le sanzioni imposte da Washington alla Russia impongono grandi volumi di scambi e finanziamenti fuori dall'ambito delle reti tradizionali, indebolendo il controllo occidentale su tali flussi.

Le sanzioni occidentali stanno avendo un effetto non intenzionale. Accelerano la nascita di un ecosistema parallelo in cui i paesi emergenti, non alleati dell'Occidente, sono in grado di operare senza la costante minaccia delle sanzioni. Senza controllo occidentale, questa piattaforma alternativa sta guadagnando trazione ad un ritmo sorprendentemente veloce.

Vale la pena ricordare all'inizio che le imprese occidentali hanno un'enorme esposizione sul mercato russo. Al contrario, la Russia è principalmente un esportatore di materie prime come l'olio, il gas, i metalli e i minerali, che sono in grande richiesta — soprattutto nei mercati crescenti dell'Asia. Effetto indotto: mentre i beni di consumo e beni durevoli occidentali possono essere sostituiti da produttori asiatici, le materie prime russe sono il volano delle economie sia in Asia che in Europa.

La spinta verso un mondo non dominato dall'occidente sta accelerandosi più rapidamente nel settore della finanza. Ciò non è sorprendente perché i flussi finanziari sono più facili da reindirizzare — e sostituire — vale a dire, rispetto a una spedizione di carbone o di una petroliera.

Tra le decine di sanzioni dirette contro la Russia, la più estrema è stato proposta dal Regno Unito, che ha spinto i leader dell'Unione europea a bloccare l'accesso russo al sistema di transazioni bancarie SWIFT. Il SWIFT, con sede in Belgio, che rappresenta la Società per la telecomunicazione finanziaria interbancaria mondiale, è una delle arterie del mondo finanziario.

Limitare l'uso di SWIFT per la Russia, senza dubbio avrebbe disturbato le attività finanziarie e commerciali del paese, ma secondo Richard Reid dell'Università di Dundee in Scozia potrebbe portare un downside a più lungo termine. "Un grossa parte di flussi di pagamenti internazionali russi si sposterà verso canali finanziari molto meno monitorati e misurati e pertanto sarà al di là delle sanzioni in qualsiasi programma futuro", ha detto a Bloomberg News.

Anche se il cancelliere tedesco Angela Merkel ha respinto rapidamente la proposta britannica come troppo estrema, il danno è stato fatto. Ora è abbastanza chiaro a Mosca che i "gemelli cattivi" degli Stati Uniti-Regno Unito non sono contenti di sanzioni simboliche ma sono veramente protesi per distruggere l'economia russa. Anticipando questo colpo nella sua giungla finanziaria, la Russia aveva in luglio elaborato una legge con l'obiettivo di creare un sistema equivalente locale allo SWIFT.

Le sanzioni hanno anche evidenziato la sinergia tra Russia e Cina. Vesti Finance riferisce che le sanzioni volte a limitare l'accesso russo alle finanze non avranno quasi alcun senso, poiché le società russe troveranno i soldi necessari in Cina. E i cinesi desiderano aumentare l'impatto del renminbi e trasformare questo nella valuta di riserva del mondo. Un effetto boomerang quindi per la supremazia del dollaro.

De-dollarizzazione

Il passaggio a un sistema di pagamento parallelo avviene parallelamente all'abbandono del dollaro statunitense, sistema in cui naviga l'intera economia statunitense — e l'egemonia finanziaria USA- segue in posizione dominante. Lo status del dollaro come valuta di riserva è dovuto all'essere questa l' unica valuta accettata nel mercato petrolifero, e per questo è anche conosciuto come il petrodollar. Il rischio è quello che in buona parte di questo mercato si verifichi una de-dollarizzazione a favore del renminbi cinese.

Alcuni paesi stavano per cambiare, come la Russia e altre potenze emergenti stavano già progettando di abbandonare il petrodollaro e di porre fine allo status del dollaro come moneta di riserva. Ma poiché il dominio del dollaro è così schiacciante nel commercio del petrolio, richiederebbe qualcuno davvero grande per abbatterlo.

Quel player possente potrebbe essere la Gazprom. Kommersant riferisce che la compagnia petrolifera russa ha iniziato a trasportare petrolio dall'Artico e che le navi cisterne arriveranno in porti europei questo mese, con pagamento da ricevere in rubli. Gazprom fornirà anche petrolio attraverso l' oleodotto orientale della Siberia orientale (ESPO), accettando il pagamento in renminbi cinese.

Il portale finanziario Zero Hedge afferma: "La Russia sta spingendo attivamente con il piano di colocare il dollaro nelle vecchie abitudini e sostituirlo con un sistema privo di dollari ovvero un mondo de-dollarizzato".

Citando la voce della Russia, Zero Hedge afferma che il ministero delle Finanze del Paese è pronto a mettere in luce un piano per aumentare radicalmente il ruolo del rublo nelle operazioni di esportazione riducendo la quota di transazioni denominate in dollari.

Come dice Zero Hedge, "più l'Occidente antagonizza la Russia, e più decreta le sanzioni economiche che lambiscono, tanto più la Russia sarà costretta a sottrarsi da un sistema commerciale denominato in dollari americani e impostarne uno che riguarda anche la Cina e l'India".

Vale la pena ricordare che il contratto di fornitura gas per 400 miliardi di dollari della Siberia con la Cina — che Mosca e Pechino avevano stipulato da un decennio — è finalmente entrato in vigore nel maggio 2014, dopo che le sanzioni occidentali sono state decretate.

È un indicatore della poca dimensione del pensiero strategico in Francia e in Germania che sono così facilmente influenzati dal duo US-UK combinare con i contratti militari già stipulati con la Russia. Le sanzioni incorporate da parte, la violazione del contratto è garantita per allarmare altri acquirenti.

Se la Germania e la Francia stanno progettando di allontanare i propri clienti dalle forniture di armi, allora stanno facendo un ottimo lavoro. Ma guardalo in questo modo: forse è proprio ciò che gli Stati Uniti e il Regno Unito stanno pianificando per tutto il tempo — per attirare acquirenti disillusi.

Nell'ambito della sua modernizzazione militare, la Russia aveva assunto la Rheinmetall della Germania per costruire una moderna struttura militare di formazione. Ma sotto pressione degli Stati Uniti, la Germania aveva annullato il contratto di 134 milioni di dollari. La relazione di strategia dice che la Russia può rivolgersi alla Cina per ottenere il centro di formazione già costruito in quanto la Cina ha ottenuto — o piuttosto acquistato — la tecnologia e costruito la propria.

"La crescente lista delle sanzioni contro la Russia ha colpito particolarmente l'industria delle armi russe, poiché le armi russe dipendono dai fornitori occidentali per alcuni dei componenti ad alta tecnologia necessari", dice Strategy Page. "La Cina sta approfittando di questo fatto sottolineando che è diventato un importante produttore di componenti elettronici e meccanici di fascia alta e probabilmente può sostituire i fornitori occidentali ora non disponibili per le sanzioni. Mentre la Russia non acquista molte armi straniere, acquista un sacco di componenti high-tech (specialmente elettronici) provenienti dall'Occidente. Molti di questi articoli sono articoli a doppio uso che la Cina e altri paesi dell'Asia orientale fabbricano. La Cina sostiene la Russia (si muove in Ucraina) ed è ostile alle sanzioni (a cui stato sottoposta per diversi decenni). Pechino ritiene che possa sostituire abbastanza fornitori occidentali in Russia per creare circa 1 miliardo di dollari all'anno in attività aggiuntive per le imprese cinesi". Un vero bengodi per l'industria cinese.

Allo stesso modo, l'India sta assistendo — con un mix di divertimento e di sgomento — alla Farancia obbligata dagli Stati Uniti a lasciar affondare il suo contratto per la Mistral di 1,6 miliardi di dollari con la Russia. La Francia è stata un fornitore affidabile di sistemi di combattimento di qualità e non ha mai affrontato un accordo con l'India. Tuttavia, era in passato quando la Francia ancora non aveva optato per la NATO. Con Parigi che ora sta sincronizzando la sua politica estera con i signori della guerra a Washington, l'esercito indiano dovrebbe ritenere poco affidabile la tecnologia Made in France.
Perdita di peso per l'Occidente

Mentre gli Stati Uniti e l'Unione Europea navigano nel buio, c'è notevole attività nei paesi alleati della Russia. Oltre ai movimenti guidati dal mercato (esportatori di prodotti alimentari provenienti dall'Asia che corrono per riempire gli scaffali russi di supermercati) ci sono mosse strategiche in atto. Ad esempio, gli Stati Uniti e l'Unione europea hanno un monopolio sugli aeromobili di grandi dimensioni e dominano anche le categorie delle medie. Le sanzioni sono solo la spinta necessaria per accelerare le joint venture di aviazione, in particolare tra la Russia e la Cina negli aeromobili di grandi dimensioni e la Russia e l'India in aerei di medie dimensioni.

Il concetto di "Mondo senza l'Occidente" è stato articolato per la prima volta dagli accademici americani Steven Weber, Naazneen Barma e Ely Ratner. "Preferendo approfondire i propri legami tra di loro e in tal modo allentare relativamente i legami che li legano al sistema internazionale centrato in Occidente, le potenze in aumento stanno costruendo un sistema alternativo di politica internazionale il cui fine non è né il conflitto né l'assimilazione con l'Occidente," dicono.

L’aggressività dell'Occidente ha spinto Mosca verso Oriente
Quindi, in effetti, i paesi emergenti, non giocando con le regole e con i sistemi fissati dall'Occidente stanno creando un accordo alternativo in cui non entrano in situazioni di conflitto con l'Occidente né entrano in alleanze sottomesse (come quelle offerte alla Corea del Sud e al Giappone).

Fra alcuni a partire da adesso, gli occidentali ritorneranno indietro a considerare le sanzioni come il punto di inflessione che ha inaugurato un mondo senza l'Occidente.

.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5028
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Italiani brava gente ...   Mar 10 Ott 2017 - 9:36

.

.................. sotto un unico cielo!



[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]



.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5028
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Italiani brava gente ...   Gio 19 Ott 2017 - 18:23

.

QUESTO E DA MANICOMIOOOOOO ..............

Gli europei stanno diventando vittime dell'unilateralismo statunitense: la svolta orientale della Russia è evidente; dividere l'Europa dalla Russia è un errore inspiegabile degli Stati Uniti, ha dichiarato il presidente della Fondazione per la Cooperazione Internazionale ed ex capo del governo italiano Romano Prodi.
"Se nel 2012 la quota delle esportazioni della UE verso i Paesi della Comunità Economica Eurasiatica superava l'8%, ora è scesa al 4,8%. Sono davvero stupito di come le sanzioni abbiano cambiato il rapporto e dei danni che hanno inflitto alla nostra cooperazione," — ha evidenziato Prodi, intervenendo al Forum economico eurasiatico di Verona.

"Se nel 2012 avevamo un giro d'affari da 134 miliardi di euro, nel 2014 a 118 miliardi, nel 2015 ad 86, ovvero si è ridotto del 25%. Questo è un periodo in cui, nonostante alcune difficoltà economiche, il commercio internazionale si è sviluppato. Si capisce chiaramente che c'è stato un allontanamento delle posizioni politiche e i Paesi della Comunità economica eurasiatica ora guardano per certi livelli più ad Oriente che in Occidente", — ha aggiunto l'ex primo ministro.

Prodi ha avvertito che se questa situazione diventa una tendenza di lungo termine, si trasformerà in una condizione permanente.

"E' evidente l'inversione della Russia verso est, ed è impressionante. Noi europei, a quanto pare, stiamo diventando vittime di una politica che non abbiamo scelto," — ha sottolineato Prodi.

"Non può esserci pace in Medio Oriente a meno che non ci sia consenso tra la Russia e gli USA. Non è solo sufficiente, è una condizione necessaria per raggiungere la pace". Gli Stati Uniti hanno così implementato la propria politica che a seguito delle sanzioni non solo non ci hanno perso, ma ci hanno persino guadagnato, ha constatato Prodi lamentandosi.

"Di fatto siamo schiacciati da questa politica. Intendo dire che non stiamo sfruttando tutte le nostre potenzialità. Separare l'Europa e la Russia penso sia un errore degli Stati Uniti che alla luce di una prospettiva storica è inspiegabile".

Il Forum economico eurasiatico è iniziato oggi a Verona. Il tema principale di quest'anno è "Una grande Eurasia come motore nel contesto geopolitico ed economico moderno internazionale". All'evento prendono parte i rappresentanti di grandi imprese italiane, russe e molti altri Paesi, tra cui la Cina, nonché i rappresentanti delle autorità governative. L'agenzia russa di stampa internazionale "Rossiya Segodnya" è il partner mediatico del forum.

... i volta gabbana dalla faccia di tolla andrebbero mortadellati come cibo per suini .....

.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5028
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Italiani brava gente ...   Mar 24 Ott 2017 - 17:26

.

Sven posso chiederti che cosa ti ha dato più fastidio frequentando i forum in questi quindici anni?

… credo sia stata la stupidità dovuta all’ignoranza …

Risposta secca! Se ben ti conosco definisci la stupidità come “ripetizione” e ignoranza come non “conoscenza”, giusto?

… sì. Esattamente, e trovo insopportabile la conoscenza (stupida) generata dal sapere per sentito dire. Chi si accontenta di sapere si trova sull’infantile livello d’apprendimento di un piccolo bambino inferiore ai 5 anni. Il suo intelletto si è cristallizzato sull’indagine esistenziale continuando la dipendenza d’informazioni ascoltate da altri, l’incapacità di comprendere oltre chiude l’elaborazione a largo raggio sull’apprendimento a trecento sessanta gradi limitando l’individuo fossilizzato in settori in cui si costringe l’azione per vivere ...

Mi pare di capire che una scelta qualsiasi, sia pure di successo, è soltanto un settore in cui la persona è diventata quel che è, vale a dire un operaio si è accontentato del suo ruolo come un medico del suo, o un avvocato non è andato oltre la professione di sarta, un attore di successo non fa alcuna differenza con il ruolo di casalinga e un geometra si crede arrivato senza cercare altro?

… ho per mia scelta amicizie di lunga data con personaggi che si trovano in ottime posizioni sociali e da questi ho ricavato attraverso l’osservazione capacità ristrette, insoddisfazione e noie combattute, ripensamenti e stati d’ansia che ne a volte ne hanno inficiato la salute. La causa di questi effetti collaterali è la trappola in cui si sono cuciti addosso una professione che ha solo compensato l’ambizione di emergere dalla massa ma una volta raggiunto il livello desiderato si sono sentiti arrivati in uno stallo d’incertezze …

Aspetta, secondo te il successo raggiunto equivale alla posizione economica sociale, e basta?

… certo, il profitto acceca l’estensione dell’individuo illudendo una falsa meta e poiché più sale in alto più il suo ruolo d’occupazione lo imprigiona nella gabbia costruita …

Però, non credi che chiunque potrebbe spezzare le sbarre per uscire dalla sua gabbia?

… balle! Chi si è messo la sua targa in fronte dimostrando chi sia, toglierla significherebbe rinnegarsi, ammettere di avere scelto la strada sbagliata. Soltanto individui portati all’estrema curiosità, i così detti incontentabili, sono capaci di procedere senza paura verso l’impossibile …

L’impossibile è anche l’ignoto e la paura entra in gioco, è questo che toglie il cambiamento nell’individuo?

… mai visto un avvocato di successo diventare ristoratore? Un farmacista conduttore di treni e diventare architetto? Eppure un vero avvocato di successo, perché non potrebbe cimentarsi in qualunque professione? Una casalinga capace di amministrare l’intera famiglia potrebbe diventare la manager di un’impresa soltanto osando l’impossibile e questo è solo il lato nascosto del possibile alla portata di chiunque …

Mi serve il solito esempio terra terra Sven, altrimenti mi perdo.

.. presto fatto. Mi trovo a discutere di fede con uno preparato, cioè un conoscitore biblico che mi pone la domanda: perché l’antico Israele combatteva guerre? La bibbia dice che le nazioni che Israele sconfisse erano estremamente violente e depravate. Vi si praticavano bestialità, incesto e sacrifici umani. Dopo avere concesso loro secoli di tempo per cambiare condotta, dio disse “Mediante tutte queste cose le nazioni che caccio d’innanzi a voi si sono rese impure” (Levitico18:21-25, Geremia 7:31). Le religioni hanno sempre avuto un ruolo importante in ogni guerra combattuta. “E’ per la malvagità di queste nazioni che Geova tuo dio le caccia d’innanzi a te (Deuteronomio 9:5) ... che cosa rispondere a una persona che cita affermazioni ricavate da un libro costruito appositamente per raccogliere proseliti indottrinati, cotti a puntino, conchiusi in un labirinto di sentito dire, letto e ingoiato, assimilato perché associato da milioni di individui che ne condividono fra loro in sostanza solo un’idea …

Sono stupidi, secondo te? O meglio disinformati? Certi soltanto perché altri ne sono stati associati all’ebraismo?
… si chiama nazione Israele, quando il popolo palestinese ancora vagava nei deserti del Sinai in gruppi separati chiamati tribù nomadi in cerca di aridi pascoli e si diffonde che questa popolazione combattevano guerre contro altre nazioni. Si afferma che sconfissero nazioni violente e depravate. Che praticavano incesti e sacrifici umani. Usanze spesso praticate dai nomadi palestinesi. A un certo punto dopo secoli appare un dio sanguinario che si pone “innanzi” ai nomadi cacciando intere nazioni impure. Uno stupido presterebbe fede cieca senza indagare? Soltanto perché all’età prescolastica ha presunto che poteva imparare dai libri ...

Mi passa ora per la testa che la fede musulmana trae dal corano tutta la sapienza esistenziale.

… infatti. Un buddista crede in ciò che è diventato, come un prete sostiene l’improbabile esistenza divina. I greci si costruirono in Pantheon e i romani prudenti eleggevano gli imperatori, umani fisici che il popolo poteva vedere come eroi o tiranni da abbattere. Carlo Magno, Alessandro, Napoleone, Hitler, Stalin, Mussolini, non hanno trascinato in rovina nazioni soltanto con un’idea?
Da quale idea è nato il popolo palestinese per costruire la sua nazione?

… il loro ipotetico dio parlò per bocca insensata da un umano che profetizzò: Io non vi darò armi e guerre spaventose contro altre nazioni, ma farò CREDERE in qualunque cosa l’uomo vorrà ...
Questo osceno credo ha trasformato buona parte del mondo civilizzato in fazioni religiose-culturali nel seguire illusioni pindariche fondate sull’infondatezza di prove su deismo millantato, cioè presenze ultra terrene inventate per plagiare l’umanità e si devono ammettere che funzionano alla perfezione nell’assunzione ideologica dell’uomo che svende se stesso a favore di partecipazioni di massa basate unicamente sull’antichissima formula del “credo”.

… io stesso credo in quel che scrivo e una parte dei lettori ne credono la parte opposta. Inutile discutere sul fenomeno delle associazioni, aggregazioni e condivisioni di gruppo. La trappola ha funzionato alla perfezione originando il lato oscuro di un popolo certo tenace quanto privo di scrupoli e determinato da secoli con l’unico scopo d’impadronirsi della terra promessa. Un progetto scaturito dalla fiaba dove Davide sconfisse il giganti Golia (leggi alcune tribù stanziate nel deserto del Sinai ebbero la meglio con l’impero persiano) e da Salomone suo figlio, che dà origine alla dinastia monastica davidica, dalla quale stirpe tutti i patriarchi sostenitori fino all’assegnazione di Stato d’Israele ottenuto nel 1948, diventando simbolo e satellite sionista americano. Che sarebbero i colonizzatori e non i liberatori del nazismo hitleriano europeo …

Accidenti Sven! Allora tutto si costruisce sull’idea? Poi si incomincia nel crederci sul contenuto, si diffonde l’idea aggregando gruppi che diventano l’accordo sull’idea, che si espandono e da bocca in bocca una qualunque fesseria diventa vera? Strabiliante come trappola, ma che cosa è la verità allora?

… un semplice accordo di gruppo, verità o fandonie derivano soltanto da un accordo dato su di esse. Non potrebbe essere diversamente nel nostro universo dualistico dove imperano le contrapposizioni. Chi asseriscono d’essere i detentori di messaggi ultra terreni, fautori di possedere credenze alienanti, testi sacri scritti da sacerdoti uomini, sirene avvistate da marinai allupati, asini volanti, unicorni bianchi, terre promesse e altre amenità umane, sono e trovano accordi di massa enormi coinvolgendo chiunque indicando la luna osserva solo il dito …

Certo, l’ignoranza, ovvero la non conoscenza imbarazza parecchio seguirti.

.

Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5028
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Italiani brava gente ...   Lun 30 Ott 2017 - 11:18

.

Basi USA in Italia: storia di una sottomissione palese

Da Paese uscito sconfitto dal secondo conflitto mondiale, e con una importanza geopolitica rilevante, all’Italia è stata imposta una presenza massiccia di basi militari su tutto il territorio nazionale.

Con l'adesione al patto atlantico di difesa miliare NATO del 4 aprile 1949, l'Italia entra e si posiziona ufficialmente all'interno del blocco occidentale contrapposto a quello sovietico e del patto di Varsavia, diventando un'importante base logistico-militare per le truppe alleate, soprattutto per quelle americane.

Basti pensare che dal dopoguerra in poi, la presenza militare americana ha garantito a Washington un controllo capillare nel Mediterraneo, che doveva essere difeso, a detta del Pentagono, dalla minaccia sovietica. Gli americani hanno depositato un cospicuo numero di testate nucleari in Italia, che tutt'oggi rimangono attive.
L’Ossezia del Sud accoglie l’Italia: “Fate come noi, non abbiate paura degli USA”

Ma è soprattutto negli ultimi trent'anni che queste basi, marine, aeree e di terra si sono rivelate di grande importanza: ad esempio per le operazioni di intervento militare contro la Serbia nel conflitto Jugoslavo, nelle missioni di peace keeping nelle neonate repubbliche in quell'area o in Libia e per il rifornimento logistico navale nei due conflitti in Iraq.
La presenza USA nel nostro Paese non si è mai alleggerita, neanche dopo la fine della guerra fredda e il crollo dell'Unione Sovietica. È anzi rimasta ben presente per tre importanti motivi: per supporto logistico alle guerre di "esportazione di democrazia" nel Mediterraneo e nel golfo, per mantenere una pesante "occupazione" militare in Europa e infine per proseguire nell'ottica di una politica di accerchiamento della Russia.

Le basi americane sono disseminate dal Friuli alla Sicilia, e il rapporto del governo italiano con la loro presenza è sempre stato di totale sottomissione. Prendiamo ad esempio la base di Vicenza, Camp Ederle: già caserma dell'esercito italiano, ospitò i primi militari americani già nel 1955, in dislocamento dall'Austria, acquistando nel tempo sempre più importanza e implementando la presenza di truppe fino ad arrivare alle 12000 unità odierne, 2000 in più del periodo della guerra fredda.
Italia, portaerei NATO al servizio degli USA

L'impatto con la comunità veneta della presenza dei 12000 militari americani a Vicenza non è dei migliori. Dal 2015 al 2016 ci sono stati 113 casi di crimine commessi da militari statunitensi; da stupri e tentate violenze sessuali a risse ed aggressioni. Il fatto eclatante però sta nell'atteggiamento delle autorità italiane verso i crimini: in 93 casi l'Italia ha rinunciato alla giurisdizione e lasciato che gli imputati, in base all'articolo 7 della convenzione di Londra del 1951, venissero giudicati nel loro Paese di provenienza.

Il criterio di tale atteggiamento appare ancora più sconvolgente in quanto la rinuncia viene fatta per un semplice "convivenza politica", secondo quanto dice il procuratore capo di Vicenza. Come per il caso del Cermis, dove un aereo da guerra americano tranciò i cavi di una funivia causando la morte di 20 persone, questi militari nella stragrande maggioranza del casi, lasciati alla giustizia americana non pagano per i crimini commessi.

La NATO e quegli accordi segreti fra Italia e USA
Appare palese dunque che questo fantomatico criterio della "convivenza politica" altro non sia che una sottomissione ad un'occupazione militare che si nasconde dietro i trattati della NATO e della sbandierata "amicizia" tra Europa e Stati Uniti. In un rapporto machiavellico di politica tra i due Paesi, questi favori italiani a vantaggio di cittadini statunitensi, dovrebbero essere ricompensati con gesti che vanno nell'interesse nazionale dell'Italia, invece è evidente che a guadagnarci è sempre e comunque il gigante nord Americano contro l'italietta.

Ovviamente oltre a quelli militari esistono poi degli interessi economici dietro questi atteggiamenti di sottomissione. L'Italia deve seguire delle precise indicazioni che passano da Bruxelles e Washington, e gli interessi di alcune aziende italiane in nord America non mancano.

Molto realistiche dunque, in tal senso, le parole del presidente russo Vladimir Putin, quando parla di rapporti tra USA e alleati come di Stati vassalli che vivono nell'ottica centralista e attendono istruzioni dall'Impero.
.


... possiamo noi italioti auspicare in cambiamenti politici "patriottistici" da parte di personaggi culo e camicia inficiati e plagiati da poteri esterni? Non se ne parla neppure da qualunque lato si ascoltino promesse e fatti contro il benessere nazionale ...

La storia insegna che quando vanno male le cose si invoca il Diavolo, Cazzo! Bisogna crederci.

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5028
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Italiani brava gente ...   Mar 14 Nov 2017 - 11:42




.



Ormai è un segreto di pulcinella che la “rete di Soros” abbia un’ampia sfera d’influenza sul Parlamento europeo e su altre istituzioni dell’Unione europea.

La lista di Soros è stata resa pubblica recentemente. Il documento elenca 226 parlamentari europei provenienti da tutto lo spettro politico, tra cui l'ex Presidente del Parlamento europeo Martin Schulz, l'ex presidente del Belgio Guy Verhofstadt, sette vicepresidenti e un numero di commissari, coordinatori e questuanti vari.

Queste persone portano avanti le idee di Soros, come ad esempio far entrare più migranti, matrimoni dello stesso sesso, integrazione dell'Ucraina nella UE e contrasto alla Russia. I membri del Parlamento Europeo sono 751 e questo significa che gli amici di Soros occupano più di un terzo dei seggi.

George Soros, investitore ungaro-americano e fondatore e proprietario della ONG Open Society Foundations, ha potuto incontrare il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker in un "incontro a porte chiuse e senza nessuna agenda ufficiale", cosa che ha sottolineato come le proposte della UE per ridistribuire le quote di migranti tra i vari paesi siano molto vicine ai programmi studiati da Soros per affrontare la crisi.

Il finanziere miliardario crede che l'Unione europea debba accogliere milioni di immigrati provenienti dal Medio Oriente e dall'Africa settentrionale, fornendo a ciascuno di essi un aiuto annuale di 15.000 euro e collocare questi migranti in un qualsiasi Stato membro dove i migranti non vogliono andare e dove non sono necessariamente benvenuti.

Il Primo Ministro ungherese Viktor Orbán ha accusato la EU di "essere manipolata" da Soros e crede che la politica delle frontiere aperte proposta dal miliardario sia il motivo della campagna contro l'Ungheria. Il motivo è il tentativo del governo (ungherese) di intraprendere una azione legale con una nuova legge che richiede che le ONG, sostenute da stranieri — molte delle quali finanziate da Soros — indichino i nomi dei loro grandi donatori d'oltremare su un pubblico registro e che le fonti dei loro finanziamenti siano trasparenti. Il governo ungherese sta impegnandosi per chiudere l'Università Centrale Europea di Budapest, fondata da Soros.

"Tutta l'Unione europea è in difficoltà perché i suoi capi ed i suoi burocrati adottano decisioni come queste", ha dichiarato Orbán.

"La popolazione appoggia l'ideale dell'Unione Europea, ma allo stesso tempo, non può sopportare la sua leadership, quando insulta gli Stati membri con cose del genere e quando abusa dei suoi poteri. Tutti in Europa possono vederlo e per questo la leadership europea non viene rispettata".

Il gruppo di Visegrad sta cercando di resistere alla pressione della UE sulla politica degli immigrati. La European Commission of Migration and Home Affairs sta spingendo per un nuovo disegno di legge che renda obbligatori i contingenti di migranti e almeno 30 amici di Soros lavorano per questa commissione.

Molte delle persone elencate nel documento sono note per i loro attacchi contro la Russia. Per esempio, Rebecca Harms, deputata tedesca del Partito dei Verdi, chiede regolarmente al Parlamento europeo un regime di sanzioni contro Mosca ancora più duro. Guy Verhofstadt accusa la Russia di essere responsabile di qualsiasi cosa vada male in Europa. Il suo articolo Putting Putin in his Place ha fatto molto rumore l'anno scorso. Nel 2012, l'ex premier croato Tonino Picula, che era Capo di una missione di osservatori dell'OCSE, sostenne che le elezioni presidenziali russe del 2012 erano state irregolari e "manipolate" a favore di Vladimir Putin.

L'elenco di Soros mette in luce la questione di cosa renda le politiche attuate dalla UE contrarie agli interessi degli europei. La risposta è la corruzione. I politici corrotti da Soros ballano con la sua musica e lottano contro i tentativi dei leader nazionali di proteggere gli interessi dei propri popoli.
Spesso chi si oppone a quelle politiche deve confrontarsi con la resistenza delle élite politiche del proprio paese. Lo scontro tra il Primo Ministro Orbán e la rete di Soros è un buon esempio che può spiegare come funziona. Il Parlamento europeo sotto l'influenza degli amici di Soros sta spingendo l'Europa a suicidarsi facendo entrare migranti a milioni.

Questo dimostra che la democrazia europea è solo di facciata e nasconde le attività di una struttura di potere vicina ad un sistema feudale in cui è il Signore locale che tiene le redini. Difficilmente si può dire potere al popolo.

La pubblicazione delle liste di Soros fornisce un indizio per comprendere chi governa veramente la UE e chi istighi sentimenti russofobi in Europa. In realtà, questo succede ogni volta che un paese della UE — come l'Ungheria — si trovi sulla stessa barca della Russia e che si oppone alle stesse forze USA, per proteggere la propria sovranità e la propria indipendenza.

Questo è il momento giusto per gli europei per cominciare a pensare a cambiare il sistema in modo da eliminare qualsiasi pressione esterna.

.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Italiani brava gente ...   

Tornare in alto Andare in basso
 
Italiani brava gente ...
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 6 di 6Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6
 Argomenti simili
-
» Ultras brava gente, italiani brava gente
» Leghisti brava gente, ma...
» M.A.S. e mezzi d'assalto di superficie italiani
» "Italiani? Primi in maleducazione"
» AAA artisti italiani cercasi

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
LAVELLI GIOVANNI :: FORUM DISCUSSIONE-
Andare verso: