Il Forum dedicato al modellismo dinamico
 
IndiceIndice  PortalePortale  CalendarioCalendario  GalleriaGalleria  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 Italiani brava gente ...

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Vai alla pagina : 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Seguente
AutoreMessaggio
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5155
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Italiani brava gente ...   Lun 7 Nov 2016 - 21:08

.

... da leggere solo per veri interessati sul nostro Paese alla deriva ...



L'Italia ha sempre amato i cori. Sarà per questa ragione che, spesso, i media e molti politici "cantano" all'unisono nell'affermare certi concetti e nel condannare, o addirittura insultare, quelli che osano dissociarsi dal coro. E' il caso della questione migratoria e dell'accoglienza dovuta alle migliaia di clandestini che arrivano ogni giorno. L'Italia ha sempre amato i cori. Dal Canto Gregoriano ai cori alpini, a quelli sardi, cantare in coro è sempre piaciuto a molti dei nostri concittadini e anche chi non vi è personalmente portato, difficilmente osa dire pubblicamente di non gradire quella forma di espressione vocale. Sarà per questa ragione che, spesso, i media e molti politici "cantano" all'unisono nell'affermare certi concetti e nel condannare, o addirittura insultare, quelli che osano dissociarsi dal coro. E' il caso della questione migratoria e dell'accoglienza dovuta alle migliaia di clandestini che arrivano ogni giorno.

Un esempio evidente di quest'atteggiamento è stato il linciaggio cui sono stati moralmente sottoposti gli abitanti di Gorino per aver rifiutato di ospitare sul proprio territorio un gruppo di donne nigeriane con alcuni bambini. Nessuno ha voluto riflettere sul vero perché di quel rifiuto, e parole come "vergogna", "razzismo" o "disumanità" sono state lanciate ai quattro venti da quasi tutte le testate e ripetute con spreco di "buonismo" da qualche ministro del Governo in carica (Alfano, Ministro degli Interni, in primis). Certo, si trattava solo di diciotto persone, per di più solo donne e bambini ma, se quello fosse stato l'unico gruppo di stranieri arrivato sulle nostre coste, sicuramente nessun Comune si sarebbe rifiutato di accoglierli. Anzi, probabilmente sarebbe nata una gara per alloggiarli, se non altro per curiosità. Magari anche a Gorino. La realtà è che quel gruppo era, e sarà, solo una minima parte delle centinaia di migliaia di africani che sono quotidianamente ricevuti e smistati nei Comuni italiani. Senza che nessuno capisca quando, o come, tale flusso potrà interrompersi. Criticare chi li ha rifiutati è facile e ci si dimostra molto "umanitari" ma, anche se la maggior parte degli italiani tace per evitare la condanna senza appello di soloni pseudo-intellettuali, ciò che è successo in quella provincia ferrarese è stato condiviso e apprezzato dai più. Le ragioni di questo diffuso dissenso con la politica del nostro Governo nei confronti dei migranti risiedono nel fatto che ognuno percepisce che ci troviamo in una via senza uscita e senza logica e che, continuando così, gli arrivi non potranno che moltiplicarsi.

Salvare la gente in mare nelle nostre acque territoriali o con navi di passaggio in acque internazionali è moralmente irrinunciabile, ma andare addirittura a prenderli vicino alle coste libiche costituisce un incoraggiamento a tanti altri e un'evidente complicità con gli scafisti e i trafficanti di uomini. E' stato scoperto dai nostri "servizi" che i gommoni (fabbricati in Cina e importati in Libia via Turchia e Malta) sono nuovi ma costruiti con materiali a buon mercato, con pareti sufficienti a tenere il mare solo per qualche ora: in tutta l'Africa è ormai risaputo che basta mettersi in acqua per essere "salvati" e trasportati immediatamente in Italia. Ove, naturalmente, saranno garantiti vitto, alloggio e cure mediche. Arrivano anche donne incinte perché, lo sanno tutti, in quella condizione non si potranno espellere e, se tutto va bene, dopo un po' si cercherà di andare in altri Paesi del Nord Europa o, comunque, farsi raggiungere dai parenti. Quanti di loro i nostri politici, i nostri giornalisti, i nostri preti pensano di volerne accogliere? C'è qualcuno che crede veramente che chi arriva sarà ripartito tra tutti Paesi europei?

Se c'è, è un illuso. Dimenticando volutamente che la nostra densità di popolazione autoctona è già tra le più grandi in Europa, i nostri partner ci ricordano che i migranti presenti in Italia son un numero ancora inferiore a quanti se ne trovano in Germania, in Francia, in Gran Bretagna o altrove. Di là dalle dichiarazioni di collaborazione e delle loro navi che ci aiutano a scaricarli sulle nostre coste, Germania e Svezia, che "generosamente" avevano promesso di prendersene qualcuno, han fatto marcia indietro e han chiuso le porte. Per evitare equivoci e infischiandosene di Schengen ma appellandosi solo a Dublino, hanno rafforzato i controlli alle frontiere, così come han fatto la Svizzera, l'Austria e la Francia. In altre parole, tutti quelli che riceviamo resteranno a carico nostro, dei nostri ospedali, delle nostre finanze, delle nostre popolazioni. Nessuno tra i "buoni" si è domandato fino a quando continueremo a importare clandestini che, nel migliore dei casi, ciondoleranno per più di un anno senza nulla fare dalla mattina alla sera (perché assegnare loro un lavoro, anche se socialmente utile, significherebbe averli già regolarizzati ancor prima di verificare se abbiano o no il diritto all'asilo)? Nessuno si chiede, a voce alta, come facciano a permettersi di pagare smartphone con relative comunicazioni internazionali, come soddisferanno, e con chi, le loro naturali pulsioni sessuali, o cosa potranno mai fare qui, da noi, una volta regolarizzati?

Tutti sanno che tra di loro nessuno corre il rischio di morte nel Paese da cui arrivano o è perseguitato per "motivi di razza, sesso o religione". Perfino i siriani (potenzialmente già più integrabili degli africani neri) o gli afghani sono dei puri migranti economici. Poiché per arrivare da noi hanno lasciato la Turchia o il Libano o la Giordania, nessuno in quei paesi li avrebbe condannati a morte o discriminati per idee o comportamenti. Perché allora se ne sono andati se non per un legittimo, comprensibile, loro desiderio di migliorare il futuro standard di vita per se o per i figli? La cosa che più disturba l'italiano qualunque, è che non si hanno notizie né tracce di espulsioni per chi non ha i titoli. Al contrario, con la complicità di qualche magistrato, anche lui "buono", perfino chi commette furti o rapine, se non è colto in flagrante e non è un terrorista, potrà continuare a restare da noi. D'altra parte, sono gli stessi Paesi da cui provengono che non se li riprendono e, anche se lo volessero, organizzare voli aerei per rimandarli indietro sembra costare troppo.

Il Papa ci parla continuamente del dovere di accogliere chiunque arrivi. Certamente lui e i suoi subordinati fanno il loro mestiere: chi si propone come religione "universale" deve vedere tutti come "fratelli" e, magari, potenziali "fedeli". Eppure, perfino lui deve aver capito che a tutto c'è un limite e, parlando dalla Svezia ove l'ipocrisia sociale e meno diffusa che da noi, ha sentito l'opportunità di invitare a distinguere tra "rifugiati" e "migranti" e ha rilevato che è giusto che ogni Paese accolga "secondo le proprie possibilità ed esigenze sociali". A differenza di chi parla al mondo, i nostri politici però non sono "universali". Loro sono eletti da un popolo e devono perseguire gli interessi di quel popolo e non false chimere. Non ci incuriosisce saperli "buoni" o "crudeli": il loro compito non è istruire le anime dei cittadini ma organizzare e rendere democraticamente sicura la società, prevenendo le possibili conflittualità. Qualunque sociologo in buona fede sa che un gran numero di "stranieri", se concentrati nel tempo e nello spazio, tende a costituirsi una nuova comunità e, con l'andar del tempo, contribuirà a creare la sensazione di un "noi" e di un "loro", rendendo così impossibile ogni tentativo d'integrazione. Le società multiculturali sono un'illusione terzomondista fallita ovunque, da tempo. Ove non esiste integrazione, i contrasti assumono forme sempre più violente e questo è il destino che ci aspetta se continuiamo a importare migranti in numeri e tempi così ravvicinati. E' chiaro a chiunque conosca un po' le relazioni internazionali e i vincoli sottoscritti dall'Italia che il problema dei flussi migratori non è di facile soluzione, ma continuare a parlare del dovere dell'accoglienza e dell'umano sentimento di solidarietà non può più essere la risposta. E questo è chiaro a tutti i cittadini, anche quelli che "devono" fingere di conformarsi al pensiero ufficialmente dominante. Ma anche se, per pura ipotesi, tutto quanto sopra scritto fosse solo frutto d'irrazionali paure, quale Stato può durare nel tempo e che società democratica può sussistere se non sa difendere e far rispettare i propri confini e non impone a tutti le proprie leggi? Che senso ha appartenere a un Paese, pagarvi le tasse, votare per un Governo, se poi non si può più nemmeno distinguere tra il proprio territorio e il resto del mondo? Perché chi arriva in aereo, se non ha i documenti in regola, è respinto e chi si va a prendere in mare viene automaticamente "ospitato"?

Una cosa accettabile potrebbe essere l'eccezione, ma quando migliaia di persone il giorno entrano abusivamente nel nostro territorio, e lì si deve mantenere è chiaro che si è rinunciato alla nostra sovranità. Con quale spirito poter ancora dare fiducia a un qualunque Governo? Detto ciò, i fatti di Gorino hanno suscitato un sentimento d'indignazione anche in chi scrive. Non però verso gli abitanti di quella frazione. Piuttosto contro la canea mediatica che si è scatenata contro di loro. Ci si stupisce dei sentimenti di anti-politica e di anti-establishment sempre più vasti tra gli elettori, ma quando il "coro" cantato dai politici e dalla classe dirigente è sempre meno condiviso dai cittadini, quando tra l'opinione "pubblica" e l'opinione "pubblicata" c'è una distanza via via crescente, è automatico che nasca un sentimento di rigetto. E, a quel punto, tale discrepanza fa nascere molte domande sullo stato della democrazia in un Paese.

Il Giornale ringrazia.

/


Ultima modifica di Sven Hassel il Lun 19 Dic 2016 - 19:54, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
plgGe



Messaggi : 25
Data d'iscrizione : 12.05.16
Età : 66
Località (indirizzo completo) : GENOVA

MessaggioTitolo: Re: Italiani brava gente ...   Mar 8 Nov 2016 - 15:29

Considerazioni perfettamente condivisibili (almeno per me).
Nella Serenissima Repubblica di Genova si era abituati a convivere con lo straniero (se non rompeva il belino!) anche perchè, a loro volta, i Genovesi erano frequentemente e diffusamente stranieri nei vari Fondaci che avevano, soprattutto lungo il Mediterraneo e Mar Nero.
Il problema pertanto non è lo straniero di per sè.
Lo straniero dovrebbe essere, per una qualsiasi cultura, come il sale che impreziosisce il sapore di una pietanza con le conoscenze e gli usi che inevitabilmente porta con sè anche se nell'arco di 3-4 generazioni quei suoi costuni  si diluiscono sino a scomparire lasciando,però, un segno in ciò che è stato assimilato dalle Popolazioni che lo hanno ospitato.
I buonisti-mondialisti dobrebbero tenere presente che se nella pietanza ci si mette troppo sale diventa immangiabile e viene rifiutata.
Inoltre se fossero  coerenti molti loro comportamenti si renderebbero accettabili .
Intendo dire che se i buonisti-mondialisti  cominciassero ad ospitare nelle loro case, a loro spese, assumendosi la responsabilità civile e penale per quanto i loro ospiti dovessero commettere di illegale, il loro attegiamento di solidarietà risulterebbe meno indigesto.
Ma quanti ce ne sono di questi  buonisti-mondialisti disposti ad assumersi DIRETTAMENTE e PERSONALMENTE la responsabilità dell'accoglienza?

P.S. secondo me (ed un gruppo di amici e compatrioti) chiunque può risiedere nella nostra Terra purchè si attenga ad un semplicissimo principio : lavorare e non rompere il belino (che tradotto significa non avere comportamenti inacettabili).
Questo discrimine funzionerebbe -ovunque- per evitare frequentazioni "fastidiose". Va da sè che tale regola si applicherebbe anche, e soprattutto, ai genovesi (in questo caso scritto con la g minuscola).
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5155
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Italiani brava gente ...   Mar 8 Nov 2016 - 16:27

.

... prima di rispondere doverosamente a plgGe rendo presente la pianificazione politica derivata ormai da decenni (ne sentii parlare in Francia sulla fine degli anni 90) dove l'indice d'allarme si sentiva, mentre, l'italiota penisola si trastullava da anglofonaamericaneggiante sonnecchiando nel bengodi individuale ...

.

Il Piano Kalergi.


Ci fanno credere che l’immigrazione è casuale ed inevitabile, invece è un piano per creare un gregge multietnico facilmente dominabile dal potere. Il piano Kalergi.

L’immigrazione di massa è un fenomeno le cui cause sono tutt’oggi abilmente celate dal Sistema e che la propaganda multietnica si sforza falsamente di rappresentare come inevitabile.
Ciò che si vorrebbe far apparire come un frutto ineluttabile della storia è in realtà un piano studiato a tavolino e preparato da decenni per distruggere completamente il volto del Vecchio continente.

Nel suo libro «Praktischer Idealismus», Kalergi dichiara che gli abitanti dei futuri “Stati Uniti d’Europa” non saranno i popoli originali del Vecchio continente, bensì una sorta di subumanità resa bestiale dalla mescolanza razziale. Egli afferma senza mezzi termini che è necessario incrociare i popoli europei con razze asiatiche e di colore, per creare un gregge multietnico senza qualità e facilmente dominabile dall’élite al potere.

«L’uomo del futuro sarà di sangue misto. La razza futura eurasiatica-negroide, estremamente simile agli antichi egiziani, sostituirà la molteplicità dei popoli, con una molteplicità di personalità».

Ecco come Gerd Honsik descrive l’essenza del Piano Kalergi:

Kalergi proclama l’abolizione del diritto di autodeterminazione dei popoli e, successivamente, l’eliminazione delle nazioni per mezzo dei movimenti etnici separatisti o l’immigrazione allogena di massa. Affinché l’Europa sia dominabile dall’élite, pretende di trasformare i popoli omogenei in una razza mescolata di bianchi, negri e asiatici. A questi meticci egli attribuisce crudeltà, infedeltà e altre caratteristiche che, secondo lui, devono essere create coscientemente perché sono indispensabili per conseguire la superiorità dell’èlite.

Eliminando per prima la democrazia, ossia il governo del popolo, e poi il popolo medesimo attraverso la mescolanza razziale, la razza bianca deve essere sostituita da una razza meticcia facilmente dominabile. Abolendo il principio dell’uguaglianza di tutti davanti alla legge e evitando qualunque critica alle minoranze con leggi straordinarie che le proteggano, si riuscirà a reprimere la massa. I politici del suo tempo diedero ascolto a Kalergi, le potenze occidentali si basarono sul suo piano e le banche, la stampa e i servizi segreti americani finanziarono i suoi progetti. I capi della politica europea sanno bene che è lui l’autore di questa Europa che si dirige a Bruxelles e a Maastricht.

Benché nessun libro di scuola parli di Kalergi, le sue idee sono rimaste i principi ispiratori dell’odierna Unione Europea. La convinzione che i popoli d’Europa debbano essere mescolati con negri e asiatici per distruggerne l’identità e creare un’unica razza meticcia, sta alla base di tutte le politiche comunitarie volte all’integrazione e alla tutela delle minoranze. Non si tratta di principi umanitari, ma di direttive emanate con spietata determinazione per realizzare il più grande genocidio della storia.
In suo onore è stato istituito il premio europeo Coudenhove-Kalergi che ogni due anni premia gli europeisti che si sono maggiormente distinti nel perseguire il suo piano criminale. Tra di loro troviamo nomi del calibro di Angela Merkel o Herman Van Rompuy.

La Società Europea Coudenhove-Kalergi ha assegnato alla Cancelliera Federale Angela Merkel il Premio europeo nel 2010.
Il 16 novembre 2012 è stato conferito al presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy il premio europeo Coudenhove-Kalergi 2012 durante un convegno speciale svoltosi a Vienna per celebrare i novant’anni del movimento paneuropeo. Alla sue spalle compare il simbolo dell’unione paneuropea: una croce rossa che sovrasta il sole dorato, simbolo che era stato l’insegna dei Rosacroce.

L’incitamento al genocidio è anche alla base dei costanti inviti dell’ONU ad accogliere milioni di immigrati per compensare la bassa natalità europea. Secondo un rapporto diffuso all’inizio del nuovo millennio, gennaio 2000, nel rapporto della “Population division” (Divisione per la popolazione) delle Nazioni Unite a New York, intitolato: “Migrazioni di ricambio: una soluzione per le popolazioni in declino e invecchiamento, l’Europa avrebbe bisogno entro il 2025 di 159 milioni di immigrati. Ci si chiede come sarebbe possibile fare stime così precise se l’immigrazione non fosse un piano studiato a tavolino. È certo infatti che la bassa natalità di per sé potrebbe essere facilmente invertita con idonei provvedimenti di sostegno alle famiglie. È altrettanto evidente che non è attraverso l’apporto di un patrimonio genetico diverso che si protegge il patrimonio genetico europeo, ma che così facendo se ne accelera la scomparsa. L’unico scopo di queste misure è dunque quello di snaturare completamente un popolo, trasformarlo in un insieme di individui senza più alcuna coesione etnica, storica e culturale. In breve, le tesi del Piano Kalergi hanno costituito e costituiscono tutt’oggi il fondamento delle politiche ufficiali dei governi volte al genocidio dei popoli europei attraverso l‘immigrazione di massa. G. Brock Chisholm, ex direttore dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), dimostra di avere imparato bene la lezione di Kalergi quando afferma:

«Ciò che in tutti i luoghi la gente deve fare è praticare la limitazione delle nascite e i matrimoni misti (tra razze differenti), e ciò in vista di creare una sola razza in un mondo unico dipendente da un’autorità centrale»

Se ci guardiamo attorno il piano Kalergi sembra essersi pienamente realizzato. Siamo di fronte ad una vera terza mondializzazione dell’Europa. L’assioma portante della “Nuova civiltà” sostenuta dagli evangelizzatori del Verbo multiculturale, è l’adesione all’incrocio etnico forzato. Gli europei sono naufragati nel meticciato, sommersi da orde di immigrati afro-asiatici. La piaga dei matrimoni misti produce ogni anno migliaia di nuovi individui di razza mista: i “figli di Kalergi”. Sotto la duplice spinta della disinformazione e del rimbecillimento umanitario operato dai mezzi di comunicazione di massa si è insegnato agli europei a rinnegare le proprie origini, a disconoscere la propria identità etnica? I sostenitori della Globalizzazione si sforzano di convincerci che rinunciare alla nostra identità è un atto progressista e umanitario, che il “razzismo” è sbagliato, ma solo perché vorrebbero farci diventare tutti come ciechi consumatori. È più che mai necessario in questi tempi reagire alle menzogne del Sistema, ridestare lo spirito di ribellione negli europei.

Occorre mettere sotto gli occhi di tutti il fatto che l’integrazione equivale a un genocidio. Non abbiamo altra scelta, l’alternativa è il suicidio etnico: il piano Kalergi.

Signori se volete capire il presente si deve conoscere il passato.

Il giornale ringrazia.

.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5155
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Italiani brava gente ...   Mar 8 Nov 2016 - 18:28

.

... per alcuni darò l'impressione di scrivere molto, in effetti ascolto di più. Non si dovrebbe parlare senza prima saper ascoltare ed io sono un buon ascoltatore, tanto da non essere facilmente compreso e sapete il perché? Parlo e scrivo in una lingua che pochi ascoltatori sentono in un brusio d'informazioni dove chiunque bombardato ripete stupidamente il sentito dire ...

Il sentito dire oggi è l'imperativo sulla mediocrità umana, la stessa che andrà confusa alle votazioni sulla Costituzione a dicembre.

Premessa d'obbligo; il Giornale di Sven non partecipa a nessuna propaganda elettorale, sia ben chiaro.


Martelli, il pupillo di Craxi, propagandò sulle coste nord africane il bel paese d'Italia dove africani avrebbero trovato lavoro, casa e benessere (ovviamente costituendo un portafoglio voti in cambio) perchè nessuno si vende per niente, peccato che in vendita c'eravamo noi da ignari compatrioti tenuti all'oscuro dei commerci politici.

... faccio colazione in paese e ascolto l'indignazione contro l'immigrazione stanziata in Italia da anni, dove si ospitano nutrendo e vestendo, con tessere telefoniche, computer e TV, migliaia di africani senza occupazione e queste avanguardie contattano regioni centro africane minacciate dal cambiamento climatico assicurando in Italia un'accoglienza degna del più roseo sogno dei nostri progenitori emigranti in America, accolti in quarantena, spidocchiati, censiti e con una voglia di lavorare che hanno fatto l'americano d'oggi in poco meno di un secolo ...

Il buonismo mormora; poverini! Annegano nel Mediterraneo, vanno salvati. Però, non appena oltre le acque territoriali libiche, vale a dire a ridosso da dove sono appena partiti su gommoni cinesi arrivati dalla Turchia/Egitto che non tengono il mare, con riserve di benzina per trenta miglia.

... ci raccontano che pagano 2500/3000 dollari per un posto sulle imbarcazioni. Nessuno spiega da che parte questi soldi arrivano nelle tasche degli africani. Infatti, nelle loro tasche neanche un dollaro perché sono incassi che vanno ai trafficanti d'uomini, allora chi paga il traffico sull'immigrazione? I sauditi (gli stessi finanziatori della campagna presidenziale Clinton) la domanda sarebbe; che interessi potrebbero avere i sauditi con americani? Ho precedentemente pubblicato il Piano Kalergi. Dove, forse, avete sottovalutato i contenuti ...

Ascolto il razzista, in realtà sono coloro che non se la passano bene da italiani e sentire che un africano costa al "contribuente" 45 euro al giorno (costo inferiore reale) non posso dare torto a chi non li vuole attorno, a stare seduti tutto il giorno, mangiare con un tetto sulla testa, ben vestiti e cellulare attaccato all'orecchio.

... Martelli e Craxi promisero lavoro, in effetti, le raccolte di pomodori diventarono le piantagioni di schiavi sfruttati dalla malavita per 2 euro e cinquanta al giorno, mangiare pomodori e frutta e dormire in baracche di fortuna durante la stagione di semina e raccolti e poi sparire ...

Il buonisti li vogliono (fuori dai piedi) anche se non lavorano, mangiano a nostre spese, continuano ad arrivare a migliaia, i buonisti dalla parte del papa, finche non li vedono sulla soglia di casa o dentro S. Pietro sono nostri fratelli. I buonisti sono il seme dell'ipocrisia più diffusa ovunque in nome della carità (d'altri) a braccetto con la politica che stanziando milioni di euro si appropria dei nostri soldi. Mai ascoltato di una sola colletta ministeriale condotta da politici dando il buon esempio, cioè autotassando il munifico stipendio individuale in favore di nessuna calamità.

... la politica diventata una professione ha incancrenito l'Italia e un cancro inesorabilmente divora il corpo ospite. Il cancro è il potere, la fede (leggi fiducia mal riposta) nelle maggiori istituzioni, nessuno tocchi Caino, perché il male deve esistere. Non se ne può fare a meno, certo! Ma se questo è alimentato da interessi internazionali in cui non soltanto l'Italia ha perso industrie (in America il 65% delle grandi industrie ha chiuso i battenti) beh, lo sprovveduto incolto direbbe e chi se ne frega degli americani ...

Chi non è razzista e nemmeno disinformato, sa che l'americano ha radici sionistiche, sono l'estrazione giudea che ha sterminato i nativi occupando un continente e in soli quattro secoli di sfruttamento sono giunti alla conclusione che la vecchia Europa, Africa compresa già colonizzata e martoriata, con la colonia israeliana accerchiata e con i sauditi come alleati, perché non occupare le coste orientali del Mediterraneo mettendo su un Al Qaeda di Bin Laden e la montatura del Califfato con l'ISIS? La manovra diversiva per tenere occupate le nazioni sul Mediterraneo quale poteva essere? Spingere popoli africano scacciati dalle loro terre verso un'invasione sistematica diretta in Europa, ma per farla funzionare i presidenti delle nazioni dovevano essere direttamente complici di un piano organizzato.

Il piano Kalergi è la realtà d'oggi, che spiega la presidenza americana nelle mani di due pazzi scatenati, di un presidente uscente (Nobel per la pace) che ha fallito con l'etnia negra deludendo afro-americani riconosciuti come americani a pieni diritti. Per la Nazione più Democratica al mondo di porcate anti democratiche ne ha combinate da Pearl Harbor al Vietnam (chi mi sa dire quali interessi aveva l'America in Viet-Cambogia?) Twin Tower, Iraq, Libia, e adesso Siria.

... gli americano colonizzatori nel west, dopo il fallito tentativo di colonizzare la Luna (chi non lo sanno, furono venduti appezzamenti lunari da sfruttare con minerali d'alta qualità) raccogliendo miliardi di dollari per finanziare una bufala e tornando a noi europei, con la complicità egli attuali presidenti delle Nazioni, con la nomina della Clinton pronta a sobillare l'ONU per schierarsi contro la Russia di Putin. Gente apriamo gli occhi, e togliamo di mezzo fonzie prima che perdendo l'ultimo treno in corsa l'italietta diventi nuovamente l'Italia fascista nelle mani dalla hitleriana Clinton trascinata nell'ennesima disfatta ...

Ascolto, signori, poi scrivo, ma prima ascolto. L'immigrazione è un diversivo, lungo e lento con il secondo scopo di portare umanità da schiavizzare e l'indole negra si presta addirittura storicamente nell'essere sottomessa in cambio di sonore legnate. Ascolto il bosniaco, arrivato in aereo, poca spesa, lavora. I rumeni, lavorano e mandano soldi in Romania, non investono un euro in Italia, non comprano casa. I moldavi, idem. I cinesi sono stanziati da cinquant'anni grazie agli accordi politici. Siriani, iracheni, passati dall'Italia senza clandestinità. Egiziani, i pizzaioli onnipresenti, tranquilli e lavoratori. La delinquenza albanese. Le bande bosniache organizzate in rapine. Avanti c'è posto per tutti, persino per stupri e omicidi, anche per una religione più religione della nostra, nata prima della seconda, però il dio vero è il loro.

... siamo stanchi della religione, delle fiducie mal riposte, del politico in camicia e jeans, dei papi da fare santi, dell'Europa che bacchetta, della De Filippi e la D'Urso, dell'africano in albergo, del terremoto, della tromba d'aria, del prossimo rincaro della benzina, degli stipendi d'oro della cricca professionale politica, del PD comunista (leggi perdente) dei grillini, leghisti e dei berlusca, come siamo stanchi degli Hollande, Della Merkel, della sceneggiata Brexit, di Ban Ki-moon, di Trump e la Hillary Clinton, dei naufragi giornalieri nel Mediterraneo, di Corona milionario, del pensionato a seicento euro al mese, ai sindaci incompetenti, ai prefetti che ordinano, al domani oscuro, ai controlli compulsivi manco fossimo tutti quanti criminali, ai pomodori cinesi, al salmone al piombo, alle uova industriali, alle sale gioco, alle rateizzazioni, ai salassi tassati, di un'istruzione scolastica che sforna deficienti per diventare inefficienti da adulti, stanchi delle solite facce bugiarde, della sociopatia dilagante, delle parolacce (leggi scurrilità) e dei cellulari attaccati alle orecchie ...

Provate a scrivere due righe, senza prima avere ascoltato, quanto potreste avere da dire.

...... personalmente, se non ascolto, non ho assolutamente nulla di scrivere. La domanda sarebbe; siate sicuri di saper ascoltare?

Il Giornale ringrazia.

.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5155
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Italiani brava gente ...   Mar 8 Nov 2016 - 21:14

.

... si deve possedere l'abilità di saper differenziare e saper distinguere alcune letture d'informazione pubblica evitando la superficiale assunzione di dati senza approfondire nelle stesso interno "controverse affermazioni" date da differenti fonti usate non soltanto per confondere il lettore e questo è già una cattiva informazione, peggiore diventa l'uso dell'informazione attraverso la strategia del tutto contro tutto dove la stessa informazione non è informazione, la verità non è verità, la notizia non è notizia e la bugia non è bugia ...

L'assunzione del Piano Kalergi è stato sottoscritto politicamente in Europa una ventina d'anni fa e l'Italia lo sta seguendo alla lettera dall'attuale governo, in contrasto con le opposizioni, che conoscendo le trame originali del Piano Kalergi (all'opinione pubblica ovviamente tenuto nascosto) vorrebbero contrastare il prosegue della sua scellerata esecuzione ormai impossibile da bloccare ... specialmente da parte tedesca (Merkel) con l'infausta proposta finanziaria all'Ucraina ha risvegliato l'acredine russa contro la politica americana d'intervenire senza permessi, sulle questioni economiche, militari e umanitarie dove, come e quando piace. Putin, a conoscenza del Kalergi originale si è (incazzato) scendendo in campo impedendo all'Ucraina e alla Crimea alleanze economiche sconvenienti e improponibili a ridosso dei confini russi e adesso Putin sta appoggiando le aree del Medio Oriente implicate in operazioni belliche che si concluderanno a danno degli angloamericani "alleati da sempre" e soprattutto per lo Stato israeliano che si troverà circondato da alleanze putiniane parecchio scomode per un'Europa nel frattempo completamente impotente e sottomessa da un'idiozia maturata da un certo G. Brock Crisholm a Capo dell'Organizzazione Mondiale della Sanità "OMS" che del Piano Kalergi ha dato il pretesto ai governi americani di progettare la lenta, ma inesorabile destabilizzazione afromedioorientale per una fuga da teatri bellici in cerca di un'Europa da invadere per scopi (anche di profitto) per le nazioni ospiti ... perché di ragioni umanitarie sull'accoglienza profughi, signori miei, a partire dalle propagande di Martelli di un tempo a Da Lema non così lontana, fino al renziano che più ne importa meglio ci guadagna sull'impegno preso ...

Renzi scrupoli non ne ha, anzi meno del berlusca ... gli unici che hanno parlato (in codice, del Piano Kalergi è la Lega e il Cinque Stelle) e sfido parecchi nell'averne capito i messaggi ...

... osserviamo come nello stesso trattato d'informazione si affermano due correnti contrapposte:

Questa è la copia del 1923

«L’uomo del futuro sarà di sangue misto. La razza futura eurasiatica-negroide, estremamente simile agli antichi egiziani, sostituirà la molteplicità dei popoli, con una molteplicità di personalità».

Questa è l'alterazione per mano del Generale Brock Crisholm "specialista sulle ideologie tecniche per il controllo mentale su vasta scala mondiale" defunto nel 1976 lasciando all'idiozia dell'intellighenzia americana l'attuazione di Stati Uniti d'Europa ............. che secondo l'oltre oceano Atlantico sarebbero diventati il baluardo contro l'Asia ... in previsione della ripresa russa, l'espansione cinese e la crescita dell'India.

La lettura corretta, con la fretta dei nostri giorni, supportata esageratamente con l'informazione dei telegiornali, porta la distrazione sull'importante contenuto della notizia stessa diventata la parte dominante nell'interno della strategia della contro notizia stessa inclusa nel progetto caos in cui ognuno ben informato sull'adozione delle doppie versioni del Piano Kalergi: cosa avrebbe votato da libero elettore? La versione originale o la demenzialità proposta angloamericana?

... hanno studiato a tavolino (Pentagono e Area 51, CIA, pia e ai cazzi e mazzi comprese) un'Europa impoverita dal calo demografico che dava fastidi con la moneta Euro e che avrebbe avuto grossi problemi minando le industrie, con le disoccupazioni giovanili i contributi pensionistici sarebbero stati integrati (e non è vero) con l'ingresso di manovalanza d'immigrazione a sostegno contributivo per le casse esauste ...

Signori, mentre noi ci grattiamo i coglioni rassegnati sul tirare sera, i cervelli occulti preparano il futuro già scritto su misura d'uomo.

... tu donna italiana che se la tira con l'ultima moda e di figli ne basta uno ... la musulmana ne sforna quattro di media e dove noi contiamo la crescita del 1,4 l'islam ne conta 8,6 che vuol dire bastano vent'anni per un' Europa con 104 milioni di islamici "naturalizzati" e quindi non solo a pieno diritto statale ovunque si trovano, ma con i parlamenti governativi stravolti, perché la Sharīʿa, del nostro ordinamento politico, ne farà della veloce spazzatura ... e sarà il Grillo genuese ricordato come la voce di una coscienza per dei pinocchi che non gli han dato retta ...

Il Giornale ringrazia.
.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Paolo C.

avatar

Messaggi : 105
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 46
Località (indirizzo completo) : Malgrate (LC)

MessaggioTitolo: Re: Italiani brava gente ...   Mer 9 Nov 2016 - 13:09

Ha vinto Trump

Question Question scratch scratch

_________________
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5155
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Italiani brava gente ...   Mer 9 Nov 2016 - 14:06

Paolo C. ha scritto:
Ha vinto Trump

Question Question scratch scratch

… hanno vinto i poveracci, gli indigenti, chi protestano, gli operai senza lavoro, coloro che chiedono la dignità come cittadini americani, l’agricoltura danneggiata dalle importazioni, imprenditori traditi dal sogno americano, hanno vinto la Lega di Salvini e il 5 Stelle di Grillo con il Robin Hood Trump e com’è successo in Italia in passato, ha vinto la corrente di protesta messa in ginocchio dagli interessi privati, dai piani di conquista mondiali, dall’avidità ebrea che dietro la democrazia ha distrutto intere Nazioni orientali ...

Trump meglio della Clinton? Per dirla all’americana, la legge di Murphy; Se qualcosa può andar male, andrà male.

… Obama fu eletto per tenere buone le masse di colore, una pedina scelta per interessi ben differenti da quanti americani si aspettavano. Sulle politiche internazionali ha coltivato il Daesh contando sulla complicità dei sauditi a spese di Iraq e Siria con l’obiettivo di eliminare Assad …

La Clinton completamente ammantecata con la massoneria finanziaria delle multinazionali, istericamente propensa in atti inconsulti e ricattabile per troppi scheletri negli armadi, pronta a mettere l’Europa della NATO contro i russi a nostre spese e peggio totalmente indifferente ai reali problemi di una grande Nazione sull’orlo del collasso con 19,800 trilioni di dollari di debito pubblico.

… chiariamo che le propagande elettorali e i presidenti scelti sono effetti a scoppio ritardato, dove promesse fatte sono ritirate con imprevedibili cause potenziali tutte da verificare, generalmente, dov’è ormai tardi porre rimedi …

Trump diventa presidente del tutto contro tutti, persino dai suoi sostenitori ritirati, la sua classe miliardaria che di fronte alle dichiarazioni ha sentito i messaggi diretti verso il 46% dell’America insoddisfatta e peggio alla fame.
Scrivere “alla fame” pare esagerato?

… allora guardiamoci attorno, e piantiamola di fingere che in Italia si sta meglio che altrove …

Il Giornale ringrazia.

.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5155
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Italiani brava gente ...   Gio 10 Nov 2016 - 18:37

.

... soltanto una parte americana, quella ricca, protesta Trump ... e gli americani come noi italiani siamo pilotati dall'informazione e gli organi preposti si trovano nelle mani di coloro che hanno grossi interessi a discapito delle popolazioni votanti ... in America non c'è stata nessuna vittoria popolare.

Come non ce ne sarà in Italia sul referendum costituzionale.

Il regolare redattore del ‘Financial Times‘ Martin Wolf sottolinea che i potenti del club Bilderberg sono assai scontenti dallo stato attuale delle cose e, in particolare dell’elevata popolarità del miliardario e candidato repubblicano per la presidenza degli Stati Uniti Donald Trump.

Secondo le informazioni del suo profilo, Wolf è “sorprendentemente ben collegato alle élite per cui scrive” ed ha molti amici tra i banchieri più influenti, indicando che sa bene di cosa parla. Nell’articolo intitolato ‘I perdenti economici in rivolta contro le élite’, Wolf scrive che i “perdenti” economici rigettano “le élite che dominano la vita economica e culturale del Paese” e che “le potenziali conseguenze sono spaventose“.

Affermando che “potrebbe essere troppo tardi” fermare l’ondata populista di Trump, Wolf osserva che le élite “hanno preso le distanze da lealtà e preoccupazioni nazionali, creando invece una Super èlite globale“. I “populisti nativisti non devono vincere. Conosciamo la storia: finisce male. Nel caso degli Stati Uniti, il risultato avrà gravi conseguenze globali”.

Perché il club Bilderberg non è felice di Donald Trump?

Le parole di Martin Wolf sembrano una minaccia al mondo per non aver obbedito alle regole del mentore onnipresente. Ma perché il club Bilderberg non è contento di Donald Trump? La prima ragione che può preoccupare l’élite globale sono gli accordi commerciali, come ad esempio l’accordo di partenariato economico Trans-Pacifico (TPP). Secondo varie stime, solo negli Stati Uniti, nel 2025, altri 450000 posti di lavoro spariranno, colpendo molti cittadini e l’economia degli USA, mentre i globalisti di Bilderberg, Council on Foreign Relations e Rockefeller, come evidenziato sul blog del candidato al Congresso degli Stati Uniti Jon Rappoport, contano sul TPP. “E’ uno dei loro preziosi frutti. Vogliono minare l’economia degli Stati Uniti, nell’ambito del programma per aprire la via al pianeta sotto un unico sistema di gestione. L’impero globalista”. Sembra che Donald Trump ne saboti i piani per il caos economico globale e la supremazia indiscussa della mega-società.

La Russia non cede al club Bilderberg.

La seconda tendenza che può infastidire i potenti del mondo è la sua posizione verso la Russia e il Presidente Putin. Il miliardario ha ribadito a più riprese che supporta le azioni della Russia in Siria e ha detto che l’opposizione armata siriana, sostenuta da Washington, sarà peggiore per il Paese e il Mondo. Inoltre, in una conferenza stampa del 17 dicembre, il Presidente russo Vladimir Putin ha detto che Trump è “un uomo di talento e brillante”, ed è anche “il leader assoluto della corsa presidenziale negli Stati Uniti“; a ciò Donald Trump ha risposto definendolo un “grande onore”. La vittoria in Trump può aprire una nuova fase nelle relazioni tra Stati Uniti e Russia, non redditizia per il club Bilderberg che non vuole un candidato presidenziale fuori dal suo controllo.

Chiaramente, grazie a ricchezza e possibilità il club Bilderberg non si fermerà davanti a nulla per raggiungere i suoi obiettivi e far vincere un suo candidato, ad esempio Hillary Clinton, come se fosse la ghigliottina mondiale. Ma lo stato attuale delle cose dimostra che il mondo è in fase di transizione e si risveglia dal letargo imposto dalla élite globale.

Mi auguro che il senso comune del mondo multipolare e le giuste relazioni prevalgano.

Il Giornale ringrazia

.


Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5155
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Italiani brava gente ...   Gio 10 Nov 2016 - 18:47

.

..... italian opinion

“Tutti attaccavano Donald Trump per lo stile sgangherato più che per quello che diceva, e lì ho capito che avrebbe vinto perché intercetta meglio degli altri la gente comune, sa parlare a questa gente a differenza di una signora, Hillary Clinton, che parla solo ai loro amici”. Vittorio Feltri, intervistato da Pietro Senaldi, commenta così il suo editoriale “preveggente” del marzo scorso sul Giornale, quando solo tra i giornalisti italiani osava predire un futuro da presidente per il vulcanico tycoon candidato repubblicano. Gli americani dopo la bolla del 2008 non si sono mai veramente ripresi, osserva Feltri, “proprio come noi e infatti in Italia Trump avrebbe vita facile”.

Un pensiero anche per tutti gli opinionisti di sinistra, da Severgninia Rondolino a Riotta, che gridano ora alla “crisi della democrazia occidentale”: “Tutti signori che volevano il socialismo reale e la democrazia sovietica, volevano Stalin e ora criticano Trump. Sono come quei bambini che se non giocavano in attacco portavano via la palla”. La verità è che la gente è stanca e irritata di politicamente corretto, apertura totale agli stranieri, trascurare i cittadini indigeni a favore degli extracomunitari, e quando c’è da votare si vedono i risultati.

Il Giornale ringrazia

.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
sharky63



Messaggi : 168
Data d'iscrizione : 16.12.13
Età : 54
Località (indirizzo completo) : Via Gandhi 1

MessaggioTitolo: Re: Italiani brava gente ...   Ven 11 Nov 2016 - 17:40

Ma io mi chiedo:"Come si fa a prendere come esempio di Democrazia un paese che ha sancito la fine della schiavitù solo nel 1865 e che ancora soffre di lotte interne per problemi legati al colore della pelle?"
E' come prendere Rocco Siffredi come eroe della castità Very Happy
Poi in quanti sanno la differenza fra Demokrazia e ResPubblica?

Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5155
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Italiani brava gente ...   Sab 12 Nov 2016 - 11:43

.

.......... ma dai, dopo avere esportato democrazie in tutto il mondo con la NATO, Bin Laden, talebani e Al Qaeda, Califfato, ISIS con Daesch, associazioni a delinquere con Bush&clintoniani agli ordini dei sionista Gruppo Bilderberg, il Nobel obabana per i negri incazzati arriva la repubblica dei cani a tirare su le brache calate degli americani ..........e poi è questa la Democrazia vera negli states:

La sconfitta brucia troppo all'elité fianziaria da organizzare sommosse, petizioni e ricatti ai grandi elettori. Giustamente se l'elité applica questi metodi all'estero, perchè non li deve applicare a casa propria? Soros non è uno che ama perdere, e come lui sono quelli che hanno finanziato la Clinton. In testa tra i contribuenti l'Arabia Saudita con 25 milioni di dollari versati ufficialmente, Kuwait 10 milioni, Coca-Cola 10 milioni, Rockefeller Foundation 25 milioni, George Soros 10 milioni (tanto che si scrive Hillary e si legge Soros), Wall Street e società finanziarie 44,1 milioni, Donald Sussman, manager di fondo speculativo, 21 milioni, J.B. Pritzker e sua moglie, erede catena alberghiera Hyatt, 16 milioni, Haim Saban e moglie, produttore TV, 11 milioni, Daniel Abrahan, finanziere, 9,7 milion, Fred Eychaner, finanziatore dei democratici, 9,3 milioni, James Simon, finanziere, 8 milioni, Steve Spielberg, fondatore Dream Works Animation, 1 milione, Jeffrey Katzenberg ceo della Dream Works Animation, 1 milione. Una lunghissima serie di contribuenti con cifre vicine al milione e l'Italia è tra questi.
Pensate che gli interessi di questi personaggi possano essere messi in pericolo da Trump? Trump dovrà scendere a compromessi (se non lo ha già fatto) altrimenti continueranno gli atti ostili, con ogni mezzo, dei finanziatori Clinton.

Sento in sottofondo il profondo e cupo eco di tamburi degli antichi nativi indiani annunciare la pandemia sterminatrice dei figli prediletti di jhaweh.

lol!

Un saluto dal nordico Sven.

.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5155
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Italiani brava gente ...   Gio 17 Nov 2016 - 17:20

.

Fatto e Informazione.

… analisi speculativa significa; Relativo all'indagine e alla riflessione teorica …

Siamo certi che l’informazione riporti i fatti senza alterare i contenuti? Nessuno sano di mente ci crede e vediamo l’indagine incominciata proprio sul fatto. Esempio, l’incidente automobilistico. I meno credibili in primis, sorprenderà, sono entrambi i conducenti. Dove ognuno tende la deformazione sulle responsabilità addossate all’altra parte. Se dubitate fatevi un serio esame di coscienza su un incidente in cui site stati coinvolti con altre persone. La colpa anche se nostra si rivolge sempre a terzi. Perché succede?

… la maggior parte di incidenti, di qualsiasi tipo, è causato da distrazione e se ti trovi con la testa altrove come si può essere testimoni delle personali responsabilità? L’azione e il controllo sulla medesima, sono attenzioni separate. Esempio; guidare un’auto a velocità elevata regge finchè il controllo non manca, nonostante la massima attenzione del conduttore. L’azione ha causato un incidente dove il medesimo causatore spiegherà diversamente da testimoni attendibili presenti sul luogo. Ammettiamo tre elementi di testimonianza, il conduttore, il testimone a sinistra dell’incidente con l’altro che ha assistito sul lato destro …

Le differenti angolature “punti di vista” danno immancabilmente versioni in buona fede se non completamente in parte diverse. Come accade?

… dipende dalle informazioni raggiunte dall’ottica “osservazione” al cervello …
Chi guida l’auto in causa, nei brevissimi istanti che precedono l’incidente (la mente) bypassa il sistema analitico da proteggere sul sistema reattivo. Il conducente “registra l’incidente” attraverso un’informazione distorta, simile ma non identica al fatto accaduto. Lo stesso succede inconsciamente ai rispettivi testimoni, dove coinvolti come spettatori subiscono “se spaventati o scioccati” l’informazione deformata.
Il Fatto per alcuni appare Reale dove per diventare tale, passa attraverso l’accordo dato per assunzione, in questo percorso in cervello “magazzino dati” subisce inconsciamente la sua propria identità attribuita alla personalità del ricevente. Vale a dire, una realtà accordata e non Reale, abbastanza simile ma non uguale al Fatto.
L’informazione passa attraverso aspetti significativi quanto trascurati della massima importanza.

… abbiamo il Fatto che dev’essere accettato come Accordo per ritenerlo Reale. Ritrasmesso mediante punti di vista individuali, cioè espressi da differenti personalità per natura positivi o negativi dove la notizia assume comunque la distorsione sull’informazione …
Le elezioni americane hanno presentato due candidati incredibilmente opposti all’opinione pubblica (italiana) e per il resto europeo dove Trump è stato dipinto come un beota, un anti femminista, un irresponsabile, dal frasario offensivo dagli organi di stampa “compresa la nostra corrispondente Giovanna Bottero pagata 200 mila euro l’anno” che ha contribuito a far credere il messaggio americano sostenuto a sfavore di Trump, sennonchè, leggendo le recensioni francesi m’incuriosisce la scoperta sulle manipolazioni fatte pervenire interagendo sulle “traduzioni” linguistiche. Quindi i Fatti sull’informazione mediatica non sono stati Reali, ma per cause controverse di poteri occulti, le notizie diffuse dalle stampe internazionali sono state in parte manipolate e alterate da qualificati “opinionisti”.

… un grande opinionista della stampa TV è stato Emilio Fede accanito leccapiedi del Berlusca dove la notizia politica derivava dalla sua configurazione politicamente assunta contro altre correnti avversarie. Facile capire, anche per il neofita disinteressato, che il sentito dire non è un corrispettivo duplicato, ma si trova da “effetti insorti” lontanamente dalla Realtà effettiva …

Incuriosito sono andato alla ricerca di recensioni giornalistiche scoprendo sia dagli States che da osservatori tedeschi e inglesi, denunciando per la durata della campagna presidenziale una voluta e programmata disinformazione che Trump ha saputo aggirare rivolto ai media indigenti (92 milioni di disoccupati) delusi dalle informazioni pilota conosciute dai bessi ceti americani provati da anni dalla recessione economica. Questi hanno portato Trump alla vittoria e le lobbie’s (leggi gruppi di pressioni e finanziatori) a favore della Clinton a perdite investite molto ingenti.

… in nessuna Nazione si elegge un presidente con i voti della popolazione. In Italia si vanta un parvenu neppur eletto ma “raccomandato” da Napoli pensionato con quasi 900 mila euro all’anno. Il fascismo italico fu proposto e sostenuto dalla corrente autoritaria monarca a loro favore e per l’italiota vittima cambiò con alcuni privilegi e peggiorando in seguito. Il comunismo sovietico si liberò del potere zarista piombando in una politica disastrosa. Hitler salì al potere ella Cancelleria del Reich appoggiato dalle industrie tedesche sull’orlo del tracollo e il popolo germanico era sull’orlo della guerra civile …

L’Italia intera si è bevuta l’informazione esterofila facendosi un’idea sul prossimo presidente degli Stati Uniti artefatta e se così è stato bisogna chiedersi con quale scopo? Perché non siamo stati informati realmente per correttezza? La risposta è facile, l’informazione è diventata il “can pastore per il gregge “di pecore da condurre docilmente sui pascoli stabiliti. Ci lasciamo indottrinare attraverso la pubblica ottusità dove tutti quanti si sentono intelligenti dal sentito dire.

… ma il “sentito dire” lo avete almeno indagato? Un dubbio ha spinto l’attenzione a delle verifiche? Siete perlomeno consapevoli che siate ingannati con facilità proprio dalla vostra noncurante indifferenza? L’italiano se ne frega di Trump, di chi dice di votare il sì e il no. Di capire l’immigrazione come fenomeno di massa, del riscaldamento globale, d’essere il più tassato dopo la Svezia in Europa, di avere perso le industrie trainanti di un’economia strumentalizzata da pianificazioni internazionali, a noi non interessa nulla, ci basta la deriva sull’informazione, un pagliaccio in camicia e jeans e un papa in contraddizione che parla d’integrazione religiosa musulmana, dopo averne visto gli effetti su decine di migliaia di vittime ammazzate … il buonismo idiota va a braccetto con l’ignoranza …

L’ignoranza si crea con la disinformazione.

Il Giornale ringrazia

.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5155
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Italiani brava gente ...   Gio 24 Nov 2016 - 14:49

.un anno fa.

Oggetto: Falsa informazione?  
.

Molti di voi sono portati ad una prima ipotesi su ciò che le notizie riportano. Ma la mia domanda è la seguente: vi siete mai fatti una domanda approfondita sulle notizie che vi danno? Con tutto ciò che dietro comporta? Annessi e connessi?

Io si e mi sono reso conto da parecchio tempo, che sotto quel sottile velo, si nascondono strade lunghe e tortuose.

Sven ti stai riferendo alla politica?

... macchè, fosse soltanto l'imbroglio istituzionale insopportabile da anni, l'agonia dell'informazione adulterata trasformata in opinione: la stessa usata per rispondere alla tua domanda ...

Ti riferisci ad altro?

... questo sarebbe un portale modellistico, riferirmi in questo, l'unico notiziario è il Giornale di Sven e le fotografie non possono falsificarsi, solo commentare o no ...

Allora non capisco il thread aperto?

... nessuno capisce più niente e tutti sono diventati intelligenti senza dire nulla, tacendo si avallano tutte le fandonie ascoltate, il silenzio e l'indifferenza seppellisce l'umanesimo vero regredito nel sordo mutismo ... costatare la morte di un cadavere è l'essenza del respiro, la bocca non emette aria ingoiata ...

Alludi alla parola come comunicazione, informazione e a che altro?

... esiste il bombardamento mediatico dove ogni annuncio è pressoché clamoroso: facciamo una santa, ha realizzato un miracolo, ma il Po è sceso stagionalmente di tre metri sotto il livello ... le banche perdono la sicurezza sui depositi ... chi hanno colpe paghino e qui, nessuno ci crede ... nell'Egeo muoiono altri profughi ... al governo Turco si danno tre miliardi e trecento mila euro per "contingentare l'esodo" ... Washington appoggia il sultanato di Erdogan ... le musiche natalizie disturbano le "integrazioni" ... nell'ottantacinque sfilavano i cammelli in via Monte Napoleone ... nello stesso inverno nevicava e adesso siamo all'asciutto ... Cortina con lo struscio non si lamenta delle presenze VIP ... e la ripresa dei cantieri nautici ringrazia la dismissione della tassa sulle imbarcazioni di lusso ... la minigonna con i collant invernali si accorcia ... le porte sante si oltrepassano senza pagare un euro ... la Germania insiste sull'embargo russo ... Obama appoggia il sultanato di Erdogan ... quattrocento cinquanta militari italiani presidiano i lavori sulla diga di Mosul ... è il Gruppo Trevi di Cesena ad aver vinto la commessa, del valore di oltre 2 miliardi di dollari ...

Interessante disquisizione ..........  affraid

Sven, com'è il Natale 2015?

... era più bello quando si stava peggio. Un'arancia e un cioccolato e adesso per i bambini cattolici il cellulare e per quelli del califfato il kalashnikov ... ai pensionati riducono l'obolo ... diminuiscono i consumi aumentano i costi ... si ammazza il vicino, la moglie, il marito, i figli, chi conosci e chi non conosci ... la Cina quota lo yuan ... le polveri sottili aumentano nell'aria ... un cammello, finalmente, è passato dalla cruna di un ago ... Monti ha venduto lo yacht da ventun metri ... i rom vendono auto rubate ... le strade sono ben asfaltate ... le persone ben educate ... ascoltano le allucinazioni renziane ... la Boschi si dimette ... gli asini volano ... non aprite quella porta ... beati i poveri e fortunati i ricchi ...

Sven, il tuo realismo è agghiacciante.

... tutta colpa del "clima" natalizio favorevole all'integrazione ... razziale santa cherry Sleep drunken bom

Un anno dopo.


Sven, com'è il Natale 2016?

Montesano, l'attore, diceva: napocalisse!

.catastrofico, sconvolgente, spaventoso, tragico, disastroso, terribile, tremendo, atroce, rovinoso.

... direi niente di tutto questo. Tanto chiasso per nessun risultato intelligente. Il tutto contro tutto porta soltanto caos, divisioni, acredini, sfasci culturali ed esistenziali, perdite di fiducie istituzionali con un solo singolare vantaggio: costringe le menti ancora non soggiogate e pensare in proprio ...

Il risveglio della consapevolezza si deve esattamente al disgusto verso gl'inganni arrivati all'insopportabilità della percentuale umana in possesso di una testa con dentro un cervello funzionante senza suggerimenti esterni.

... il Natale 2016, come sarà individualmente dipende unicamente dalla nostra scelta ... che non dipenda dalle politiche ... dall'evocazione religiosa del 25 dicembre ... ma dal nostro scopo e cioè come lo vogliamo indipendentemente dalle correnti d'informazioni adulterate. L'America e la Russia, con la Cina e l'India, la Brexit e il referendum costituzionale, sono completamente irrilevanti nell'intimità familiare, in un bilancio economico compromesso, delusi e depressi dopo un altro anno d'illusioni distribuite in chiacchiere spese sulla disinformazione globale ...

.


Ultima modifica di Sven Hassel il Ven 29 Set 2017 - 17:25, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5155
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Italiani brava gente ...   Dom 4 Dic 2016 - 14:07

.

La stragrande maggioranza che ha votato oggi sul referendun costituzionale si pentirà amaramente a partire da domani.

... chi dimentica il passato è costretto nel riviverlo, e la memoria culturale sottosviluppata dell'italiota medio pressapochista reso ottuso dal sentito dire accetterà passivamente il cappio al collo da lui stesso deciso ...

......... ve la ricordate la battuta del grande Albero Sordi nel Marchese del Grillo ???????



... io sono io, e voi non siete un cazzo!

E' così che va in Italia.

.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5155
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Italiani brava gente ...   Lun 5 Dic 2016 - 0:56

.


.... abbiamo avuto il peggiore capo di stato napoli e ora tocca al matto in carica dimostrare il contrario accettando senza respingere le dimissioni del parlor fanfarone ... incomincia una lunga strada in salita decisa finalmente con la consapevolezza che vincere non significa nulla, senza combattere duramente ....

Sven chi ha veramente vinto oggi?

... ma diamine, è chiaro, hanno vinto chi hanno perso! In politica chi perde ha sempre detto a grande voce di avere vinto. Ma sono domanda da fare?

Viva l'Italia.

.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5155
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Italiani brava gente ...   Mar 6 Dic 2016 - 21:06

.

... dopo che chi hanno perso hanno vinto, a chi tocca ora Sven?

Che domanda idiota!

Hollande e la Merkel



... gli ultimi due ottimisti del trio europeo.



.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5155
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Italiani brava gente ...   Gio 8 Dic 2016 - 17:19

.

Renzi kaput? No!

Lì per lì mi son chiesto: come mai Matteo Renzi se l’è giocata così male? Come mai le “riforme” che ha proposto agli italiani erano talmente fetenti che anche chi le riforme le voleva (come il sottoscritto) ha dovuto votare no? Ho dovuto ricorrere alle risorse di fantasia del mio complottismo professionale per ipotizzare: Renzi si è sacrificato per noi. Che sia stato obbligato dai poteri forti a "fare le riforme" non c'è dubbio. JP Morgan gliele aveva dettate nel 2013, a nome dei "Mercati": le costituzioni dei paesi sud-europei, nate come reazione ai fascismi, sono inadatte all'integrazione nella UE e nel mondialismo. "Forte influenza delle idee socialiste", i "diritti dei lavoratori" iscritti nella costituzione; governi deboli di fronte alle regioni, e creazione del consenso mediante clientelismo". Quindi: cambiare, il mercato globale ve lo chiede.
Referendum: e se il vero vincitore fosse Renzi? Renzi, eroico ha capito che doveva obbedire. Ma ha trovato la soluzione per la nostra salvezza nazionale: le riforme le ha fatte, ma rappezzate malissimo. Anzitutto, non ha fatto quelle che davvero servono, come la disciplina del sistema giudiziario e la licenziabilità dei parassiti statali e regionali; doveva abolire le Regioni, ha abolito le provincie — e anche loro così malamente, che le province sono ancora lì. Ha concepito cambiamenti per cui ha insieme prestato il fianco all'accusa di accentramento statalista, e potenziamento politico delle regioni — attraverso la incredibile ‘riforma del Senato', consistente nel riempirlo di assessori regionali non eletti, ossia (come ha scritto Economist) "il personale più corrotto della politica italiota". Per di più, la "riforma" ha esentato quelle che ne avevano più bisogno, le regioni autonome, in primo luogo la Sicilia — che andrebbe commissariata affidandola a SS lituane. Ha consegnato il Senato al suo partito in eterno, dal momento che il PD parte con avvantaggiato dalla presenza delle cinque regioni eternamente rosse. Renzi si è dimesso, ora al via le consultazioni al Quirinale. Ed ha giustificato la patologica raffazzonatura del Senato con la scusa che occorre accelerare l'attività legislativa: quando tutti gli italiani sanno che il problema delle camere è il profluvio, l'eccesso di leggi prodotti a manetta. Al 30 giugno, apprendo da una tabella di Iceberg finanza, le leggi approvate sono state 224; a fine anno saranno più di 500 — quasi due leggi al giorno. E nell'80 per cento dei casi le leggi sono state approvate con una sola lettura in ciascuna delle due camere, quindi rapidissime. Evidentemente, è l'incontinenza legislativa dei nostri (anzi loro) deputati da frenare, non il contrario. E non basta: ha tentato una riforma costituzionale senza riunire un'assemblea costituente, facendola votare da parlamentari ormai illegittimi perché eletti con una legge dichiarata non-costituzionale, e con un atto di forza del suo governo non-eletto. Poteva bastare? No, ha anche sparso monete sulle clientele, sperando di guadagnarle al suo rabberciato pasticcio, aumentando la spesa pubblica e il debito pubblico. Ha spaccato il suo partito, il PD, la "Ditta" di Bersani e D'Alema, ossia il più globalista e servo della UE, cosa di cui gli saremo eternamente grati. Infine, ha fatto il capolavoro: ha trasformato un voto sulle riforme costituzionali in un plebiscito pro o contro se stesso, Matteo Renzi: suscitando l'invincibile tentazione, o piuttosto riflesso condizionato del cane di Pavlov italiota, di mandare a ‘fan k…. chi governa. Renzi si dimette, ma il bello deve ancora cominciare. Ebbene: io non credo che Renzi abbia fatto tutto ciò per idiozia. Non posso crederci, non è da lui. Quindi o non resta che l'ipotesi complottista: l'ha fatto apposta. Dovendo obbedire a JP Morgan, ha eseguito il compito in modo tale da farci respingere sonoramente, con un NO di massa, le sue pseudo-proposte. Fino a suscitare in questo popolo addormentato, corrotto e passivo, un momento di ribellione e dignità. Grazie, Matteo Renzi. Hai fatto un capolavoro. Ti sei sacrificato per noi. Grazie, mio eroe. Hai lasciato sola la povera Angela, già orbata di Hollande: dei tre europeisti ne è rimasto uno, che sta come d'autunno sugli alberi le foglie. Gli analisti prevedono persino un'uscita dell'Italia dalla moneta unica…no, lo so che non avverrà. O meglio: avverrà senza che l'abbiamo preparato e voluto, ordinatamente. Avverrà come la rotta di Caporetto, caoticamente e con inutile superficialità e vergogna. Per intanto salutiamo il nostro grande sovranista-martire, il nostro kamikaze anti-UE, Matteo Renzi. Hai obbedito malissimo. Quindi, benissimo. (Naturalmente il pezzo va inteso nel senso del sarcasmo. In Italia occorre pre-avverire.) Originariamente pubblicato sul sito di Maurizio Blondet.

Sono d'accordo con l'ironia di Blondet che cavalca la passiva ottusità italiana del menefreghismo finchè non cade la tegola in testa.

lol!

.la cultura nutre l'anima e l'ignoranza la seppellisce.

.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5155
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Italiani brava gente ...   Lun 12 Dic 2016 - 21:08

.64mo governo.

..... i miei numerosi viaggi di studio in Francia mi hanno insegnato conoscere i politici che governano nazioni ...

Paolo Gentiloni è discendente della famiglia dei conti Gentiloni Silveri, Nobili di Filottrano, di Cingoli e di Macerata, imparentati con Vincenzo Ottorino Gentiloni, noto per l'omonimo Patto che a inizio '900 segnò l'ingresso dei cattolici nella vita politica italiana.

... significò autorizzare l'ingerenza vaticana negli affari di Stato e le conseguenze che ne seguirono durante il governo fascista ... un grazie alla Nobiltà monarca ...

Gentiloni frequenta un istituto montessoriano e riceve un'educazione cattolica (fa anche da catechista assieme ad Agnese Moro, figlia di Aldo).

Gentiloni entra quindi in contatto con il Movimento Studentesco di Mario Capanna, e dopo la confluenza di questo in Democrazia Proletaria Gentiloni rimane nel Movimento Lavoratori per il Socialismo (MLS) sino alla sua unificazione con il Partito di Unità Proletaria per il Comunismo.

Portavoce e membro della giunta Rutelli a Roma
Durante gli otto anni di direzione de La Nuova Ecologia Gentiloni si lega a Francesco Rutelli, di cui nel 1993, all'elezione a sindaco di Roma, diventa portavoce. In seguito ha ricoperto anche l'incarico di assessore al Giubileo e al Turismo.
Deputato per La Margherita (2001-2006)

Candidato alle elezioni politiche del 2001, Gentiloni è stato eletto deputato nelle liste di Democrazia è Libertà - La Margherita, di cui è stato uno dei fondatori.

Alle consultazioni politiche del 2006 Gentiloni è nuovamente eletto alla Camera dei deputati, dove ricopre, dal 2006 al 2008, l'incarico di Ministro delle comunicazioni all'interno del governo Prodi II.
Tra i 45 membri del comitato promotore nazionale del Partito Democratico nel 2007, Gentiloni è stato poi nominato, nel 2009 presidente del forum Ict dello stesso partito dall'allora segretario Pier Luigi Bersani, in rappresentanza della mozione Franceschini.

... si deve a Gentiloni la TV spazzatura che distribuisce falsa informazione e slavati programmi nelle mani di spregiudicate donzelle dalla De Urso alla De Filippi diseducando generazioni allo sbaraglio nell'apparenza senza sostanza ...

A maggio 2007 è stato varato un secondo testo di riforma che riguarda soltanto la RAI (atto Senato 1588/2007). Tra gli aspetti principali, la proprietà dovrebbe passare dal Ministero dell'Economia a una Fondazione; si avrebbe inoltre una separazione tra tv finanziata dal canone e tv finanziata dalla pubblicità, inoltre sarebbero cambiate le regole di nomina del consiglio di amministrazione. La riforma non entra mai in vigore.

Ricandidato ed eletto deputato nella XVI legislatura, dal 2008 al 2013 Gentiloni è membro della IX commissione (trasporti, poste e telecomunicazioni) e della commissione sui servizi radiotelevisivi.
Gentiloni è tra i primi "big" del PD a sostenere Matteo Renzi, participando ai convegni della Leopolda.

Alle elezioni politiche del 2013 è nuovamente eletto deputato per il PD. Nella XVII legislatura ricopre anche gli incarichi di membro della III commissione (Affari esteri e comunitari), del Comitato permanente Africa e questioni globali e di presidente della sezione Italia-Stati Uniti dell'unione interparlamentare.

... attenzione alla voce "Italia Stati Uniti" ...

Il 31 ottobre 2014 Gentiloni è designato come nuovo ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale del governo Renzi, in sostituzione di Federica Mogherini, chiamata ad assumere la carica di Alto rappresentante per la politica estera dell'Unione europea. Matteo Renzi lo preferisce al viceministro Lapo Pistelli, che di lì a poco lascia la Farnesina e la politica.

Da ministro degli esteri Gentiloni ha cercato di tracciare una via intermedia per l'Italia nello scenario di crisi multiple che la circonda, dalle guerra in Libia e Siria alle tensioni con la Russia. Gentiloni ha stretto una forte vicinanza all'omologo statunitense John Kerry e mantenuto aperto un canale di dialogo con il russo Sergej Lavrov.

In Libia Gentiloni è stato tra i principali sponsor di Fayez al-Sarraj come premier di conciliazione nazionale, pur con periodiche aperture all'uomo forte di Bengasi, Khalifa Haftar, sostenuto dall'Egitto. Il sostegno alla lotta delle forze libiche contro l'ISIS lo ha fatto definire da questi ultimi come "ministro dell'Italia crociata". La sua posizione sulla Siria è rimasta più sfumata e in linea con i partner europei.

Durante il suo mandato da ministro degli esteri sono più che triplicati i valori relativi alle licenze all'esportazione di armamenti, passando da meno di 2,9 miliardi di euro nel 2014 a oltre 8,2 miliardi di euro nel 2015, una cifra record dal dopoguerra. Tra questi primeggiano i programmi di cooperazione intergovernativa. Nel 2015 il MAECI non ha negato alcuna licenza di esportazione di armamenti. Dal 2014, inoltre, la relazione alle Camere sull'argomento non menziona i paesi destinatari finali di tali armamenti, rendendone difficile il controllo di legalità. Varie fonti hanno denunciato l'invio di oltre 5.000 bombe all'Arabia Saudita, parte belligerante della guerra in Yemen, così come di 3.600 fucili Benelli inviati alle forze militari dell'Egitto del dittatore al-Sisi.

... l’italica stirpe è ricordo sbiadito che si perde nella notte dei tempi. Santi, poeti e navigatori, vanto d’Italia, centrano come cavoli a merenda con l’attuale panorama umano … ammesso che tale ancora sia. Oggi la penisola è dominata dagli italioti, con la memoria storica della zanzara e le capacità critiche dello scarafaggio (bacolo, a Trieste). Non hanno neppure l’utile radar che consente di volare e di sopravvivere ai pipistrelli, e sono indifesi come larve. L’italiota contemporaneo, in tutta la sua insipienza, è l’ultima frontiera della manipolazione antropologica, della picchiata culturale, dell’azione involutiva di slot, talk-show e cibo-spazzatura. E’ il trionfo dell’eugenetica al contrario. La cosa più sorprendente è che non è stato necessario rompersi le balle come i nazisti, con il programma Aktion T4, le cavie, i laboratori. Un vero miracolo involutivo, realizzato utilizzando spregiudicatamente i media, il lavoro precario e i programmi televisivi per la massa, a dir poco generalisti. Un po’ di droga, di ludopatia, di pacifismo per pecorelle, di junk food a basso valore nutritivo e il gioco è fatto. Il semi-uomo nuovo di zecca, sotto-umano e incredibilmente docile, è pronto e scodellato. Persino il disturbatissimo Nietzsche, secondo il quale la schiavitù dei sotto-uomini era lecita al servizio dell’Übermensch (superuomo), ne sarebbe sbalordito .............

BAH!

.IL Giornale di Sven si esime dal ringraziare.

.


Ultima modifica di Sven Hassel il Ven 29 Set 2017 - 17:30, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
borealis

avatar

Messaggi : 433
Data d'iscrizione : 18.03.13
Età : 46
Località (indirizzo completo) : San Paolo Solbrito (AT)

MessaggioTitolo: Re: Italiani brava gente ...   Mar 13 Dic 2016 - 8:56

Sven Hassel ha scritto:
.64mo governo.
....Un vero miracolo involutivo, realizzato utilizzando spregiudicatamente i media, il lavoro precario e i programmi televisivi per la massa, a dir poco generalisti. Un po’ di droga, di ludopatia, di pacifismo per pecorelle, di junk food a basso valore nutritivo e il gioco è fatto...

Aggiungerei anche "l'ultimo modello di cellulare" e le relative "offerte imperdibili" dell'operatore di turno, il vero oppio della società moderna.

Neonati in grado di interagire con un touch-screen ma non di tenere in mano il cucchiaio con cui la madre li sta imboccando.

Bambini di 4-5 anni sul passeggino col ciuccio, e a casa parcheggiati sul divano davanti al canale tematico dei cartoni animati, bocca aperta e sguardo inespressivo.

Due adolescenti al parco giochi, sedute sulla stessa panchina e ciascuna immersa nello schermo del proprio smartphone, su qualche 'social network' che il sociale lo sostituisce, anziché ampliarlo.


Rallegratevi, perché le cose più terrificanti le vedremo quando la nuova generazione di pargoli cresciuti con in mano uno smartphone e un videogame, anziché un libro, raggiungeranno l'età matura.

_________________
Ci sono i Modellisti, e poi ci sono i...


Il Nobel per l'Ignoranza a questo Anonimo:
"...Ho cercato informazioni sui nobel assegnati sul modellismo senza trovare assolutamente niente, e ora come la mettiamo?..."
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5155
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Italiani brava gente ...   Mar 13 Dic 2016 - 9:34

.



                     ............. quando fu scoperto che se l'uomo poteva essere portato a credersi un qualcosa diverso di quello che era, questo poteva migliorare, o peggiorare la sua esistenza ...............



.la domanda sarebbe: sai che cosa sei?

.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5155
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Italiani brava gente ...   Dom 18 Dic 2016 - 15:39

.

Che cosa intendo dire, mi chiedono?

............. quando fu scoperto che se l'uomo poteva essere portato a credersi un qualcosa diverso di quello che era, questo poteva migliorare, o peggiorare la sua esistenza ...............

Undicimila anni fa una cultura indiana capì che l'uomo diventava quello che pensava e che poteva essere facilmente manipolato, suggestionato, ipnotizzato, spinto in azioni collettive e questo diventò a sua insaputa un burattino nelle mani di abili giocolieri.

... alcuni la chiamano forza di volontà, altri effetto placebo, oppure suggestione, usata per guarigioni o per arrivare neppur dove si immagina. Per me è solo l'intenzione per causare un effetto. Malamente e negativamente portato nel credere di ritenersi parte di una causa più grande di lui ne partecipa diventando un fanatico ... le religioni sono praticate da fanatici! Ci si sente tutti intelligenti, senza esserlo ...

Fanatico per definizione; esaltato, accalorato, accanito, fazioso, patito, sfegatato, eccessivo, sproporzionato, esagerato, sfrenato, entusiasta, morboso, intollerante, settario, esagitato, infatuato, invasato, maniacale, ossessivo, borioso, tronfio, vanaglorioso. Altri termini correlati: delirante, frenetico, estremista, facinoroso, ribelle, turbolento, amante, amatore, appassionato, cultore, fissato, maniaco, fan, tifoso, abbondante, audace, disordinato, drammatico, pazzo, schifoso, tanto, troppo, brutto, favoloso, pauroso, sfacciato, esclusivo, impaziente, partigiano, parziale, malato, ubriaco, prepotente, gonfio, orgoglioso, sprezzante, superbo.

Il contrario di fanatico; calmo, equilibrato.

.... provate a manipolare un individuo equilibrato, calmo. Fatica sprecata.
Fatelo con un audace di sport estremi. Un intollerante, estremista, fazioso, prepotente, maniaco, invasato, settario e poco importa se in politica o religione, non ci sarà nessuna fatica a convincerlo da che parte stare e si potrà facilmente enfatizzare la sua debolezza portandolo a credere qualunque sciocchezza fattibile come una grande impresa ...



Ho ascoltato più persone dire; ero predestinato. Balle, sono diventati dove volevano arrivare.

lol!

.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
plgGe



Messaggi : 25
Data d'iscrizione : 12.05.16
Età : 66
Località (indirizzo completo) : GENOVA

MessaggioTitolo: Re: Italiani brava gente ...   Lun 19 Dic 2016 - 15:06

borealis ha scritto:
... Rallegratevi, perché le cose più terrificanti le vedremo quando la nuova generazione di pargoli cresciuti con in mano uno smartphone e un videogame, anziché un libro, raggiungeranno l'età matura.
Condivido.
Mi è capitato di parlarne con Sven.
Le nostre generazioni sono cresciute con poca televisione e tanta carta stampata (magari i fumetti, comunque nulla di "irreale"); per giocare era necessario interloquire con altri coetanei (magari anche spindonarsi, quindi col contatto fisico e se usciva un po' di sangue dal naso non era disegnato al computer e si capiva immediatamente che c'era qualcosa che non andava anche perchè quando si arrivava a casa c'era il resto della lezione)  : quindi nulla di virtuale.
Adesso ci si sono messi anche i programmi di elaborazione grafica che ottengono effetti più reali del reale, altro che i cartoni animati.
Cresciuti a internet e "realtà" virtuale sarà difficile per loro, perchè disabituati,  discernere tra il finto ed il vero : sono pronti per la mega manipolazione offerta ad un mondo globalizzato composto da individui connotati da una égalité  culturale, terreno fertilissimo per chi sta attivamente costruendo le sorti del futuro pericolosamente uniforme e grigissimo.
Un futuro senza futuro.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5155
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Italiani brava gente ...   Lun 19 Dic 2016 - 18:57

.

... di sicuro interessa ben poco, perchè è così che va l'idiozia usata comunemente dal sentito dire



L’uso eccessivo di smartphone e tablet fa dormire male: le ultime ricerche su bambini, adolescenti ed adulti.

15 aprile 2016
Patologie di competenza psichiatrica e psicoterapeutica, Psichiatria, Psicoterapia.

La qualità del sonno sembrerebbe strettamente associata alle abitudini di vita, tra cui l’uso del telefono cellulare digitale (il cosiddetto smartphone) e la navigazione su internet. Uno studio ha individuato il rapporto tra qualità del sonno dopo un uso eccessivo del telefono cellulare per accedere ad un social network.



... insonnia - isolamento - nevrosi ottundimento sensoriale dell’intelletto?

La ricerca è stata condotta nel 2015 su 380 studenti universitari della facoltà di medicina residenti in Iran. I dati sono stati raccolti attraverso la somministrazione di due questionari: il Cell-Phone Over-Use Scale (COS) ed il Pittsburgh sleep quality questionnaire in soggetti che utilizzavano frequentemente il telefono cellulare per accedere ai social network.



... simbolismo - superficialismo - imitazione?

L’età media dei partecipanti era di 21,8 ± 3,2 anni, il 69,1% del campione era di sesso femminile e l’11,7% dei soggetti era sposato. La prevalenza di uso eccessivo del cellulare era del 10,7% mentre la prevalenza di scarsa qualità del sonno è stata del 61,7%. La scarsa qualità del sonno ha mostrato una significativa associazione diretta con la dipendenza da telefono cellulare mentre la durata del sonno era inversamente correlata alla dipendenza da smartphone. Il sesso maschile e lo studio della medicina generale sono risultati i fattori predittivi più importanti per il peggioramento della qualità del sonno.



... compulsività - ossessività - ripetizione? L'uso del fumo, delle droghe fra i giovani, l'alcol e la maleducazione sociale, frutto velenoso per un oggetto dipendente?

L’uso dei social network tramite smartphone, quindi, sembrerebbe associato a scarsa qualità e durata insufficiente del riposo notturno. Programmi predefiniti educativi, culturali e di intrattenimento dovrebbero essere rivolti ai bisogni essenziali degli studenti di medicina.
L’obiettivo di un altro studio è stato quello di esaminare l’associazione tra uso del telefono cellulare dopo aver spento la luce e disturbi del sonno tra gli adolescenti giapponesi.
Nella ricerca sono stati reclutati studenti delle scuole medie inferiori e superiori provenienti da tutto il Giappone. Un totale di 95680 adolescenti ha risposto ai questionari somministrati. Il tasso di risposta complessiva è stata del 62,9% e 94777 questionari sono stati sottoposti ad analisi.



... genitori compiaciuti, risultato scontato?



... ho messo la doppia foto, per ricordare il crimine genitoriale  geek

L’uso del telefono cellulare tutti i giorni, anche se solo per un breve periodo di tempo, ogni giorno, è stata riportata dall’ 84,4% dei soggetti valutati. L’8,3% dei soggetti ha dichiarato di utilizzare il proprio telefono cellulare per chiamare tutti i giorni mentre il 17,6% per l’invio di messaggi di testo ogni giorno o durante la notte (dopo aver spento la luce). L’analisi dei dati ha mostrato che l’uso del telefono cellulare per chiamare e per l’invio di messaggi di testo a luce spenta era associata a disturbi del sonno (durata del sonno più breve, scarsa qualità soggettiva del sonno, eccessiva sonnolenza diurna e sintomi di insonnia). Questo studio ha dimostrato come l’uso dei telefoni cellulari per chiamare ed inviare messaggi di testo dopo aver spento la luce sembrerebbe associato a disturbi del sonno tra gli adolescenti giapponesi.



... associazione - identificazione - assimilazione e la frittata sembra fatta?

L’ipotesi che un uso eccessivo del telefono cellulare possa incidere sul riposo notturno sembrerebbe confermata anche nei bambini. La breve durata del sonno, inoltre, sarebbe un fattore di rischio per l’insorgenza di obesità infantile. I bambini, infatti, usano sempre più spesso dispositivi di intrattenimento e di comunicazione elettronica come i videogiochi, i computer e gli smartphone.



Una ricerca ha valutato che l’uso notturno di tali dispositivi sarebbe associata ad una durata ridotta del sonno, un eccessivo peso corporeo, una dieta di pessima qualità e più bassi livelli di attività fisica.



... teste grosse, fisico obeso e dita agili

I risultati degli ultimi studi rafforzano le raccomandazioni della American Academy of Pediatrics già esistenti da tempo e relative all’uso eccessivo di TV ed internet nella popolazione pediatrica. Viene, infatti, raccomandato di ridurre la disponibilità di videogiochi e smartphone nelle camere da letto dei bambini. Tale ricerca ha individuato un campione rappresentativo di 3398 bambini canadesi. L’indagine comprendeva domande sugli stili di vita dei bambini e sui loro comportamenti avvalendosi della somministrazione di test specifici come l’Harvard Youth/Adolescent Food Frequency questionnaire, un questionario che valutava l’attività fisica insieme alle misure di altezza e peso. Nella ricerca sono state valutate le associazioni tra accesso notturno ai dispositivi elettronici e vari fattori: qualità di sonno, qualità della dieta, attività fisica e peso corporeo.



... si stanno preparando un mondo di rincoglioniti diverso dal nostro? Sono incaricati di procreare la continuità della razza umana senza sapere che cosa hanno sacrificato con l'evento della multi comunicazione?



... sapranno capire che la colpa fu dei genitori?



Dai risultati il 64% dei genitori ha riferito che il loro bambino ha avuto accesso ad uno o più dispositivi elettronici nella loro camera da letto. L’uso notturno di tali dispositivi sembrerebbe associato ad una durata ridotta del sonno, un eccessivo peso corporeo, una scarsa qualità della dieta ed a più bassi livelli di attività fisica in maniera statisticamente significativa.
Limitare la disponibilità di tali dispositivi nella camera dei ragazzi e scoraggiarne l’uso serale e notturno può essere considerato una strategia importante per favorire il sonno e ridurre l’obesità infantile.
In caso di disturbi del sonno in età infantile, adolescenziale o adulta è comunque sempre opportuno ricorrere al parere di uno specialista per evitare un aggravamento di tali disturbi nel tempo.



... domanda: quale sarà il suo QI fra vent'anni?

.


Ultima modifica di Sven Hassel il Lun 13 Feb 2017 - 9:24, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
sharky63



Messaggi : 168
Data d'iscrizione : 16.12.13
Età : 54
Località (indirizzo completo) : Via Gandhi 1

MessaggioTitolo: Re: Italiani brava gente ...   Mer 21 Dic 2016 - 12:02

Bhè, visto che con una delle ultime vignette mi "becchi" sul vivo ritengo di rispondere:
è vero che i genitori di oggi sono molto aggressivi e protezionisti nei confronti dei figli e difficilmente ammettono i loro (dei figli) sbagli (in famiglia ho una maestra che si confronta tutti i giorni con questa realtà), ed è altrettanto inconfutabile che si comportano esattamente come vedono fare dalla nostra classe politica giorno per giorno (l'ultima è il ministro dell'istruzione che si spaccia per laureata e poi ha la terza media, cosa grave non per il livello istruttivo ma per la chiara tendenza alla menzogna del soggetto che non dovrebbe avere accesso a ruoli pubblici). Però devo dire che anche il livello culturale di molti docenti è bassino (per usare un eufemismo) e ancora troppi usano il loro status per fare propaganda politica anzichè insegnare. Vivendo in una regione cosidetta "rossa" (che poi adesso a me pare marron m..da) ho dovuto sopportare e lottare per anni essendo da sempre un libero pensatore bastian contrario le vessazioni di 68tini del c..zo che volevano impormi le loro "Weltanschauung" e ti etichettavano come FASCISTA se cantavi fuori dal coro. Io quell'epiteto me lo sono tenuto caro, e tale sono rimasto, scoprendo poi che sono molto più socialista di loro con tendenze anarchiche Very Happy . Ancor oggi questa feccia inquina la squola (l'errore è fatto apposta) e semina ignoranza e chiusura mentale, appiattimento sociale e distruzione delle giovani menti. La loro sfortuna è che ci sono molti più genitori acculturati e le loro mancanze divengono evidenti, ed anche i ragazzi non sono scemi, ed una navigata in internet gli da una pluralità di risposte che una volta era limitata ai volantini distribuiti davanti alla scuola. Non è il mezzo che rende scemi ma come lo si usa, anche ai miei tempi potevi rincoglionirti (e quanti l'hanno fatto) o intossicarti di droghe e alcool, nulla è sostanzialmente cambiato, cambiano gli oggetti, i mezzi ma non il fine.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5155
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Italiani brava gente ...   Gio 22 Dic 2016 - 12:30

.

... caro amico tu cogli, minkia se cogli l'essenza grattando sotto la superfice della vernice stesa ad arte da chi pascolando le greggi ne hanno una gran paura. Ma perché si dovrebbero temere i propri simili?? Intanto si avvicina il 2017 "cabalisticamente di grandi imprevedibili svolte" e mi chiedo, se gli sforzi per contenere l'ignoranza umana, non stiano dando effetti contrari, mica siamo scemi per natura, è vero lo possiamo diventare come evitare ed è una scelta di parte

santa

.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Italiani brava gente ...   

Tornare in alto Andare in basso
 
Italiani brava gente ...
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 7Vai alla pagina : 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Seguente
 Argomenti simili
-
» Ultras brava gente, italiani brava gente
» Leghisti brava gente, ma...
» M.A.S. e mezzi d'assalto di superficie italiani
» "Italiani? Primi in maleducazione"
» AAA artisti italiani cercasi

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
LAVELLI GIOVANNI :: FORUM DISCUSSIONE-
Andare verso: