Il Forum dedicato al modellismo dinamico
 
IndiceIndice  PortalePortale  CalendarioCalendario  GalleriaGalleria  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Condividi | 
 

 Petra, il mio Tiger I

Andare in basso 
Vai alla pagina : 1, 2  Seguente
AutoreMessaggio
met5

avatar

Messaggi : 1141
Data d'iscrizione : 22.12.15
Età : 48
Località (indirizzo completo) : Roma

MessaggioTitolo: Petra, il mio Tiger I   Sab 9 Apr 2016 - 23:43

E' stato il mio primo carro 1/16,

l'ho presa che avevo paura a cambiargli la batteria.... per non fargli del male.

Ho imparato a smontarla, smonto e rimonto cingoli-ruote di trascinamento & gearbox che sembra di essere in una pit lane.

Esteticamente non gli ho fatto nulla, ho rimesso a posto qualche accessorio che aveva subito i segni del tempo.

Dopo avergli installato i riduttori Schumo, i cingoli in metallo, la nuova DMD che la gestisce meglio, lubrificato ingranaggi.... ora la gattina è pronta.

Pronta per andare in sala posa:











fuori mano per le fiere... aspettando Pescara.

Saluti

Fabio
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5245
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Petra, il mio Tiger I   Dom 10 Apr 2016 - 10:47

.

... potrebbe, di anni ne sono trascorsi una decina, uno dei primi soggetti zimmerati con la plastilina usciti dalla Factory di Sven. Fu l'epoca in cui si scontrarono le innovazioni prodotte nella Factory con il conservatorismo ottuso che dettero luogo in discussioni idiote, dove il tempo da grande divoratore di novità e giudice infallibile, premiò la semplicissima strada seguita dallo Sven che marcia da sempre in una sola direzione: AVANTI. Chi ti ostacolano non ti capiscono e subito ti danno addosso. Poi, si trovano costretti, ingoiando bile e digrignando i denti, sussurrare a loro stessi di non avere compreso il momento in cui perdevano troppi treni in corsa ... in tal caso sono i perdenti a decretare il successo dei vincenti ...

Merce utile e mai disdegnare il fallimento altrui che insegna e rafforza la corrente innovativa, tanto remare contro corrente, dove lasciarsi trasportare non solo è meno faticoso, ma nel fiume della vita s'incontrano acque sconosciute molto interessanti e tutte da scoprire. Sfiancarsi per rimanere nello stesso punto, che senso ha?

... la storia di questo Tiger "conservato nonostante un'attività costante" e recuperato casualmente da Fabio non solo ha iniziato passando da più mani, una seconda vita, che ha consentito al proprietario di iniziare (dal banco scolastico) la piacevole avventura di riportarlo nelle migliori condizioni senza stravolgerne l'aspetto originale ...

Belle fotografie nitide che esaltano la maschia macchina da guerra terrificante. affraid

Lunga e buona vita insieme lol!

.



Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
met5

avatar

Messaggi : 1141
Data d'iscrizione : 22.12.15
Età : 48
Località (indirizzo completo) : Roma

MessaggioTitolo: Re: Petra, il mio Tiger I   Dom 10 Apr 2016 - 12:46

Grazie Sven,
le foto sono state realizzate con una tecnica che permette, eseguito lo scatto di base, dare colpi di luce che vengono aggiunti allo scatto base direttamente in macchina.

In pratica la macchina registra la foto di base, poi si mette in stand-by per tutto il tempo che noi vogliamo, aspettando e registrando solo le variazioni luminose sulla base che lei ha già registrato. Alla fine la macchina somma tutto e sforna un file già pronto all'uso.

Ovviamente il tutto su treppiede e guardando a display ciò che stiamo producendo mentre lo facciamo.

Il file è un immagine molto tridimensionale, che sfrutta come di luci di studio fonti luminose quali torce di telefonini e simili... con un effetto che rende simile al vero l'oggetto fotografato.

Buona domenica e lunga vita e prosperità a tutti

Fabio
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Paolo C.

avatar

Messaggi : 105
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 46
Località (indirizzo completo) : Malgrate (LC)

MessaggioTitolo: Re: Petra, il mio Tiger I   Dom 10 Apr 2016 - 19:18

met5 ha scritto:
Grazie Sven,
le foto sono state realizzate con una tecnica che permette, eseguito lo scatto di base, dare colpi di luce che vengono aggiunti allo scatto base direttamente in macchina.

In pratica la macchina registra la foto di base, poi si mette in stand-by per tutto il tempo che noi vogliamo, aspettando e registrando solo le variazioni luminose sulla base che lei ha già registrato. Alla fine la macchina somma tutto e sforna un file già pronto all'uso.

Ovviamente il tutto su treppiede e guardando a display ciò che stiamo producendo mentre lo facciamo.

Il file è un immagine molto tridimensionale, che sfrutta come di luci di studio fonti luminose quali torce di telefonini e simili... con un effetto che rende simile al vero l'oggetto fotografato.

Buona domenica e lunga vita e prosperità a tutti

Fabio

Ciao Fabio,anch'io appassionato di foto. Mi spiegheresti meglio in privato questa tecnica per cortesia? Così non roviniamo il tuo post di off-topic.

grazie

Paolo flower

_________________
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
met5

avatar

Messaggi : 1141
Data d'iscrizione : 22.12.15
Età : 48
Località (indirizzo completo) : Roma

MessaggioTitolo: Re: Petra, il mio Tiger I   Dom 10 Apr 2016 - 21:43

Ok Paolo,
preparo il testo e lo metto in un altra discussione ad Hoc
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
met5

avatar

Messaggi : 1141
Data d'iscrizione : 22.12.15
Età : 48
Località (indirizzo completo) : Roma

MessaggioTitolo: Re: Petra, il mio Tiger I   Mar 12 Apr 2016 - 22:47

Oggi Petra mi ha fatto una domanda,

ho cercato una risposta. Gli ho chiesto che avrei chiesto al suo creatore. Si è vero, a volte neanche il creatore ha tutte le risposte. Ma magari questa volta si. Ma i numeri del carro li mettevano dove piaceva al comandante di gruppo?

Mi spiego meglio: la maggior parte dei Tigre ha il numero del carro ai lati della torretta, al centro:



qualche Tigre ha il numero del carro più avanti, sempre lateralmente sulla torretta:



pochissimi hanno i numeri sia lateralmente che dietro:





.... quindi i numeri con quale schema li mettono? Perché io ho i numeri solo dietro ? (domanda n.1)

e..... (domanda n.2) sulla piastra frontale in alto a sinistra c'è il simbolo del battaglione (quando c'è)



....perché io ho il numero del carro sulla piastra frontale?

Sven sai dare le risposte alla piccola Petra?

marziali saluti lol!
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5245
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Petra, il mio Tiger I   Mer 13 Apr 2016 - 9:21

.

... le domande sono come sempre intelligenti e curiose cheers e dare le risposte in questo caso devo usare l'interpretazione dei fatti più delle direttive in assegnamento ai battaglioni ...

Per capire le fotografie d'epoca si divide il conflitto in tre parti: la conquista - la resistenza e la ritirata.

L'osservazione sui panzer con i riconoscimenti marcati secondo la scrupolosa assegnazione tedesca fanno parte della fase di sfondamento evitando fra loro di interferire sulle regioni occupate.

Stanziati sui territori occupati i simbolismi di riconoscimento diventano labili, i tedeschi incominciano a nascondere al nemico quali battaglioni blindati si trovano di fronte (i panzer coprono in parte la loro identificazione ... si spiega la parte sul rommelkiste visibile) ... secchiate di fango e sparivano i numeri, secchiate d'acqua e ricompariva l'identificazione.

Il periodo del restringimento che porta alla disfatta germanica, i concentramenti panzer recuperati ovunque per essere inviati sulle linee, si dotavano di assegnazioni lampo e cambiavano in continuazione (non solo confondendo il nemico) ma per l'uso della propaganda che diffondeva forze blindate in campo inesistenti.

I panzer della Totenkop apparivano e scomparivano e diventarono la "Divisione fantasma" rendendo impossibile capire la forza schierata. Durante lo scontro l'avversario riconosce immediatamente l'equipaggio avversario e i tedeschi mandavano in linea personale reclutato senza esperienza, una facile preda da colpire. L'astuzia di disorientare il nemico dava il vantaggio dell'anonimato.

... in quanto al Petra: lo Sven usò una copia campione presa da una foto originale e seguì il desiderio del proprietario committente milanese ... il suo maggior pregio fu l'ingresso in scena con la zimmeratura "sconosciuta" una decina di anni fa, dove il carro montato, doveva apparire appena uscito dalle mani di un pittore rinascimentale ... la figura del panzer vissuto (addirittura sporco) dava il senso della protesta sulla manomissione di un oggetto ritenuto sacrale. Lo Sven, pagato i soggetti, ne ha sempre fatto il comodo suo ... sconti per ragioni pubblicitarie a me non ne hanno mai fatti ...

Decorando motociclette toglievo i marchi per renderle uniche ed esclusive nelle mani dei clienti. Idem per altri soggetti di marca. Il Petra è stato riconosciuto dopo anni per l'unicità soggettiva uscita dalla Factory di Sven e se fosse stato uno standarizzato si sarebbe perso nel mediocre. Oggi i carri passano di mano in mano senza storia e personalità con facilità e noncuranza .... gente, una decina e oltre, d'anni fa cavare da tasca 850.000 delle vecchie mille lire ci pensavo una settimana, credetemi.

Sbatto i tacchi soddisfatto lol!

Buona giornata per tutti.

.


Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
otto skorzeny



Messaggi : 103
Data d'iscrizione : 12.03.15
Età : 58
Località (indirizzo completo) : Via Rismondo 4

MessaggioTitolo: Re: Petra, il mio Tiger I   Mer 13 Apr 2016 - 13:50

Al di là di quanto riportato dallo Sven, tutto confermabile tanto che - a maggiore ragione - nell'ultimo anno di guerra molti carri sono privi di numerazione e simbologia, la numerazione (in condizioni normali) era riportata sui lati e sul retro della torretta.

I numeri non erano messi o colorati a caso ma erano una specifica che distingueva una divisione panzer d'altra, quindi potrai vedere numerazioni laterali poste al centro, verso il cannone oppure verso il retro della torretta.
Una ulteriore specifica era il tipo di carattere usato per il numero, anche questo era scelto in base alla divisione così come per la sua colorazione, quindi potrai vedere il primo numero grande una volta e mezzo i due successivi, numeri solo contornati, numeri contornati e colorati internamente e non.

Purtroppo la cosa si complica perchè la stessa divisione che operava in un certo teatro di guerra una volta che veniva spedita su un altro fronte poteva cambiare radicalmente il colore dei numeri e decidere se contornarli o meno - suppongo che fosse una scelta decisa con direttive dell'alto comando più che per interpretazioni personali.

Se si tenta di riprodurre un carro in un particolare momento la cosa migliore è sempre cercare dei riferimenti fotografici che ritraggano quel carro in quel particolare momento.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5245
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Petra, il mio Tiger I   Mer 13 Apr 2016 - 14:28

.


.... grazie Luca, l'informazione scritta visibile sta diventando la ragione della sopravvivenza dell'unico sito ancora attivo come forum "dicasi platea, arena, per discussioni" dove altri siti deviati dalle moderne comunicazioni virtuali si stanno cristallizzando inutilizzati ....

I tempi cambiano e la gente va alla deriva, ma questa è un'altra storia.

lol!

.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
met5

avatar

Messaggi : 1141
Data d'iscrizione : 22.12.15
Età : 48
Località (indirizzo completo) : Roma

MessaggioTitolo: Re: Petra, il mio Tiger I   Mer 13 Apr 2016 - 15:11

Ringrazio entrambe le signorie loro illustrissime. Riporterò tutto a Petra che ne sarà sicuramente tranquillizzata lol! lol! lol!

Saluto rigorosamente sugli attenti cheers
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5245
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Petra, il mio Tiger I   Mer 13 Apr 2016 - 16:01

.

..... che dite su questa ripresa??



... non siate timidi Sleep



study

.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
met5

avatar

Messaggi : 1141
Data d'iscrizione : 22.12.15
Età : 48
Località (indirizzo completo) : Roma

MessaggioTitolo: Re: Petra, il mio Tiger I   Mer 13 Apr 2016 - 17:33

Dico che hanno usato tutti gli strumenti giusti in modo corretto cheers

È una mia opinione, magari non condivisibile, che nella seconda foto il carro non è completamente a fuoco per tutta la sua lunghezza.

È perfettamente a fuoco la parte iniziale e centrale dello scafo, é leggermente sfocata la parte finale.

Questa scelta se da un lato abbraccia la teoria di una visione reale non permette la disamina della riproduzione in tutte le sue parti.

Per avere una profondità di campo maggiore sarebbe bastato chiudere un pelo il diaframma.

A parte questo bello il modello, belle le luci, corretto l'impiego della soft box che isola il modello.

Personalmente preferisco un tono di luce minore perché simula maggiormente la situazione di un museo.

Non ho mai visitato un museo di tank ma se andiamo a quello di Vigna di Valle il secondo ed il quarto hangar la luce è come nei miei scatti
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
otto skorzeny



Messaggi : 103
Data d'iscrizione : 12.03.15
Età : 58
Località (indirizzo completo) : Via Rismondo 4

MessaggioTitolo: Re: Petra, il mio Tiger I   Mer 13 Apr 2016 - 18:09

Potrebbe essere un carro della compagnia di Wittmann, ma per non sforare si dovrebbe controllare sui libri. Dalle ramaglie varie dovrebbe essere 1/35, in scala maggiore non è facile riprodurre la vegetazione se non ricorrendo a quella vera.

Un piccolo difetto, se no che suocera sarei?? Twisted Evil Twisted Evil Twisted Evil è il parafiamma annerito, di solito rimaneva bello pulito ed è un argomento già dibattuto in varie sedi, ma alla fine chissenefrega è un bel carro dipinto bene.

Saludos
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5245
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Petra, il mio Tiger I   Mer 13 Apr 2016 - 18:12

.

... caro Fabio le visite nei musei potrebbero deludere visti i restauri sconsiderati Suspect confused scratch geek

lol!

... questo scempio di colorazione ha ispirato altrettanti aborti inguardabili



Se qualcuno trovasse la mia affermazione troppo cruda, beh trovarselo nel mirino di puntamento sarebbe l'arlecchino da centrare

ps. l'ho postato per i cingoli ultima fornitura come i tuoi cheers

.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5245
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Petra, il mio Tiger I   Mer 13 Apr 2016 - 18:36

otto skorzeny ha scritto:
Potrebbe essere un carro della compagnia di Wittmann, ma per non sforare si dovrebbe controllare sui libri. Dalle ramaglie varie dovrebbe essere 1/35, in scala maggiore non è facile riprodurre la vegetazione se non ricorrendo a quella vera.

Un piccolo difetto, se no che suocera sarei?? Twisted Evil Twisted Evil Twisted Evil è il parafiamma annerito, di solito rimaneva bello pulito ed è un argomento già dibattuto in varie sedi, ma alla fine chissenefrega è un bel carro dipinto bene.

Saludos

... occhio fino per la volpe parmense, è in scala 1.35 e fa parte dell'epoca "a olio tirato" un lavoretto niente male valorizzato soprattutto nei particolari e non di meno fotograficamente. Le discussioni in merito al parafiamma annerito, caro Luca hanno dato i risultati sperati ... la necessità di togliere di torno i coglioni diventa utile per la sana diffusione modellistica ...

Cerea nèe

.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
met5

avatar

Messaggi : 1141
Data d'iscrizione : 22.12.15
Età : 48
Località (indirizzo completo) : Roma

MessaggioTitolo: Re: Petra, il mio Tiger I   Mer 13 Apr 2016 - 18:40

Sì i cingoli sono proprio quelli. ....

Lo schema di verniciatura è inguardabile.

Molto meglio la mia medusa.

A proposito: rimesso in effiecnza l'impianto luci (era saltato il notek posteriore, ho installato (autorizzato da Luca) un notek primo tipo) sono in corso i rifinimenti. 2 membri dell'equipaggio su 3 sono ora calamitati e sonk ok. Ora tocca al capocarro ed alla sua MG.

Non si chiude perfettamente lo scafo posteriormente , sui laterali, rimane un pochino d'aria) ma è bella lo stesso.

La torretta Porsche è una libidine. ...
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Paolo C.

avatar

Messaggi : 105
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 46
Località (indirizzo completo) : Malgrate (LC)

MessaggioTitolo: Re: Petra, il mio Tiger I   Mer 13 Apr 2016 - 18:44

met5 ha scritto:
Dico che hanno usato tutti gli strumenti giusti in modo corretto cheers

È una mia opinione, magari non condivisibile, che nella seconda foto il carro non è completamente a fuoco per tutta la sua lunghezza.

È perfettamente a fuoco la parte iniziale e centrale dello scafo, é leggermente sfocata la parte finale.

Questa scelta se da un lato abbraccia la teoria di una visione reale non permette la disamina della riproduzione in tutte le sue parti.

Per avere una profondità di campo maggiore sarebbe bastato chiudere un pelo il diaframma.

A parte questo bello il modello, belle le luci, corretto l'impiego della soft box che isola il modello.

Personalmente preferisco un tono di luce minore perché simula maggiormente la situazione di un museo.

Non ho mai visitato un museo di tank ma se andiamo a quello di Vigna di Valle il secondo ed il quarto hangar la luce è come nei miei scatti

Pienamente d'accordo con te.
Domanda: uno sfondo così tanto bianco non è troppo? scratch

_________________
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
met5

avatar

Messaggi : 1141
Data d'iscrizione : 22.12.15
Età : 48
Località (indirizzo completo) : Roma

MessaggioTitolo: Re: Petra, il mio Tiger I   Mer 13 Apr 2016 - 21:49

Paolo secondo le regole dello still life è corretto così bianco. Mi pare un pelo sovraesposto. Ma forse sbaglio.
Io preferisco i toni bassi.... cupi......rendono giustizia alle macchine terribili Basketball





Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
met5

avatar

Messaggi : 1141
Data d'iscrizione : 22.12.15
Età : 48
Località (indirizzo completo) : Roma

MessaggioTitolo: Re: Petra, il mio Tiger I   Mer 13 Apr 2016 - 21:51

otto skorzeny ha scritto:
Potrebbe essere un carro della compagnia di Wittmann, ma per non sforare si dovrebbe controllare sui libri. Dalle ramaglie varie dovrebbe essere 1/35, in scala maggiore non è facile riprodurre la vegetazione se non ricorrendo a quella vera.

Un piccolo difetto, se no che suocera sarei?? Twisted Evil Twisted Evil Twisted Evil è il parafiamma annerito, di solito rimaneva bello pulito ed è un argomento già dibattuto in varie sedi, ma alla fine chissenefrega è un bel carro dipinto bene.

Saludos

Chiedo alla suocera ...

poi a Sven.......

che ne dite ?



Sul Tiger,,,,,,, ovvio lol!
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5245
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Petra, il mio Tiger I   Mer 13 Apr 2016 - 22:00

.

... ti piace vincere facile cheers

.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
met5

avatar

Messaggi : 1141
Data d'iscrizione : 22.12.15
Età : 48
Località (indirizzo completo) : Roma

MessaggioTitolo: Re: Petra, il mio Tiger I   Mer 13 Apr 2016 - 22:16

22 vittorie...... mica male cheers
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
otto skorzeny



Messaggi : 103
Data d'iscrizione : 12.03.15
Età : 58
Località (indirizzo completo) : Via Rismondo 4

MessaggioTitolo: Re: Petra, il mio Tiger I   Mer 13 Apr 2016 - 22:48

Non ho capito cosa devi chiedere alla suocera, per il parafiamma ??? Stranamente è nero fuori e non da dove escono i fumi Cool Cool Cool
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
met5

avatar

Messaggi : 1141
Data d'iscrizione : 22.12.15
Età : 48
Località (indirizzo completo) : Roma

MessaggioTitolo: Re: Petra, il mio Tiger I   Gio 14 Apr 2016 - 5:42

Volevo chiederle l'opinione di entrambi sulla riproduzione dei segni sulla canna di Petra (su come riprodurli poi è un altro paio di maniche)

Vi piacciono ?

Saluti

Fabio

Ps: il simbolo dei carri distrutti sbaglio o ricorda un T-34?

Arisaluti
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5245
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 74
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: Petra, il mio Tiger I   Gio 14 Apr 2016 - 9:49

.

... vediamo di ipotizzare la storia bellica di un panzer zimmerato sopravvissuto su alcuni fronti, dove con parecchie probabilità hanno sostituito qualche motore, nonché visibile, monta la canna senza vernice che indica le forniture dell'ultimo periodo di guerra ...

Tempo e voglia di ascoltare la propaganda dipingendo le strisce, mentre la pressione nemica travolge una resistenza ridotta a precipitose ritirate (è la sensazione di una mia personale osservazione sul panzer) immaginarlo arrogante e superbo nel mostrare 23 centri "soltanto" dopo presumibilmente tre anni in azione, non converrebbe all'equipaggio.

... la foto lo mostra in una tundra (il carro dipinto un T34) e potrebbe appartenere al periodo di conquista, e le ventitré strisce ci stanno ...

Per Luca, in effetti, i giochi di luce danno l'esterno della bocca del cannone più scura che l'interno, derivata dal munizionamento antifumo?

Dipingerle, su due lati? Alla Sven: sottile pellicola adesiva, bisturi da chirurgo, nastro per allineare e incisioni a mano ferma. Aerografo, vernice molto diluita, spuzzate leggere quasi trasparenti.
Per chi dispone di un plotter: fa tutto lui e, si stende la pellicola ritagliata, si vernicia e finisc.

Furbata: si arrotola il nastro M2 attorno alla canna con la massima precisione per il numero di spazi desiderati, si nastra la parte da non verniciare, si tamponano gli spazi da verniciare con vernice acrilica da tubetto stesa su del cotone ed è fatta.

ps. le spiegazioni sono una cosa, metterle in pratica un'altra.

. study

... il panzer abbandonata da Wittmann con un cingolo fuori uso dopo il colpo ricevuto dagli inglesi a Bocage



... e il centrone patito a La Cambe



Diverse sono le teorie circa la morte di Wittmann: da un lato si sostiene che il suo carro sia stato colpito da un carro Sherman Firefly della 33rd Armoured Brigade; mentre altre fonti sostengono che il carro sia stato colpito da un razzo lanciato da un Hawker Typhoon.

.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
met5

avatar

Messaggi : 1141
Data d'iscrizione : 22.12.15
Età : 48
Località (indirizzo completo) : Roma

MessaggioTitolo: Re: Petra, il mio Tiger I   Gio 14 Apr 2016 - 12:03

Sven Hassel ha scritto:
.... le forniture dell'ultimo periodo di guerra.....mentre la pressione nemica travolge una resistenza ridotta a precipitose ritirate....

In quel momento erano impegnati a riportare a casa la pelle..... hai ragione al 100%. Durante la fase di conquista ci stà... ma Petra è il canto del cigno. Quindi si lascia così!

Grazie 1000 per la risposta.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Petra, il mio Tiger I   

Tornare in alto Andare in basso
 
Petra, il mio Tiger I
Tornare in alto 
Pagina 1 di 2Vai alla pagina : 1, 2  Seguente
 Argomenti simili
-
» Il panzerkampwagen ausf. V "tiger"
» vendo tiger 1 garanzia italia
» libri illustrati sul tiger I - panther - kv1 e kv2 ecc-
» Cerco TIGER I tamiya senza elettronica
» Il mio primo passo nel mondo dei carri RC: Tiger I early version HL

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
LAVELLI GIOVANNI :: MODELLISMO RC-
Andare verso: